«
»

Top

"Montagnes d'espoir" aiuta i dializzati ed i trapiantati a vivere le loro vite

Pubblicata il 21 feb 2018 • Da Léa Blaszczynski

Montagnes d'espoir è un'associazione creata nel 2010 con lo scopo di sostenere i dializzati ed i trapiantati nei loro progetti ma sensibilizza anche il grande pubblico alla donazione di organi. 

emmanuel

Nella pratica, questa piccola associazione volontaria riunisce una comunità di 3000 membri attivi in sede di gruppi Facebook ma ospita anche diversi blog sul suo sito web. "All'inizio eravamo costretti ad essere molto presenti per riunire le comunità, spiegono il Presidente Emmanuel Gastaud e Annelise Cottenet, la segreteria dell'associazione. È stato un lavoro intenso mandando messaggi privati...Oggi, i gruppi sono auto-alimentati".

Esistono ormai sette gruppi tra cui due privati (uno è riservato ai genitori-figli e l'altro dedicato alle donne). Esiste anche un gruppo speciale "Donazione da vivente". "Un trapianto di un donatore deceduto offre una grande motivazione e permette di rialzarsi, concede Emmanuel Gastaud. Non si vive il trapianto nello stesso modo. Sono quindi due approcci e percorsi totalmente diversi. In qualche senso, non è la stessa "visione" del trapianto".

L'aiuto reciproco al centro dei scambi

Oggi, i medici non hanno il tempo di rispondere alle aspettative e preoccupazioni dei pazienti. L'incontro pre-trapianto, ad esempio, è spesso stressante e freddo: si parla di rischio di rigetto e di cancro. Quindi la comunità di pazienti prende il comando. "E poi, c'è questo momento di panico quando riceviamo la chiamata per il trapianto, abbiamo bisogno del sostegno degli altri", spiega Annelise Cottenet. Tuttavia lo staff medico vuole saperne di più sull'esperienza-paziente. "E abbiamo la fortuna di avere una grande comunità di pazienti, riconosce Emmanuel Gastaud. Inoltre, molti dei pazienti della nostra comunità sono presenti in diversi CHU e collaboriamo con diverse istituzioni".

Montagnes d'espoir conduce diverse azioni. Si può trattare di sostenere il progetto personale di un membro come Charlène, la quale voleva passare la festa di Capodanno in Islanda, nonostante la sua dialisi e il suo cancro. O ancora si tratta di promuovere la donazione di organi con i "Relais de l'espoir" durante il triathlon TriGames di Cagnes-sur-Mer il primo luglio prossimo. 

Carenity

Scoprire il sito di Montagnes d'espoir - Scoprire il Facebook di Montagnes d'espoir 

Sostenere l'associazione

Scoprire il percorso di Emmanuel Gastaud su Carenity - il suo blog - la sua pagina Facebook

Scoprire il percorso di Annelise Cottenet su Carenity - il suo blog - la sua pagina Facebook

Carenity

avatar Léa Blaszczynski

Autore: Léa Blaszczynski, Online User Experience

Di una formazione in comunicazione specializzata nel digitale, Léa lavora da Carenity sin dal 2013 con l'obiettivo di aiutare il massimo di pazienti e parenti di pazienti a trovare sostegno e non sentirsi più soli di... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Rischio tumori sottovalutato dopo un trapianto d’organo

Trapianto di organi e Tumore della pelle

Rischio tumori sottovalutato dopo un trapianto d’organo

Leggi l’articolo
Trapianti, Facebook fa aumentare i donatori

Trapianto di organi e Tumore della pelle

Trapianti, Facebook fa aumentare i donatori

Leggi l’articolo
Trapianto di pene: già tre casi al mondo, il quarto potrebbe essere in Italia

Trapianto di organi e Tumore della pelle

Trapianto di pene: già tre casi al mondo, il quarto potrebbe essere in Italia

Leggi l’articolo
In calo il cancro della pelle dopo il trapianto di organi

Trapianto di organi e Tumore della pelle

In calo il cancro della pelle dopo il trapianto di organi

Leggi l’articolo