"Per un diabetico, è fondamentale avere uno stile di vita sano"
Diabete tipo 2

picture testimonial
/static/themes-v3/default/images/default/opinion/temoignage/intro.jpg?1516194360

"Per un diabetico, è fondamentale avere uno stile di vita sano"

Scopri in questo articolo la testimonianza di Michel, membro di Carenity, che lotta contro il diabete dal 2010. A 56 anni, Michel resta positivo e ci parla del nuovo stile di vita che ha adottato dal momento della diagnosi.

   

1 - Ciao Michel, come hai scoperto di essere affetto da diabete tipo 2? 
Buongiorno a tutti voi. Nel 2010, sono stato molto male a causa di una grave pancreatite. Quando sono uscito dal coma, ho scoperto di essere diabetico.

2 - Ti aspettavi questa diagnosi?
Sì, in un primo momento sentire la parola “diabete” non è stato facile. Ho dovuto imparare ad affrontare questa situazione. Per fortuna, all’epoca mia figlia studiava medicina e questo mi ha aiutato.

Per esempio, seguivo un trattamento che mi era stato prescritto dal mio medico di famiglia, ma percepivo da diversi segni che non andava bene. Quindi, ho deciso di consultare uno specialista di questa patologia che lavora nel mio ospedale, il quale mi aveva consigliato di interrompere il trattamento perché mi faceva più male che bene. Da allora in poi, le mie analisi si sono migliorate.

3 - Quali sono state le maggiori difficoltà che hai incontrato finora?
All’inizio del mio diabete, ho dovuto valutare le mie esigenze alimentari nel corso della giornata. Mi ci è voluto un po’ di tempo per trovare il giusto equilibrio per evitare l’ipoglicemia.

Credo che prima di tutto bisogna imparare a conoscersi. Certo, questo è più facile a dirsi che a farsi. Da parte mia, è più semplice individuare i sintomi dell’iperglicemia (stanchezza, sbadigli...), piuttosto che gli effetti ipoglicemici, che sono più subdoli.

4 - Oggi, dici di avere uno stile di vita diverso. Ci puoi dire qualcosa di più?
Essendo curioso e intraprendente per natura, mi sono subito interessato all’alimentazione che un diabetico deve avere. Ho capito subito che in questo campo bisogna essere assolutamente rigorosi. Siccome mi piace cucinare, ho puntato principalmente su verdure crude o lesse, carni bianche, pesce e frutta a volontà. Per quanto riguarda il pane, sono convinto che si debba scegliere quello fatto di farina integrale o ai cereali. A mio avviso, è necessario evitare di consumare il pane bianco tradizionale. A prima colazione, mangio uno yogurt magro alla frutta con stevia e fiocchi d’avena. Cucino evitando burro, oli, fatta eccezione per l’insalata, per la quale prediligo oli ricchi come l’olio d’oliva o di nocciole. Questo rigore nel regime alimentare mi permette di tanto in tanto un piccolo strappo alla regola, concedendomi per esempio un dessert quando so che poi mi muoverò. Quando sono fuori di casa, ho l’abitudine di portare con me dei biscotti a base di grano e frutta secca.

Un altro aspetto che ritengo importante è l’attività fisica. Sin dall’inizio del mio percorso di diabetico, ho notato che lo sport è ideale. Certo, non è facile per tutti, penso in particolare alle persone con mobilità ridotta o in età avanzata.

Detto questo, fare un po’ di moto ogni giorno mi aiuta a controllare il mio peso, a mantenere una pressione sanguigna perfetta e a trascorrere notti tranquille. Da un anno ho un problema alla caviglia, ma mi alleno ogni mattina a fare un po’ di marcia. È uno sport alla portata di tutti e un buon modo per migliorare la respirazione. Peraltro, non c’è bisogno di andare necessariamente in campagna, io lo faccio in città.

E poi anche le faccende domestiche aiutano a tenersi in forma. Per me, lavare e riassettare fa bene al corpo e alla mente. Sapere che tutto è pulito e ordinato aiuta a vivere meglio :)

5 - Che messaggio vuoi dare ai nostri lettori?
Mando un messaggio di speranza a tutti coloro che ancora oggi vivono nel dubbio. Siate certi che viviamo in un paese in cui la salute di tutti viene presa in considerazione, i nostri ricercatori e laboratori compiono  ogni sforzo possibile per combattere le patologie conosciute, per il momento abbiamo un sistema sanitario che altri ci invidiano, abbiamo i mezzi per informarci e siamo protetti da vari organismi. Informiamo insieme i nostri giovani del fatto che rischiano di avere il diabete in futuro. E facciamo attenzione ai cibi grassi e ai piatti pronti!

_

Vuoi discutere con Michel della sua lotta contro la malattia? Iscriviti su Carenity e scopri la discussione dedicata a questa testimonianza.

avatar
il 11/06/18

Ciao Michel, Quasi ottimo il tuo stile ma ...sè eviti il pane integrale,i ceriali,  yogurt, olio , avrai fatto un bel " Terno Secco " per la tua Salute sè poi limiti la frutta che contiene moto fruttosio e eviti  il derivante di zucchero " Stevia" li tuo Diabete scenderà Drasticamente. Ottimo x il resto!!!  in Bocca al Lupo !!!......

By Eureka!

avatar
il 27/06/18

Purtroppo è molto soggettivo il tutto...alcuni dicono che la frutta fresca tranne alcuni tipi si può mangiare anche in quantità lontano dai pasti, altri invece parlano di solo due frutti al giorno...oppure c'è chi nonostante segua attentamente una dieta appropriata e si muove non riesce più a tenere sotto controllo il diabete...

avatar
il 05/03/16

Bravissimo!

avatar
il 04/03/16

Molto interessante 

avatar
il 06/04/17

Molto interessante e mi conforta perchè lo condivido.