«
»

Top

Cancro alla prostata: trattamento e sorveglianza attiva

A 76 anni, @JEGEREMONK è affetto da cancro alla prostata dal 2009. In occasione del mese del cancro alla prostata, Movember, ha accettato di parlarci del suo trattamento, della sua sorveglianza attiva e dei trattamenti alternativi per combattere al meglio la malattia e diventare l'attore della sua cura.

Come hai scoperto di avere il cancro alla prostata?

Nel 2009, dopo sintomi di adenoma, ho consultato un urologo, il mio livello di PSA è aumentato con un rapporto coniugato libero / evocativo. Poi ho fatto una biopsia transrettale.

Quale trattamento stai seguendo e come stai vivendo il tuo trattamento?

Nel 2010, resezione transulare seguita da complicanze emorragiche piuttosto spiacevoli. Nel 2015, aumentazione del PSA e sorveglianza attiva, cioè senza trattamento. Da allora, diversi PSA sono aumentati, 2 RM e 1 biopsia trans-perinale confermano un ritorno del cancro ma ancora intraprostatico, localizzato, non molto diffuso e non molto aggressivo (gleason 3+3).

La sorveglianza non è molto restrittiva, ma psicologicamente è difficile da sopportare senza un'opzione terapeutica soddisfacente. Il trattamento ecografico transrettale che sarebbe una buona soluzione non è per me perché è troppo vicino all'uretra che potrebbe essere danneggiata. La radioterapia o la chirurgia rimangono in attesa con la loro quota di inconvenienti significativi.

Nel dicembre, avrò una prossima risonanza magnetica alla prostata che spero sarà favorevole, così come il mio ultimo PSA. Questo inevitabilmente ha un impatto sui rapporti con i miei cari, poiché è ossessivo per se stessi e indirettamente per il partner.

Il cancro alla prostata è a volte un tabù per gli uomini. Hai avuto qualche preoccupazione sulla tua virilità, qualche timore di una possibile impotenza?

Sì, ma nessuna impotenza alla fine. Non ho più eiaculazione della prostata, ma solo eiaculazione ghiandolare, cioè limitata in volume e fertilità (ma avere figli non è più rilevante!).

Che messaggio vorresti mandare agli uomini che hanno appena avuto la diagnosi?

In primo luogo, trattare localmente il più presto possibile! Poi cercare una sorveglianza che non è, in realtà, solo passiva. Deve essere attiva come può essere nella maggior parte dei paesi vicini, concentrandosi su dieta, integratori alimentari, attività fisica e soprattutto termoterapia, anche se tutto questo non è ancora scientificamente stabilito.

I trattamenti hanno certamente risultati convincenti, ma hanno anche una serie di effetti collaterali inevitabili e complicazioni potenzialmente invalidanti. Il medico, o anche l'oncologo, dovrebbe sostenere il paziente in questo senso e non aspettare o guardare passivamente. Questo dilemma nel trattamento dovrebbe essere riempito da un follow-up più umano e dalla ricerca di un'azione terapeutica.

Puoi dirci qualcosa di più sulla sorveglianza attiva?

La sorveglianza "attiva", che è attualmente la norma nel processo di cura, consiste nel monitoraggio: PSA, RMN, biopsie, esami clinici, ecc..... prima di iniziare qualsiasi trattamento chirurgico, radioterapia o qualsiasi pratica di una nuova tecnologia come gli ultrasuoni ad alta energia. A mio parere, dovrebbe, se non altro per il solo conforto psicologico del paziente, essere integrato da altri metodi che non sono scientificamente riconosciuti ma, almeno per questo motivo psicologico di sostegno morale al paziente, potrebbe essere auspicabile, anche benefico, se fossero confermati come non dannosi altrove, come sembrerebbe essere il caso. Si tratta di diete, attività fisica, integratori. Le informazioni non ufficiali su questi metodi abbondano, forse a ragione, se sono considerate solo come complementari?

Parli di alimentazione, quali diete ti interessano?

Le diete comunemente raccomandate sono a basso contenuto di carboidrati, grassi, proteine animali della carne rossa, salumi, latticini, ecc..... ma ricche di proteine vegetali o pesci grassi, verdure e frutta rossa, ecc....... Possono essere più specifiche come dieta chetonica, ad esempio, o anche come digiuno più o meno rigoroso.

Che cos'è la termoterapia?

La termoterapia consiste nel riscaldare localmente il tumore a circa 42° con radiazioni non radioattive, non è riconosciuta ma praticata in Germania, Olanda, Svizzera, Stati Uniti, ecc....... Non ho dovuto usarla e la sto considerando solo come parte di una gestione attiva del mio caso. Vorrei eventualmente utilizzarla prima delle terapie ufficiali, che sono efficaci ma pesanti e potenzialmente accompagnate da effetti collaterali più o meno gravi. Non c'è assolutamente alcun modo che queste tecniche complementari possano sostituire il trattamento. Dico forse perché spontaneamente, o forse con questi metodi complementari, l'evoluzione del cancro alla prostata potrebbe non richiedere mai il suo uso.

 

 

 

 

Grazie mille della tua testimonianza. Non esitate a condividere la vostra esperienza con noi. 

avatar Louise-B

Autore: Louise-B, Content & Community Manager

Community manager di Carenity in Francia, Louise è anche redattore capo della Rivista Salute per proporre articoli, video e testimonianze concentrati sul vissuto dei pazienti e che portano la loro voce. Con una formazione pluridisciplinare orientata sul giornalismo, coordina la redazione dei contenuti delle piattaforme Carenity e facilita l’esperienza dei membri sul sito. 

Commenti

avatar
il 25/11/18

Cari membri @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ avete visto questa testimonianza? Ringrazio chiunque vorrà condividere la sua esperienza con noi. Un caro saluto a tutti