«
»

Top

Cos'è la sindrome da fatica cronica?

Pubblicata il 2 ott 2021 • Da Candice Salomé

L'encefalomielite, o più comunemente conosciuta come sindrome da fatica cronica (CFS), è una patologia che si manifesta attraverso un'intensa stanchezza, mal di testa, dolori muscolari e difficoltà di concentrazione. 

Anche se è stata riconosciuta come una malattia a sé stante dal 1969 dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), soffre di una mancanza di riconoscimento in Italia. 

Ma come si fa a sapere se si ha la sindrome da fatica cronica? Come viene diagnosticata questa patologia? Come viene trattata? 

Vi diciamo tutto nel nostro articolo!

Cos'è la sindrome da fatica cronica?

Quali sono i sintomi della sindrome da fatica cronica e come viene diagnosticata? 

La sindrome da fatica cronica (CFS) è una malattia poco conosciuta di cui si sa molto poco. 

Anche se la sindrome da fatica cronica è riconosciuta dall'OMS e dal sistema di assicurazione sanitaria, molti medici non la conoscono e spesso lasciano i pazienti all'oscuro della sindrome, credendo che i loro sintomi siano le conseguenze di un disturbo depressivo

Non ci sono marcatori biologici per fare la diagnosi. Ad oggi, solo un insieme di sintomi può determinare se un paziente è affetto o meno da questa sindrome. 

Per fare una diagnosi di CFS, devono essere presenti i seguenti 3 sintomi:

  • Fatica che dura da almeno 6 mesi, intensa e nuova, con un inizio più o meno definito, che non deriva da uno sforzo eccessivo continuo e che non migliora con il riposo. Questa fatica si traduce in una sostanziale riduzione o compromissione delle attività personali, professionali o sociali precedentemente svolte. 
  • Malessere post-esercizio, cioè se i pazienti svolgono un'attività che richiede uno sforzo leggermente superiore al solito, dovranno riposare entro 48 ore dallo sforzo. 
  • Sonno non ristoratore, cioè i pazienti a volte si svegliano esausti nonostante abbiano dormito un numero di ore perfettamente adeguato. 

E almeno una delle due manifestazioni seguenti: 

  • Deterioramento cognitivo (specialmente all'inizio della malattia con perdita di memoria o problemi di concentrazione). 
  • Intolleranza ortostatica (vertigini quando si sta in piedi, i pazienti di solito non possono stare in piedi per più di 15-20 minuti). 

Inoltre, i team medici cercano prima di tutto di eliminare dalla diagnosi altre malattie che coinvolgono anche i sintomi descritti sopra. I pazienti saranno poi sottoposti a numerosi test medici per escludere le seguenti condizioni: fibromialgia, ipotensione, mononucleosi infettiva cronica, ipotiroidismo, sindrome del colon irritabile, alcuni tumori e molte malattie infiammatorie e autoimmuni. 

Una volta che tutte queste condizioni sono state escluse, la sindrome da fatica cronica può essere considerata. 

Quali sono le cause e l'evoluzione della sindrome da fatica cronica? 

Cause della sindrome da fatica cronica 

La CFS è classificata come una malattia neurologica, ma gli studi attuali sulla condizione tendono a dimostrare che è principalmente una sindrome immunologica e che i focolai infettivi che i pazienti possono talvolta sviluppare (come la carie, per esempio) possono aumentare significativamente la loro fatica. 

Lo stile di vita non è implicato nella CFS, a differenza del burn-out, per esempio, dove l'esaurimento è causato da una combinazione di lavoro e stress familiare. 

Gli scienziati stanno anche esaminando il fatto che la sindrome da fatica cronica potrebbe essere la conseguenza di un'infezione microbica o virale. Tuttavia, questi non si trovano nei marcatori biologici. 

L'evoluzione della sindrome da fatica cronica 

L'evoluzione della CFS varia da persona a persona. Le manifestazioni più acute di solito durano per 2 anni e possono tornare in modo ciclico come flare-up. Questi sintomi tendono a diminuire nel tempo. 

Non tutti i pazienti si riprendono completamente, ma la stragrande maggioranza recupera gradualmente le proprie capacità. 

I medici stimano che la fatica di solito scompare, in media, dopo 5 anni.

Come si cura la sindrome da fatica cronica? 

Non esiste un trattamento specifico per la sindrome da fatica cronica. Si possono comunque fare diverse cose, come ad esempio:

  • Trattamento cognitivo comportamentale: la terapia cognitiva comportamentale è di solito una psicoterapia abbastanza breve volta a reindirizzare i pensieri scoraggianti che potrebbero inibire una visione positiva che promuove il recupero. 
  • Attività fisica graduale. L'attività fisica può essere molto importante nella CFS, poiché periodi prolungati di riposo possono portare al decondizionamento e quindi peggiorare i sintomi della CFS. È quindi necessario introdurre gradualmente alcuni esercizi aerobici regolari come camminare, nuotare, andare in bicicletta o correre sotto stretto controllo medico. 
  • Farmaci e trattamenti alternativi. Alcuni sintomi specifici come il dolore, la depressione e le difficoltà del sonno possono essere trattati. Tuttavia, è difficile sia per i medici che per i pazienti dire quali trattamenti funzionano perché i sintomi sono diversi da paziente a paziente e perché i sintomi possono apparire e scomparire spontaneamente. 

Chi deve essere consultato se si sospetta una sindrome da fatica cronica? 

La mancanza di conoscenze tra i medici sulla malattia e il fatto che non ci sono marcatori biologici rendono difficile sapere a chi rivolgersi. I medici meglio in grado di diagnosticare la malattia oggi sono i medici di medicina interna. Tuttavia, secondo Robert Schenk, presidente dell'Associazione francese della sindrome da fatica cronica (ASFC), alcuni medici di medicina interna considerano che questi sintomi rientrano nella psichiatria. I pazienti finiscono quindi spesso per andare in psichiatria e, se lo specialista ritiene che il paziente sia in uno stato depressivo, allora sarà purtroppo escluso da qualsiasi riconoscimento per la sindrome da fatica cronica. 

Avete trovato utile questo articolo? 

Cliccate su "mi piace" e condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto!  

Forza a tutte e tutti!


4
avatar Candice Salomé

Autore: Candice Salomé, Redattrice di Salute

Creatrice di contenuti presso Carenity, Candice è specializzata nella scrittura di articoli sulla salute. Ha un interesse particolare nei campi della psicologia, del benessere e dello sport. 

Candice ha... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Osteoporosi, promossa sequenza anabolici-monoterapia denosumab in pazienti a rischio elevato frattura

Sindrome da stanchezza cronica

Osteoporosi, promossa sequenza anabolici-monoterapia denosumab in pazienti a rischio elevato frattura

Leggi l’articolo
Osteoporosi, osteopenia e la corretta attività fisica

Sindrome da stanchezza cronica

Osteoporosi, osteopenia e la corretta attività fisica

Leggi l’articolo
Osteoporosi: attente all’ansia, influisce sulla densità minerale ossea

Sindrome da stanchezza cronica

Osteoporosi: attente all’ansia, influisce sulla densità minerale ossea

Leggi l’articolo
Osteoporosi e fragilità ossea, occhio alle fratture

Sindrome da stanchezza cronica

Osteoporosi e fragilità ossea, occhio alle fratture

Leggi l’articolo