«
»

Top

L'impatto psicologico del cancro: depressione, ansia e disturbo post-traumatico da stress

Come gestire un cancro intestinale? Il dolore, la salute mentale, i rapporti con la famiglia? Stuart ha accettato di raccontarci la sua esperienza

1. Ciao Stuart, grazie per aver accettato di parlare con noi, potresti presentarti in poche parole?

Sono Stuart Cock, ho appena compiuto 44 anni. Sono sposato con Lisa e abbiamo 4 figli, Findley (14), Oscar (12), Hana (10) e Firenze (6). Lavoro come specialista tecnico per Jaguar Land Rover.  Sono un giocatore e appassionato di rugby per tutta la vita.  Il 21 marzo 2017 (I was 42) dopo una colonscopia, il medico che ha eseguito l'intervento ha detto "Sono abbastanza sicuro che sia il cancro" e la mia vita è stata capovolta.


2. Fino a che punto fu la sorpresa di essere affetto cancro all'intestino? Quali sintomi stavi sperimentando che ti hanno spinto ad andare dal medico?

Sono rimasto completamente sorpreso, è stato uno shock.  Alla fine di gennaio 2017 ho avuto un periodo di gastroenterite nel corso di 4 giorni.  Dopo un paio di settimane di dolore addominale lieve persistette per un paio di settimane e mi accorgevo di essere rimasto senza fiato dopo aver camminato sulle scale.  Dopo una visita dal medico e le successive analisi del sangue ero gravemente anemico. Il medico mi ha spiegato che molto probabilmente è stato causato da un'emorragia nel mio tratto digestivo da qualche parte.  Anche se era sempre una possibilità, non ho mai considerato seriamente che potrebbe essere un cancro.  Ero così scioccato, l'ampiezza della stanza e sono quasi caduto dalla mia sedia quando mi ha detto quello che aveva trovato.

3. Quale tipo di trattamento hai scelto? È mai stata presa in considerazione un'ileostomia?

Non ho mai davvero scelto un percorso di cura, ho solo fatto quello che i medici mi hanno detto di fare.  Ho avuto una semi colectomia destra (rimozione della metà destra del mio intestino grasso) il 28 aprile 2017.  Il chirurgo era sicuro di poter condurre l'intervento chirurgico tramite il buco della serratura.  Una volta esaminati il tumore e i linfonodi, si è scoperto che le cellule tumorali avevano iniziato a migrare nel sistema linfatico, per cui è stata proposta la chemioterapia. Ho avuto 6 mesi di chemioterapia su 2 diversi tipi di farmaci.

4. Quale tipo di dolore hai provato durante e dopo il trattamento?

Quando mi sono svegliato dall'intervento chirurgico il dolore era abbastanza intenso, ma mi sono ripreso abbastanza rapidamente. Ero in grado di vestirmi e farmi la doccia, molto lentamente, il giorno dopo l'intervento e potevo camminare per brevi distanze intorno al reparto.

5. Eri felice con il tuo team medico?

Il team medico è stato fantastico.  Non posso biasimare la loro conoscenza, l'abilità o la cura.  Mi hanno salvato la vita.

6. Hai parlato dell'impatto del cancro sulla tua salute mentale, pensi che i problemi di salute mentale siano abbastanza presi in considerazione durante il trattamento del cancro?

Attualmente sono in trattamento per ansia, depressione e PTSD.  Onestamente penso che l'aspetto della salute mentale del cancro sia poco preso in considerazione.  Nessuno nel team medico mi ha chiesto come mi stavo comportandomi mentalmente o mi ha offerto delle indicazioni per chiedere aiuto.  Potrei essere in parte da biasimare perché non ho cercato attivamente aiuto durante il trattamento.  Detto questo, le persone con cui ho avuto contatti all'epoca erano il team chirurgico e il team oncologico e la salute mentale non è proprio il loro lavoro.

7. Come ti sei sentito dopo la fine del trattamento antitumorale?

Quando il trattamento finisce e abbiamo i risultati della scansione di fine trattamento che confermano "No Evidence of Disease", ci si sente bene sicuramente!  Ma dal momento della diagnosi, ho avuto contatti con il team medico più volte alla settimana, c'erano sempre appuntamenti di oncologia, appuntamenti di linea PICC e molte altre cose con cui occuparsi.  Improvvisamente dicono: "Lei ha finito, ci vediamo tra 6 mesi per una scansione e i risultati".  Per un paziente oncologico, è un momento davvero difficile, tutti quelli con cui ho parlato dicono la stessa cosa.  Ti accorgi improvvisamente che sei lì fuori da solo e nessuno ti sta controllando.


8. Che cosa hai fatto per cercare sostegno durante e dopo il trattamento del cancro?

Dopo un po' di tempo ho utilizzato lo schema medico privato attraverso la mia azienda per accedere al supporto psicologico di uno psicologo clinico.  Stavo sperimentando dei terribili flashback nel momento in cui il medico mi ha detto "sono abbastanza sicuro del suo cancro", lo chiamano ri-esperienza ed è onestamente esattamente come essere di nuovo nella stanza, il suono, l'odore, la paura e lo shock sono tornati più volte al giorno.  Soffrivo anche di problemi di memoria a breve termine, problemi di concentrazione, ipervigilanza (sensibile ai rumori forti) e alcune altre cose.  Il mio psicologo sospettava che io soffrissi di PTSD e così, insieme al mio medico di famiglia, mi ha indirizzato da uno psichiatra.  Ha confermato molto rapidamente la diagnosi di PTSD e ha iniziato il trattamento di conseguenza.  I flashback sono andati via molto rapidamente, è stato un enorme sollievo. Soffro ancora di ansia e depressione, i problemi di memoria sono ancora lì, ma, sto ricevendo il trattamento.

9. Qual è stato l'aspetto più difficile del cancro, sia fisicamente che psicologicamente?

La prima e più ovvia difficoltà fisica è il cambio di funzione della ciotola dopo avermi tolto metà dell'intestino crasso, non è male, ma è diverso e devo essere più attento a quello che mangio.  Poi ci sono stati gli effetti fisici della chemioterapia, la nausea e la fatica.  La nausea è abbastanza costante durante il periodo di trattamento, ma la fatica si accumula ad ogni ciclo di trattamento.  Psicologicamente la parte più difficile è la paura del futuro sia per me che per la mia famiglia.  È impossibile dire che qualcuno è guarito dal cancro per almeno 5 anni dopo la diagnosi e poi quando si guarda a ciò che i medici chiamano "guarito", rappresenta ancora un rischio di recrudescenza significativamente più alto rispetto a chi non ha avuto il cancro.  Quindi il mio futuro non è in alcun modo assicurato.  Ho avuto il cancro all'intestino di stadio 3, che, secondo la Cancer Research UK rappresenta una sopravvivenza di 5 anni del 65%

10. Cosa hai fatto per tenere alta la tua mente nei momenti difficili?

Ci sono stati dei momenti molto bui come potete immaginare! Il miglior rimedio è passare del tempo con i miei amici e la mia famiglia!  Non importa cosa sto facendo con loro, è importante solo passare il tempo con loro. Mi piace anche fare esercizio, è stata una lunga strada per tornare in forma fisica, Dedicare un po' di tempo alla raccolta fondi e alla sensibilizzazione mi aiuta molto.

11. Quale consiglio daresti per i membri della famiglia e gli amici di coloro che soffrono di cancro?

La cosa più importante: non cercare su google quando viene la diagnosi per la prima volta, ti spaventerai troppo!  Ascoltate il vostro team medico e fate esattamente quello che vi dicono di fare e se qualcosa non va bene, ditelo immediatamente. Il mio chirurgo mi ha detto che la cosa più importante per me era ascoltare mia moglie!  LOL!  In tutta serietà ho dovuto purtroppo metterlo in pratica molto recentemente.  A mia suocera è stato diagnosticato un tumore raro e incurabile che era già abbastanza avanzato il 14 settembre di quest'anno.  Ero con lei quando le fu comunicata la diagnosi, ero con lei ad ogni incontro con i suoi oncologi, ecc. e con lei durante il suo primo ciclo di chemioterapia. Ho parlato con lei faccia a faccia o al telefono ogni giorno per offrirle consigli, guida e conforto. Purtroppo, il 30 ottobre è morta a causa di un infarto cardiaco causato da un'embolia polmonare.  È probabile che l'embolia polmonare sia stata il risultato del trattamento del cancro. E 'un rischio quando si inizia la chemio...

12. Ora sei molto attivo nel creare consapevolezza per il cancro all'intestino, quali piani hai all'orizzonte per continuare a diffondere la consapevolezza?

Sto correndo la London Marathon nel 2019 e mi sto allenando duramente per questo.  Mi sto documentando sui social media e su youtbe. In parallelo userò anche gli stessi mezzi di comunicazione per diffondere tutti i sintomi, segni, trattamenti, ecc. Ora sono anche un volontario britannico Bowel Cancer Cancer UK per la sensibilizzazione sanitaria e sto partecipando attivamente alla realizzazione di colloqui di sensibilizzazione sanitaria per le aziende e le organizzazioni.

Spero che tutto questo aiuti!

Grazie mille a Stuart per aver condiviso la sua esperienza con noi. Avete sperimentato la stessa cosa? Sentitevi liberi di commentare questa testimonianza per discuterne. Un caro saluto a tutta la comunità. 

avatar Louise-B

Autore: Louise-B, Content & Community Manager

Community manager di Carenity in Francia, Louise è anche redattore capo della Rivista Salute per proporre articoli, video e testimonianze concentrati sul vissuto dei pazienti e che portano la loro voce. Con una formazione pluridisciplinare orientata sul giornalismo, coordina la redazione dei contenuti delle piattaforme Carenity e facilita l’esperienza dei membri sul sito. 

Commenti

avatar
il 10/01/19

Cari membri @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ avete letto questa testimonianza? Non esitate a condividere la vostra esperienza tra di voi e offrire sostegno e consigli  Vi ringrazio in anticipo. Un caro saluto a tutte e tutti. 

avatar
il 16/01/19

Cari membri, avete visto questa testimonianza? Aspettiamo i vostri consigli o commenti per portare sostegno a la nostra comunità 

@pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍