«
»

Top

Anoressia mentale: "Sono sempre stata agli estremi!"

Pubblicata il 24 ago 2021 • Da Candice Salomé

kurousa, un membro della comunità Carenity in Francia, soffre di anoressia mentale. Tra privazioni, sport estremi e ricovero, condivide con noi il suo viaggio con la malattia. 

Leggete la sua storia ora! 

Anoressia mentale:

Buongiorno Kurousa, hai accettato di testimoniare per Carenity e ti ringraziamo. 

Prima di tutto, potresti presentarti? 

Salve, grazie per avermi dato l'opportunità di raccontarvi la mia storia. 

Mi chiamo Sabrina, ho 28 anni e ho una relazione da 9 anni. Ho vissuto con il mio compagno dall'inizio della nostra relazione. 

Vengo da una famiglia di tre figli (una sorella e un fratello, più grandi di me), e ho lasciato casa molto presto (a 18 anni). Mia madre ha sofferto di diverse depressioni (3 che io ricordi da quando sono nata). Le sue depressioni sono durate per molti mesi, anche anni.

Attualmente sono un contabile in una società regionale dove sono pienamente realizzata dopo il mio burn-out. 

Ho una personalità molto curiosa e dinamica, e ho molte passioni: la natura, lo sport (camminare, correre, yoga...), la moto, la lettura, il pianoforte e soprattutto passare il tempo con gli amici o la famiglia. 

Da bambina ero molto timida e avevo molti problemi ad affermarmi, ma oggi ho acquisito un po' di fiducia in me stessa. Tuttavia, ho costantemente bisogno di essere rassicurata sul mio aspetto fisico (Il mio partner pensa che io sia bella? Gli piacciono i miei vestiti, il mio taglio di capelli?), sulla mia personalità (Sono noiosa, mi lamento sempre? Sono divertente, accattivante o altro?) e sulle mie abitudini alimentari (Ho mangiato abbastanza o troppo? Ho mangiato troppo in fretta? Ho mangiato abbastanza sano?). 

editor_meta_bo_img_2c1c08571a3106ca372df66b839b3d53.JPG

Soffri di anoressia. Puoi dirci come la malattia si è manifestata nella tua vita? Da quanto tempo ne soffri? A cosa pensi che sia legata? 

Mi è stata diagnosticata l'anoressia mentale nell'aprile 2020 (all'età di 26 anni) dopo un semplice controllo dal medico per un dolore a una gamba (dolore legato all'anoressia). 

La malattia si è manifestata gradualmente a causa di vari problemi. Non conosco la vera causa, ma immagino che sia stato un mix tra la crisi di salute, la depressione di mia madre durante questo periodo, i piani per cambiare lavoro (troppe responsabilità a causa della fusione di due aziende) e per comprare una proprietà. 

Il lavoro dei miei sogni, per quanto possa ricordare, è stato quello di poliziotta. Quando mi è stato detto dei cambiamenti di mansioni e funzioni nell'azienda in cui lavoravo da diversi anni, ho deciso di fare tutto il possibile per prepararmi alle prove fisiche per entrare nell'Accademia di Polizia. 

Essendo sempre stata agli estremi (tutto o niente), non so davvero come limitarmi. Quando mi imbarco in un progetto, è il 1000% o niente

Correvo, facevo allenamento con i pesi ed ero anche seguita da un allenatore sportivo per un'ora alla settimana per prepararmi. 

Da bambina e da adolescente odiavo lo sport, ma dopo aver terminato la mia formazione di contabile, mi sono posto una sfida sportiva: una gara amatoriale organizzata nella mia regione per le aziende. La prima volta che ci siamo allenati con i miei colleghi (tutti più grandi di me), il mio livello era di gran lunga il peggiore. Così ho deciso di allenarmi da solo negli altri giorni della settimana. 

Ben presto la mia resistenza migliorò e mi resi conto che le porte dell'Accademia di Polizia non mi sarebbero state chiuse ancora per molto e che con la mia forza di volontà sarei stata in grado di realizzare tutti i miei sogni

Poi, ho perso rapidamente i pochi chili di troppo e ho deciso di mangiare meglio (più sano, meno zucchero, meno sale, meno grassi) fino ad escludere molti alimenti dalla mia vita quotidiana. Le persone intorno a me hanno iniziato a notare la mia perdita di peso e si sono congratulate con me. 

In quel periodo della mia vita, ero psicologicamente debole e ho deciso "volontariamente" di diventare anoressica. Perdendo peso, mi dicevo che era un buon modo per essere notata (per una volta nella mia vita, non ero più invisibile, ma attiravo l'attenzione su di me), per essere curata (dopo essermi presa cura di mia madre, avevo bisogno di essere curata) ed era un modo per mostrare che la mia attività professionale non andava bene (sognavo di stare male - a volte svenivo di notte mentre andavo in bagno - al lavoro o peggio, di avere il cuore fermo durante la notte per fermare questa sofferenza indescrivibile). 

L'anoressia è durata circa 1 anno in totale, infine la fase più pericolosa e critica. Credo di essere finalmente guarita, anche se la questione del cibo e delle quantità ingerite mi perseguiterà sicuramente per tutta la vita. Vorrei sottolineare che fortunatamente non ho sofferto di dismorfofobia. Mi vedevo com'ero e fu la visione del mio corpo debole che mi spinse ad uscirne perché ero disgustata.

Qual è la tua cura attuale? Sei monitorata? Cosa ne pensi di questa cura? Cosa vorresti migliorare? 

Sono stata subito seguita dal mio medico di base che mi ha indirizzato da uno psichiatra. Mi segue mensilmente. Partecipo alle sessioni con lei dove esaminiamo la mia vita privata e professionale, il mio cibo, il mio sonno, il mio umore e soprattutto i miei sentimenti generali. All'inizio del 2021, mi ha prescritto un antidepressivo che prendo ogni mattina. 

A volte mi chiedo se un trattamento psicologico non sarebbe più appropriato. Mi vergogno un po', ma gli psicologi non sono rimborsati dall'assicurazione malattia, quindi non ho preso un appuntamento. 

Sei mai stata ricoverata in ospedale? Se sì, cosa ha significato per te?

Il mio psichiatra, dopo diversi mesi di follow-up, mi ha suggerito di essere ricoverato in una clinica di riabilitazione. Ero felice perché volevo che ci si prendesse cura di me. Le persone intorno a me erano piuttosto scettiche.

Dopo qualche giorno di riflessione, ho deciso di fidarmi del mio psichiatra e ho accettato il ricovero, soprattutto perché mia madre era stata nella stessa clinica. Ho soggiornato lì dalla fine di febbraio 2021 alla fine di marzo 2021.

Il ricovero mi ha insegnato ad applicare tecniche di respirazione e di rilassamento. Sono stata seguita da uno psicologo e ho partecipato a sessioni quotidiane di fisioterapia (rilassamento, massaggio, camminata, pilates, qi qong...). Ho anche partecipato a sessioni di terapia occupazionale e ho incontrato un dietologo ogni settimana. Ogni settimana veniva organizzata una sessione con i medici della clinica per rivedere la mia ospedalizzazione. 

Ciò che è stato particolarmente difficile per me è stato mangiare da sola nella mia stanza (a causa della crisi sanitaria) e selezionare i miei menu (3 da scegliere). 

Tuttavia, ho promesso a me stessa che avrei mangiato tutto quello che mi veniva dato senza ripetere le mie abitudini di dividere i piatti, selezionare i pasti più sani e rifiutare di mangiare certi alimenti. Vorrei dire che ho sempre amato mangiare. Anche durante la mia anoressia ma mi costringevo a mangiare sempre meno per provare a me stessa che avevo il controllo su ciò che mangiavo (beh, mi sembrava di avere il controllo ma in realtà avevo perso completamente il controllo). 

Qual è l'impatto dell'anoressia sulla tua vita privata e professionale?

Ho abbandonato rapidamente tutti i miei hobby. Niente mi dava più piacere e non mi era più "permesso" godere di nulla, me lo proibivo. 

Una mia amica che soffriva anche di anoressia mi ha parlato dell'anestetizzazione della sua vita. Non ho capito questa espressione. Oggi, avendo ritrovato il gusto della vita, capisco pienamente questa frase. 

Al lavoro, stavo lontana dai miei colleghi, non facevo più pause con loro. Diversi capi dipartimento (compreso il direttore) si sono preoccupati e mi hanno chiamato individualmente per parlarne. Ben presto, non riuscivo più a tenere il ritmo e mi stavo "uccidendo" facendo straordinari senza fine. 

Il mio compagno ha vissuto le mie ripetute crisi di nervi, ma è ancora lì oggi e non saprò mai come ringraziarlo per avermi sostenuta. 

Anche la mia famiglia era molto preoccupata per me e mi ha aiutata a rimettermi in piedi. È stato grazie a mia madre che ho capito che non avrei potuto lavorare per un po'. Un giorno, piangendo nell'ufficio, è venuta a prendermi e ha contattato il medico perché non avevo il coraggio di farlo. Per me, non ero veramente malata. 

Nella mia mente, una malattia psicologica non è una vera malattia e non mi sentivo abbastanza male per i miei gusti, anche se ovviamente ero nel mio punto più basso. Mi ha visitato molto regolarmente in clinica, così come tutta la mia famiglia e il mio compagno. 

Qual è il tuo rapporto con la sua famiglia? Capiscono la malattia? Ti sostengono? 

Ho avuto la fortuna di incontrare delle persone incredibili durante il mio congedo per malattia, con le quali sono in contatto molto spesso e ci sosteniamo a vicenda nelle rispettive prove. La mia famiglia e i miei amici hanno capito bene la malattia (molto prima di me). Sono sempre stati di grande sostegno e senza di loro mi sarei arresa definitivamente. 

Hai anche sperimentato il burnout. Potresti parlarci delle circostanze? Quali sono state le conseguenze del tuo burnout? 

In seguito alla fusione delle due aziende, la mia posizione è cambiata e mi sono state date molte più responsabilità. Poiché l'organizzazione doveva essere messa in atto, è stato difficile per me (a cui piace essere tenuta per mano e supervisionata) trovare un equilibrio tra vita privata e professionale. In effetti, la mia vita privata è stata, secondo me, messa in attesa durante questo anno 2020 e l'inizio del 2021. 

Pensi che l'anoressia e il tuo burnout siano collegati? 

Per me, le due cose sono strettamente legate, anche se a volte è difficile trovare un legame di causa ed effetto. Le malattie psicologiche sono molto complesse. Tuttavia, uno dei sintomi dell'anoressia in alcune persone è l'iperattività. Nella mia vita privata (sport eccessivo) così come nella mia vita professionale, cercavo di superare me stessa per portare a termine il maggior numero possibile di compiti (a scapito della qualità) e di lavorare ore interminabili fino allo sfinimento. 

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?

Il progetto principale è quello di finire la ristrutturazione del nostro appartamento con il mio compagno, per potermi sviluppare ancora di più nel mio lavoro quotidiano. Quando sono tornata dalla clinica, ho fatto domanda a diverse aziende. Le mie candidature hanno portato a diversi colloqui e a due risposte positive (che mi hanno dato nuova fiducia). 

Un'azienda che mi ha offerto un contratto voleva una risposta molto rapida e io non avevo ancora ricominciato a lavorare (ero convinta che non sarei stata in grado di tornare nella mia azienda). 

Ho chiesto un incontro con i miei 2 superiori per spiegare la situazione e chiedere se era possibile un cambiamento. Mi hanno detto che il mio contratto sarebbe stato cambiato e che sarei stata sollevata dalle responsabilità che mi hanno portata in questo stato. 

Così ho rifiutato il lavoro nella nuova azienda e ho ricominciato a lavorare. Tutto sta andando bene per me in questo senso oggi, solo pochi mesi dopo l'interruzione del lavoro. 

Vorrei sottolineare che durante i miei 3 mesi di assenza dal lavoro, non passava un minuto senza che pensassi al lavoro e sentissi la gabbia toracica che si stringeva fino a una o due settimane prima di tornare alla vita normale. 

Ora voglio godermi la vita in generale e riprendere le attività a cui ho rinunciato. 

Infine, quale consiglio potresti dare ai membri di Carenity che sono anche loro affetti da anoressia o che hanno sperimentato il burnout?

Un consiglio sarebbe quello di parlarne. È importante aprire la discussione perché molte persone sono colpite dalla malattia mentale in generale. Tutti hanno sofferto o conoscono qualcuno che ha sofferto. Se avete dei dubbi, non esitate a consultare un professionista della salute e non vergognatevi. Il mio cuore è con voi e sono a vostra disposizione se volete discuterne. 

Soprattutto per quanto riguarda il burn-out (o meglio, dalla mia parte, era considerato burn-out), il lavoro non è una priorità! La vostra vita privata e soprattutto la vostra salute vengono al primo posto in ogni caso.

Un'ultima parola?

Grazie per aver dato ad ogni persona l'opportunità di condividere il proprio viaggio. Spero di essere stata chiara e di non aver tralasciato nessun dettaglio. Tuttavia, vorrei chiarire che durante la mia anoressia, sento che non sono stata io a vivere questo episodio (che considero un incidente di percorso o una crisi adolescenziale ritardata di una decina d'anni, ma di cui non mi pento in alcun modo perché ho imparato molto e oggi cerco di fare il necessario per prendermela comoda). Molti elementi non mi tornano necessariamente in mente. Alla fine, tengo solo il positivo. 

Grazie mille a kurousa per la sua testimonianza! 

Questa testimonianza vi è stata utile? 

Cliccate su "Mi piace" e condividete i vostri pensieri e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto! 

Forza a tutte e tutti! 


1
avatar Candice Salomé

Autore: Candice Salomé, Redattrice di Salute

Creatrice di contenuti presso Carenity, Candice è specializzata nella scrittura di articoli sulla salute. Ha un interesse particolare nei campi della psicologia, del benessere e dello sport. 

Candice ha... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Obesità, ora è possibile studiarla senza i test sugli animali

Anoressia
Disturbi del comportamento alimentare

Obesità, ora è possibile studiarla senza i test sugli animali

Leggi l’articolo
All'incontro di un ambasciatore Carenity

All'incontro di un ambasciatore Carenity

Vedi la testimonianza
Farmaci antinfiammatori steroidei e non steroidei: vi diciamo tutto!

Farmaci antinfiammatori steroidei e non steroidei: vi diciamo tutto!

Leggi l’articolo
Covid-19: quali sono gli effetti collaterali dell'indossare una mascherina?

Covid-19: quali sono gli effetti collaterali dell'indossare una mascherina?

Leggi l’articolo