Foro generale

  •  455 discussioni

avatar RosalbaRomano

avatar Sara_B

avatar andreagr07

avatar IlariaPavoni

avatar tania15

avatar Sara_B

avatar mariangela1

avatar Roccom

@Sara_B Per me ci sono voluti giusto diversi giorni: spossatezza immotivata; avevo una fame clamorosa; dimagrivo nettamente, bevevo molto acqua e purtroppo urinavo al letto senza accorgermene: tutti chiari sintomi di Diabete di tipo 1. Dopo 2 giorni dal ricovero ospedaliero la mazzata: ufficialmente un diabetico di tipo 1. all'età di 18 quasi 19 anni.

Vedere il miglior commento

avatar lucyma

avatar Sara_B

avatar tania15

avatar Antonella58

avatar brenz47

avatar FrancaSchenato

avatar Stefaniamare

avatar RosalbaRomano

avatar colorado

Buongiorno,il mio lavoro è assistere persone anche in fin di vita e che spesso soffrono agonie inenarrabili. Su di loro si fa sempre di tutto per prolungare la loro vita, ( nutrizione forzata, trattamenti invasivi ecc). In realtà non è la loro vita che viene prolungata, ma la loro agonia e sofferenza. Mi ritrovo ad assistere persone che urlano e implorano di lasciarli in pace per giorni, settimane e a volte mesi. Questa per me non è assistenza, ma tortura. Una tortura in nome di cosa poi? Rispetto per la vita? Direi proprio di no. Quindi si, sono assolutamente a favore dell' eutanasia. Questo è rispetto per la vita

Vedere il miglior commento

avatar tania15

avatar Paparedda

avatar giampaolog

@tania15

tanti uniti trepidanti

HRT

Vedere il miglior commento

avatar Sara_B

avatar tania15

avatar Sara_B

avatar tania15

avatar Jayef

avatar anastasialeeb

avatar tania15

avatar Fiore54

avatar Paparedda

avatar Matamilla

avatar MariaIannaccone

avatar leonegiramondo

@IlariaPavoni Alla fine sono riuscito a capire di cosa si tratta, anche se la consapevolezza della patologia non aiuta in questo caso nella risoluzione del problema. Si tratta di neuropatia del nervo pudendo, causata da un intrappolamento appunto del nervo, condizione che causa l'infiammazione del nervo,quindi il dolore. Il neurologo mi spiegato la cosa attraverso una metafora: "è come un sensore di un antifurto collocato su di un vetro che dovrebbe trasmettere un segnale in caso qualcuno rompesse il vetro, ma questo sensore (difettoso) si attiva anche per un banale, colpo di vento al passaggio di un auto o per una leggera vibrazione", quindi il segnale del dolore c'è anche in assenza di una causa. Questo è dato dalla degenerazione delle strutture osteoarticolari dovuta dall'età (64) tante che dal mio primo post ad ora è comparsa un'altra neuropatia in questo caso dovuta alla stenosi (restringimento) del rachide a livello lombare, ovvero una parestesia ai piedi, i cui sintomi sono assurdamente insensibilità e dolore allo stesso tempo, mancanza di equlibrio e astenia alla gambe, la mattina mi alzo non come se fossi stato aletto 7 ore ma una settimana, le gambe cedono. Pernso che in qualche modo le due patologie siano collegate ed ora la seconda sta diventando più debilitante della prima. Gli antidolorifici e la fisioterapia servono veramente a a poco. Inoltre sembra non esistere in questo paese un approccio laico e non pregiudiziale di una terapia del dolore.

Vedere il miglior commento

avatar STICCINO

avatar brenz47

avatar Matamilla

avatar RosalbaRomano

avatar Spiderman

avatar Ciuppy81

avatar tania15

avatar Sara_B

Esprimi la Sua opinione

Indagine