/static/themes-v3/default/images/default/opinion/temoignage/intro.jpg?1516194360

Asma e BPCO: come smettere di fumare

Scoprite la storia di Michele, 64 anni e membri di Carenity con asma grave e BPCO.

Da quanto tempo soffri di asma?

Sono stato colpito dall’asma quando avevo 7 anni. Un’asma allergica molto grave con attachi d’asma cha ha disturbato la mia scolarità. Per riequilibrare la mia asma, sono finito in un liceo climatico tra 14 e 17 anni. Due anni a Briancon e un’anno a Osseja. Il clima di Osseja è stato molto benefico per la mia asma. Dopo il mio soggiorno a Osseja, non avevo più alcun segno clinico di asma.

Come hai scoperto la tua BPCO?

La diagnosi della BPCO è arrivata a causa delle conseguenze del mio lavoro, il quale non era del tutto consigliato per un asmatico. Perché ero saldatore e di più fumavo sin dall’adolescenza. Quindi ho una BPCO con asma dovuta al tabacco, all’età di 36 anni, sono stato riconosciuto disabile di seconda categoria.

Oggi fumi ancora?

No ovviamente. Ho smesso all’età di 46 anni. Il tabacco ha profondamente cambiato la mia vita. La mia asma era diventata disabilitante con la BPCO e l’enfisema. Mi dicevo: «tutto è rovinato, la malattia farà il resto». 

Durante questo periodo della mia vita, alzarmi la mattina era come un incubo. Stare in piedi mi stancava un sacco e fare la doccia era un percorso ad ostacoli. La sigaretta era allora come un amico, un sollievo. Avevo l’ossigeno a casa ma non potevo smettere di fumare…

Ho provato quattro volte senza riuscire, il tabacco era come un predatore che si lanciava su di me durante i miei tentativi per smettere. La dipendenza al tabacco è come una vita senza fine. Poi ho fatto un serio esame di coscienza su di me per superare questo nemico. Quello che mi impediva di smettere di fumare era la mia scarsa autostima.

Dopo questo esame di coscienza, ho capito di dovere combattere contro di me e contro questa dipendenza. Nel 2000, ho cominciato questa battaglia e ho smesso di fumare senza prendere nessun sostituti della nicotina.

In che modo il fumo ha modificato la tua qualità di vita?

Il fumo ha avuto un impatto importante nella mia vita, sui miei familiari e mia sposa, perché si sentivano angosciati. Mia sposa mi vedeva stare sempre peggio. Non potevo più avere rapporti sessuali perché ero stanchissimo a causa degli attachi d’asma, avevo perso questa parte molto importante della mia vita sentimentale…

Qual era la qualità della tua assistenza sanitaria?

Tutti gli operatori sanitari non sono equivalenti e rigorosi. Il semplice fatto di cambiare di medico di fiducia o di pneumologo mi ha permesso di avere un’asma meno grave e di avere un trattamento più adeguato.

Ci sono delle attività che non puoi fare a causa della malattia e che ti mancano?

Per colpa della mia enfesima, non ho più la forza di andare in bicicletta. Ma con l’abbandono del tabagismo, la mia vita ha trovato un nuovo senso. Posso andare a fare escursioni, tra 15 e 25 km al giorno. Non si tratta di fare una gara, soltanto una passeggiata ma senza essere stanco o senza fiato. A casa faccio attività fisica molto spesso, sono come un bambino che scopre la vita.

Vuoi trasmettere un messaggio ai nostri lettori?

Voglio sostenervi e aiutarvi a smettere di fumare. Voglio aiutarvi a vivere una nuova vita senza il fumo.

avatar
il 25/04/18

Bravissimo.anche io avevo smesso.poi ho ricominciato.sono bpco dal 2013. E come dici tu é  questione di autostima.eliminato il fumo si ritrova il piacere di vivere

avatar
il 08/06/18

Grazie per la tua bellissima testimonianza, è davvero un aiuto molto prezioso per chi vuole smettere di fumare una volta per tutte. L'unione fa la forza e sapere di non essere soli nella dipendenza è importante, sapere che qualcuno ce l'ha fatta e che sa quello che stai affrontando lo è ancora di più. La battaglia più grande da vincere è quella con noi stessi, continua così, hai tutta la mia amministrazione e l'appoggio di Carenity .

avatar
il 08/06/18
avatar
il 28/08/18

Wow, che storia! Grazie per questo tuo contributo, mi hai permesso di pensare ancora di più alla gravità del fumo e delle sue possibili ripercussioni.
Io fumo da quando avevo quasi 14 anni saltuariamente, ma nell'ultimo periodo della mia vita il numero di sigarette è aumentato a dismisura. Ho una voglia immensa di smettere ma ogni volta c'è una scusa per fumarne un'altra, per comprare un altro pacchetto di tabacco. Come posso rendermi definitivamente conto che questo vizio mi sta uccidendo?

avatar
il 19/10/18

Diagnosticata a 60 anni dopo 40 anni di tabagismo ( due pacchetti al giorno).........ho smesso ovviamente di fumare, faccio ossigenoterapia ma.......la voglia di fumare,  dopo un anno, si fa sentire ancora, ma BISOGNA RESISTERE! Almeno ora non faccio la maratona, ma riesco ad avere una buona qualità di vita. Smettete di fumare per favore, poi capirete!