«
»

Top

Emicrania: tutto quello che c'è da sapere sui trattamenti!

Pubblicata il 8 mar 2022 • Da Candice Salomé

L'emicrania colpisce più del 15% della popolazione mondiale con una prevalenza nelle donne (20% contro il 15% degli uomini). Ne deriva un particolare mal di testa che può durare da qualche ora a qualche giorno. Questa malattia frequente non è tuttavia grave. Tuttavia, a seconda dell'intensità e della frequenza degli attacchi, l'emicrania può avere un impatto significativo sulla qualità della vita dei pazienti e può diventare invalidante. 

Cos'è dunque un'emicrania? Quali sono le cause? Come viene trattata? 

Vi diciamo tutto nel nostro articolo!

Emicrania: tutto quello che c'è da sapere sui trattamenti!

Cos'è l'emicrania e quali sono i suoi sintomi? 

L'emicrania è un dolore pulsante (cefalea) sul lato destro o sinistro della testa. Questi dolori seguono il battito del cuore. 

Ad oggi, le cause dell'emicrania non sono note. Tuttavia, gli scienziati hanno scoperto che l'apporto di sangue al cervello è alterato prima e durante un attacco di emicrania. 

Tuttavia, è stato dimostrato che alcune cause esterne possono agire come fattori scatenanti per alcuni malati di emicrania. Questi possono includere lo stress, i cambiamenti emotivi (negativi o positivi), il superlavoro, lo sforzo fisico intenso, i disturbi del sonno, certe condizioni atmosferiche, certi cibi, il rumore, gli odori, la luce intensa, il periodo prima delle mestruazioni... 

Ci sono due tipi principali di emicrania: 

Emicranie con aura 

Nel 20%-30% dei pazienti, l'emicrania è preceduta o accompagnata da un'aura, cioè da disturbi visivi, sensoriali, del linguaggio e/o della parola o motori. Si tratta di un disturbo neurologico transitorio che è completamente reversibile

I disturbi visivi sono i più frequenti (90% dei casi). Il paziente vede puntini, macchie lucide o percepisce dei buchi nel campo visivo. Formicolio o intorpidimento della mano o del viso e difficoltà nel parlare si verificano in casi più rari. 

Le emicranie con aura hanno almeno 3 delle seguenti caratteristiche

  • Almeno un sintomo dell'aura si sviluppa gradualmente per 5 minuti o più, 
  • Due o più sintomi dell'aura si sviluppano in successione, 
  • Ogni sintomo dell'aura dura tra i 5 e i 60 minuti, 
  • Almeno un sintomo dell'aura è unilaterale (un solo lato), 
  • Almeno un sintomo dell'aura è significativo (per esempio la comparsa di macchie nel campo visivo invece della loro riduzione), 
  • L'aura è accompagnata o seguita entro 60 minuti da un mal di testa (emicrania). 

Emicranie senza aura 

La maggior parte dei pazienti con emicrania sperimenta i cosiddetti attacchi "senza aura". Questi attacchi si manifestano come un mal di testa da moderato a grave che dura da 4 a 72 ore (quando non viene trattato o quando il trattamento non è efficace). Questi attacchi di emicrania sono associati a nausea, vomito e ipersensibilità al rumore (fonofobia) e alla luce (fotofobia). Inoltre, hanno almeno 2 delle seguenti 4 caratteristiche

  • Sono unilaterali (solo su un lato del cranio), 
  • Il paziente sente il battito cardiaco nella testa, 
  • L'intensità del dolore associato rappresenta un vero disagio per il paziente nelle sue attività. Possono richiedere al paziente di sdraiarsi. 
  • Il dolore è intensificato dal movimento e porta ad evitare l'attività fisica di routine. 

Ci sono altri tipi di emicrania che sono molto più rari: emicrania emiplegica familiare, emicrania basilare, cefalea di Horton o algesia vascolare facciale, o aura emicranica senza mal di testa. 

Qual è la durata e la frequenza degli attacchi di emicrania? 

Per la metà delle persone colpite da emicrania, la durata di un attacco è inferiore a 6 ore e può essere accorciata con il trattamento. Ma per circa il 15% dei pazienti, questi attacchi possono durare più di 24 ore

La frequenza degli attacchi può variare da pochi episodi all'anno a diversi episodi al mese

Il termine emicrania cronica è usato quando gli attacchi di emicrania si verificano più di 15 giorni al mese per almeno 3 mesi. Tra ognuno di questi attacchi, i sintomi vanno in completa remissione. Tuttavia, a seconda dell'intensità dell'attacco, i sintomi di affaticamento possono verificarsi nei giorni successivi. 

Come si cura l'emicrania? 

Per il momento, non esiste una cura per l'emicrania. Il trattamento di questa condizione si basa sull'evitare i fattori scatenanti modificabili (modelli di sonno, dieta, ecc.), il trattamento degli attacchi e, per alcuni pazienti, la prevenzione di questi attacchi per mezzo di un trattamento di base da prendere su base giornaliera. 

Trattamento di crisi 

Il trattamento di crisi è destinato a limitare la gravità e la durata dell'emicrania. Dovrebbe essere preso al primo segno di un attacco

Due classi di farmaci sono raccomandate per trattare gli attacchi di emicrania: i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) e i triptani. 

I FANS più comunemente usati e raccomandati per l'emicrania sono ibuprofene, ketoprofene e naprossene

La combinazione di un triptano e un FANS può essere utile nei pazienti i cui attacchi non sono alleviati da un triptano da solo. Qualunque sia l'opzione scelta, non più di 8 giorni di trattamento al mese dovrebbero essere presi per evitare il rischio di mal di testa indotto da un uso eccessivo di farmaci. 

I triptani (una famiglia di farmaci che riducono la dilatazione dei vasi sanguigni nel cervello che causano il dolore dell'emicrania) sono trattamenti specifici per la cefalea dell'emicrania. Sono agonisti della serotonina che agiscono sul sistema trigeminovascolare del cervello. Tuttavia, non sono raccomandati in caso di problemi vascolari. 

Inoltre, altri trattamenti di crisi sono attualmente in fase di studio: gepants e ditani

I nuovi gepant (rimegepant, ubrogepant) sono antagonisti del CGRP, il messaggero del dolore rilasciato dal sistema trigemino-vascolare. 

I ditani, agonisti della serotonina per il recettore 5HT1F, sono derivati recenti dei triptani e sono più specifici. Una di queste molecole, lasmiditan, è stata commercializzata negli Stati Uniti dalla fine del 2019. 

In caso di un attacco lieve o moderato, è possibile prendere i cosiddetti analgesici di "livello 1" come il paracetamolo o l'aspirina. Gli antinausea possono essere combinati con loro, se necessario. 

Gli antidolorifici che contengono oppiacei come la codeina o il tramadolo, così come i derivati della morfina, non sono raccomandati a causa del rischio di abuso.

Trattamento di fondo

Il trattamento di fondo ha lo scopo di ridurre la frequenza degli attacchi. Viene prescritto su consiglio medico alle persone che hanno emicranie frequenti, lunghe e intense e che fanno un uso eccessivo del trattamento di crisi. 

Diversi trattamenti, appartenenti a diverse classi terapeutiche, sono efficaci per le emicranie. Così, possono essere prescritti certi beta-bloccanti o altre molecole utilizzate nel trattamento dell'ipertensione arteriosa (candesartan), certi antidepressivi, certi farmaci che agiscono sui recettori della serotonina o anche certi antiepilettici (topiramato). 

Una nuova linea di ricerca ha portato allo sviluppo di anticorpi monoclonali specifici contro il neuropeptide CGRP. Ad oggi, questi anticorpi monoclonali sono disponibili solo in Francia nel contesto di protocolli di ricerca clinica.  

La tossina botulinica è anche un'opzione possibile per i pazienti più handicappati dall'emicrania cronica (più di 15 giorni di attacchi di emicrania al mese e non alleviati dai trattamenti convenzionali di fondo). L'uso della tossina botulinica nella prevenzione dell'emicrania cronica è stato approvato in molti paesi europei.    

Avete trovato utile questo articolo? 

Cliccate su "mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto!  

Forza a tutte e tutti!      


avatar Candice Salomé

Autore: Candice Salomé, Redattrice di Salute

Creatrice di contenuti presso Carenity, Candice è specializzata nella scrittura di articoli sulla salute. Ha un interesse particolare nei campi della psicologia, del benessere e dello sport. 

Candice ha... >> Per saperne di più

Chi ha riveduto: Charlotte Avril, Farmacista, Data Scientist

Charlotte è Dottore in Farmacia e laureata del Master specializzato in Gestione Farmaceutica e Biotecnologica dell'ESCP. Ha un forte interesse per l'e-health, la tecnologia sanitaria, le malattie rare e le... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Alleviare il dolore con caldo o freddo

Emicrania

Alleviare il dolore con caldo o freddo

Leggi l’articolo
Le medicine alternative contro il dolore

Emicrania

Le medicine alternative contro il dolore

Leggi l’articolo
Stimolazione elettrica transcutanea nervosa (TENS): sapere tutto!

Emicrania

Stimolazione elettrica transcutanea nervosa (TENS): sapere tutto!

Leggi l’articolo
Settimana contro il dolore - La fibromialgia ed i dolori cronici

Emicrania

Settimana contro il dolore - La fibromialgia ed i dolori cronici

Leggi l’articolo

Discussioni più commentate