Testimonianza foto: continuare a lavorare con la poliartrite deformante

il 03 gen 2019

/static/themes-v3/default/images/default/info/article/intro.jpg?1516194360

poliartrite deformante

La testimonianza di Claire

Continuare a lavorare con la poliartrite deformante

 

« La malattia è iniziata all'età di 33 anni, piuttosto giovane, con dolori ai piedi. Non sapevo più come mettermi le scarpe, avevo molto dolore. Si è poi diffusa negli arti superiori. Si manifesta con spinte, a volte su, a volte giù.  

Ho immediatamente visto un medico, ma ci è voluto molto tempo per fare la diagnosi. I farmaci sono poi arrivati ma sempre molto dolore, e poco successo. Operiamo su base di prova e di errore, giorno per giorno.

Sono cresciuta nella sofferenza, pur volendo essere un combattente. Non ho mai voluto smettere di lavorare totalmente. Ho preso molte pause nella mia carriera mentre volevo tenere una posizione solida, avere una vita professionale, contatti, una carriera, il tutto combinato con la mia vita familiare.

Ora sono una giovane pensionata di 62 anni, soffro di questa malattia da circa 30 anni, ma non ho più ricadute. I dolori cronici rimangono molto presenti, alzarsi la mattina è molto doloroso, siamo molto arrugginiti la mattina. Con il progredire della giornata, le articolazioni diventano un po' più flessibili e ci si sente meglio la sera che al mattino.

Da un punto di vista sociale, ho avuto la fortuna di lavorare nel campo dell'educazione speciale. Il carattere umano e la solidarietà sono molto più presenti che nelle aziende. Questo è stato un enorme sostegno per tutta la mia carriera professionale. »

 

Questa testimonianza fa parte del progetto di laurea di Gaëlle Regnier, studentessa di fotografia presso la Scuola di Fotografia e Tecniche visive Agnès Varda di Bruxelles. Ha scelto il dolore cronico come tema di questo reportage fotografico per evidenziare i pazienti e la loro lotta.

Commenti

il 04/01/19

Cari membri @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ 

Avete visto questa testimonianza? Non esitare a condividere la vostra esperienza con noi. Vi ringrazio in anticipo. Buona giornata a tutte e tutti 

icon cross

La reazione dei nostri membri ti interessa?

Raggiungi i 71 000 pazienti iscritti sulla piattaforma, accedi a tutti i commenti / pareri e condividi il tuo.

È gratis e riservato