«
»

Top

Pemfigoide bolloso: capire tutto grazie a Antoine Seignez, dottore in farmacia!

Pubblicata il 5 dic 2021 • Da Antoine Seignez

Il pemfigoide bolloso è una rara malattia autoimmune della pelle che è potenzialmente fatale se si verifica la disidratazione a causa delle lesioni estese. Anche se può verificarsi a qualsiasi età, colpisce più comunemente le persone oltre i 70 anni. 

Per saperne di più su questa malattia dermatologica, abbiamo intervistato Antoine Seignez, dottore in farmacia a Carenity. 

Quali sono i trattamenti per il pemfigoide bolloso? Qual è la migliore dieta da seguire? Dobbiamo proteggerci dal sole quando siamo affetti da questa malattia? 

Vi diciamo tutto nel nostro articolo!

Pemfigoide bolloso: capire tutto grazie a Antoine Seignez, dottore in farmacia!

Buongiorno Antoine Seignez, sei un dottore in farmacia di Carenity e hai accettato di parlarci del pemfigoide bolloso! 

Prima di tutto, potresti ricordarci cos'è il pemfigoide bolloso e quali sono i sintomi principali? 

Il pemfigoide bolloso è una rara malattia autoimmune della pelle. Il sistema immunitario, il cui ruolo è quello di proteggere il corpo, attacca inspiegabilmente alcune parti del corpo, in questo caso la pelle, producendo lesioni di varia entità. Le lesioni cutanee sono più spesso vesciche (da cui il termine "bolloso") che sono simmetriche (ad esempio, colpiscono le braccia destra e sinistra allo stesso tempo); a volte si formano ulcere in bocca. 

Ci sono altre malattie associate al pemfigoide bolloso? 

Il pemfigoide bolloso è talvolta accompagnato da altre malattie autoimmuni, che possono essere il risultato della stessa disfunzione immunitaria. I pazienti con pemfigoide possono anche soffrire di sclerosi multipla o psoriasi. Inoltre, hanno più probabilità di sviluppare una malattia neurologica (malattia di Alzheimer, ecc.). 

Quali sono i trattamenti per il pemfigoide bolloso? 

Il pemfigoide bolloso è una malattia potenzialmente fatale nei pazienti fragili. È importante fare un trattamento con corticosteroidi, sia per via topica (crema applicata quotidianamente sulle zone colpite) che per via orale. Il trattamento topico è più restrittivo ma altrettanto efficace e meno dannoso del trattamento orale.

>> Scopri rapidamente il nostro articolo dedicato alla terapia corticosteroidea a lungo termine! << 

Quando la terapia corticosteroidea non mostra i risultati attesi, cosa molto rara, il medico può prescrivere farmaci più potenti: gli immunosoppressori

Se il trattamento viene attuato, il pemfigoide bolloso scompare in pochi mesi o anni (fino a circa cinque anni). 

Qual è il ruolo dell'alimentazione nel pemfigoide bolloso?

Le lesioni cutanee estese possono portare alla disidratazione e alla perdita di proteine. Pertanto, ai pazienti, soprattutto agli anziani, si consiglia di bere e mangiare bene. Le diete povere di proteine dovrebbero essere evitate. La carne (compreso il pesce), i prodotti del latte, la soia, le lenticchie, i ceci, le uova, per esempio, sono ricchi di proteine. 

Si dovrebbe prendere in considerazione un supporto psicologico?

Anche se il pemfigoide bolloso non è contagioso, la vista delle sue antiestetiche lesioni può purtroppo provocare un riflesso di sfiducia e ostilità in coloro che circondano i pazienti, e il disagio nei pazienti stessi. Il sostegno psicologico può essere auspicabile nelle forme gravi della malattia. 

Il sole è dannoso nel pemfigoide bolloso? 

Per prevenire lo sviluppo di ulteriori problemi della pelle, si raccomanda di evitare un'eccessiva esposizione al sole e di usare, se necessario, una protezione solare con un fattore di protezione adeguato. 

La fatica è un sintomo del pemfigoide bolloso? 

Nel pemfigoide bolloso, il paziente di solito sente il bisogno di grattarsi. Un forte prurito può influenzare la qualità del sonno. Così, la fatica è un segno della gravità della malattia. Un trattamento efficace può ridurre o addirittura eliminare il prurito. 

Il pemfigoide bolloso può infettarsi? 

L'infezione delle lesioni può avere conseguenze molto gravi, poiché i microrganismi (virus, batteri) possono entrare nel corpo dalla pelle. Si consiglia vivamente di non far scoppiare le vesciche, perché questo favorisce l'infezione e può lasciare tracce sulla pelle. Se si sospetta un'infezione, è fondamentale consultare rapidamente un medico, che prescriverà un trattamento antibiotico se la diagnosi è confermata. 

Grazie Antoine Seignez per le tue risposte! 

Vi è piaciuto questo articolo?  

Cliccate su "mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto! 

Forza a tutte e tutti!

2
avatar Antoine Seignez

Autore: Antoine Seignez, Farmacista capo progetto in data science

Antoine ha un dottorato in farmacia e un dottorato in scienze della vita, specializzato in immunologia. Ha studiato all'Università di Borgogna. Molti dei suoi lavori sono stati pubblicati in riviste... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Testimonianza photo: anni di vagare medico di fronte alla sindrome di Ehlers-Danlos di tipo ipermobile

Pemfigoide bolloso

Testimonianza photo: anni di vagare medico di fronte alla sindrome di Ehlers-Danlos di tipo ipermobile

Leggi l’articolo
Covid-19 e influenza, quali sono le differenze?

Covid-19 e influenza, quali sono le differenze?

Leggi l’articolo
Il distanziamento sociale: come funziona?

Il distanziamento sociale: come funziona?

Leggi l’articolo
Coronavirus e malattie croniche

Coronavirus e malattie croniche

Leggi l’articolo

Discussioni più commentate

Scheda malattia