/static/themes-v3/default/images/default/home/bg-generic.jpg?1516194360

Pazienti Menopausa

3 risposte

25 visualizzazioni

Tema della discussione

Membro Carenity • Animatore della community
Pubblicato il

Cinque anni di terapie, tra farmaci antidolorifici e antinfiammatori, interventi chirurgici, agopuntura ed esercizi mirati, non sono stati sufficienti. Per porre fine agli insopportabili dolori, causati dall’endometriosi – patologia molto diffusa, tra le donne, ma ancora poco conosciuta caratterizzata dallo sviluppo anomalo dell’endometrio, mucosa che ricopre la cavità uterina – Lena Dunham ha optato per una scelta drastic a, ma necessaria: la rimozione dell’utero. In un’intervista a Vogue, la 31enne attrice, regista e sceneggiatrice americana, ha rivelato di aver subito un'isterectomia totale per rimuovere utero e cervice.

Un’operazione delicata, che le ha permesso di scoprire come quei dolori, così invalidanti da costringerla diversi mesi fa a un ritiro forzato dalle scene, fossero legati anche ad altri problemi di salute: «Oltre alla malattia dell'endometrio, i medici hanno scoperto che ho un’emorragia retrograda, dovuta al fatto che nei giorni del ciclo il sangue scorre al contrario, riempiendo il mio stomaco. E un ovaio si è insediato all’altezza dei muscoli attorno ai nervi sacrali, quelli che ci permettono di camminare. Per favore non parliamo nemmeno del mio rivestimento uterino. L'unico bellissimo dettaglio è che l'organo ha la forma di un cuore», ha raccontato la protagonista di Girls, la serie Hbo di cui è anche autrice.

Nonostante l’impossibilità di avere un figlio in modo naturale, Lena, reduce dalla fine della storia d’amore con il musicista Jack Antonoff, non perde la speranza di diventare mamma. Un desiderio talmente forte per cui si dice disposta a tutto: «Indagherò se le mie ovaie, nascoste in una vasta caverna di organi e tessuti cicatrizzati, producono uova. L'adozione è una realtà elettrizzante che perseguiterò con tutte le mie forze», ha dichiarato l’attrice, in questi mesi impegnata alla realizzazione di una nuova serie, Camping, che segnerà il ritorno sul piccolo schermo di Jennifer Garner.


Il secolo XIX - Rosaria Corona

Inizio della discussione - 02/03/18

Endometriosi, Lena Dunham ha tolto l’utero…
1

Membro Carenity
Pubblicato il

Anke io ho tolto l'utero all'età di 38 stavo sempre male ma alla fine era l'unica soluzione adesso quello che mi preoccupa è la stetosi al fegato di grado Severo pur essendo una persona che non beve e nient'altro mi hanno detto solo di staressttrnta all'alimentazione e fare attività fisica ed è quello che sto facendo speriamo bene

Endometriosi, Lena Dunham ha tolto l’utero…
Membro Carenity • Animatore della community
Pubblicato il

Grazie del tuo contributo @pseudonimo nascosto‍. Speriamo anche per te. Ti hanno detto solo di stare attenta all'alimentazione? 

Buona giornata. 

Endometriosi, Lena Dunham ha tolto l’utero…
2

Membro Carenity
Pubblicato il

Enfometriosi....una malattia subdola che ti prende silenziosamente e ti massacra nella tua femminilità. Purtroppo poco conosciuta e poco capita anche e soprattutto da chi ti sta intorno, mettendo in crisi spesso rapporti di coppia. 

So di cosa sto parlando, so del dolore continuo, della difficoltà nell'avere una vita intima normale, nello spiegare che non sono fisime o "cose di testa" come spesso gli uomini amano definire un qualcosa che non conoscono. La mia era un'endo allo stadio alto, definita a "grappolo", sviluppatasi sembra a seguito di una gravidanza, la seconda, finita male al terzo mese abbondante e gestita peggio dal personale medico. Un brutto raschiamento con conseguente infezione ha scatenato il tutto. E ringrazio il cielo di avere all'epoca gia un bimbo di 4 anni... perché poi non sono più arrivati. Anni di sofferenza, una laparoscopia, una menopausa indotta per sei mesi,  e altri anni di calvario perche l'endo si è riformata, matrimonio in crisi perché il dolore resta anche in quei momenti li....in attesa della menopausa che speriamo risolva ciò che la medicina ha solo messo a tacere per poco. Speriamo che se ne parli di piu, che anche gli uomini vengano messi a conoscenza di questa patologia che puo essere "curata" anche con la vicinanza, la comprensione e l'amore.

icon cross

Questo tema ti interessa?

Raggiungi i 70 000 pazienti iscritti sulla piattaforma, ottieni informazioni sulla tua malattia o quella del tuo parente e condividi con la comunità

È gratis e anonimo