«
»

Top

Alcolismo "Non bere più è essere liberi!"

Pubblicata il 12 dic 2020 • Da Candice Salomé

Erwan, un membro di Carenity Francia, ha conosciuto 25 anni di alcolismo. Ci racconta la sua storia di fronte alla malattia su Carenity.

Alcolismo

Buongiorno Erwan, hai accettato di testimoniare su Carenity e ti ringraziamo per questo.

Prima di tutto, puoi presentarti?

Sono un uomo di 44 anni, dirigente d'azienda, ingegnere. Sono un uomo comune. Dato che parleremo di alcolismo, vorrei chiarire che vengo da una famiglia piuttosto benestante, non vengo dai Rougon Macquart di Zola; l'alcolismo può quindi colpire tutte le classi sociali.

Sei stato alcolizzato per 25 anni. Diresti che sei ancora un alcolizzato? Esiste una cura per l'alcolismo? Cosa comporta attualmente questa "remissione" nella tua vita?

Mi considero un alcolizzato per il resto della mia vita, sì. Il mio cervello ha sicuramente registrato l'effetto piacevole dell'alcol. Se un giorno dovessi bere un altro drink (cosa che non accadrà), i miei neurotrasmettitori si ecciterebbero immediatamente e io ricadrei nella spirale infernale della dipendenza.

Possiamo uscirne, sì. Ma per tutta la vita, rimaniamo fragili, dovremo sempre rimanere vigili di fronte a questa droga dura che è l'alcol per non avere ricadute. Personalmente, attuo una strategia di evitamento: non immagazzino alcolici quando ricevo ospiti, compro la bottiglia all'ultimo momento e la svuoto nel lavandino prima che se ne vadano; evito i reparti alcolici dei supermercati ecc...

Non bere è essere liberi. Quando si è dipendenti, c'è solo una cosa per cui si vive: la bottiglia. Non si può stare un minuto senza pensare al prossimo drink, è una vera ossessione. Niente è più importante per noi, tranne l'alcol, nemmeno la nostra famiglia. 

Da quando sono pulito da 18 mesi, sto imparando a vivere di nuovo. Non è facile uscire da 25 anni di nebbia. 25 anni sono tanti. Tutte le emozioni erano spente o esacerbate dall'alcol, oggi bisogna vivere e sentire le cose senza artifizi, e questo può essere difficile a volte. Paragono quei 25 anni al film "Truman Show" quando Jim Carrey scopre di aver sempre vissuto su un set cinematografico, deve imparare a vivere nel mondo reale.

Hai iniziato a bere all'inizio della tua vita studentesca e di conseguenza. Perché secondo te (influenza degli altri studenti, della vita studentesca e delle feste...)? All'epoca era solo ricreativo? Come ti ha permesso di "vivere" al meglio i tuoi anni di studio? Hai continuato a consumare allo stesso modo dopo la laurea?

Chiaramente, ho preso solo le mie prime sbornie per disinibirmi. Tutto è iniziato il giorno del mio diciottesimo compleanno. Ero piuttosto introverso, timido, non molto a suo agio con le ragazze e questo alcol a volontà alle feste open bar mi ha aiutato a socializzare. Durante tutti i miei studi, non mi è mai passata per la mente l'idea di una possibile dipendenza. Ho bevuto per fare festa come qualsiasi altro studente. 

Ogni fine settimana, mi ubriacavo, guidavo in stato di ebbrezza. Mia madre (che era un'alcolizzata) non ha mai osato dirmi niente, si vergognava già abbastanza di sé. Quindi non sono mai stato realmente consapevole dei rischi di dipendenza. Vivevo con una madre alcolizzata, ma non ho fatto alcun collegamento tra lei sbornie degli studenti e il suo alcolismo.

Quando ho finito gli studi, sono subito tornato al mondo professionale e ho scoperto un nuovo luogo di consumo: l'azienda.

Quando hai capito di avere un problema di alcolismo? Bevevi più o meno spesso? Trovavi difficile non bere? Hai avuto qualche "contrattempo" mentre eri sotto l'influenza dell'alcol?

Quando avevo 26 anni, sono stato ospitato a Parigi da un amico e per la prima volta non ho potuto più bere come volevo. Non ero a casa, non avevo più accesso gratuito all'alcol, ho vissuto una settimana difficile. Fantasticavo davanti alle vetrine delle enoteche mentre camminavo per strada, sono riuscito a prendere l'aperitivo sempre prima. È stato in quel momento che, nel profondo, ho capito di essere dipendente.

Negli anni precedenti, il mio consumo è aumentato in modo molto insidioso: ho bevuto sempre più, sempre più spesso, e un alcol sempre più forte. All'epoca bevevo molto rum tra i 55° e i 62°. E soprattutto, non bevevo solo la sera con gli amici, ma sempre più spesso da solo. Ogni sera, dopo il lavoro, bevevo qualche anisetta e una bottiglia di vino. Ho considerato l'alcol come la mia ricompensa, lavoravo duramente durante il giorno per consentire il mio consumo serale.

Quante disavventure mi sono capitate! Un primo coma alcolico a 19 anni, un incidente d'auto e una notte in commissariato a 23 anni... Mi sono trovato così spesso ridicolo quando ero ubriaco. E questo senza contare i numerosi blackout (perdita di memoria).

Hai scritto la tua autobiografia che parla di 25 anni di alcolismo. In essa, dici che l'alcol è parte integrante della tua famiglia (padre, madre e nonni), potresti dirci qualcosa di più a riguardo? Pensi che l'alcolismo possa essere una malattia ereditaria?

In effetti, c'è una sorta di maledizione dell'alcol nella mia famiglia: morti per alcolismo (morte per cirrosi, morte in un incidente d'auto causato dall'alcol), i miei genitori alcolizzati e depressi.

L'eredità è certamente un fattore che ha favorito lo sviluppo della mia malattia. Ma non solo. Per quanto mi riguarda, mia madre beveva durante la gravidanza, quindi devo essere stato in contatto con questo farmaco ancora prima di nascere. E sono cresciuto vedendola ubriaca ogni giorno, penso che purtroppo riproduciamo quello che vediamo quando siamo bambini.

Hai cercato più volte di smettere di bere. Puoi parlarcene? Qual è stato il vero fattore scatenante? Da quanto tempo sei sobrio? Come guardi l'alcol adesso?  

Ho fatto molte pause in questi 25 anni, ma non sono mai durate a lungo. A 36 anni ho deciso di smettere di bere. Sono andato da un addictologo. Ero convinto che un giorno sarei stato di nuovo in grado di bere moderatamente dopo una pausa obbligatoria. Così ho iniziato un'astinenza di sei mesi, alla fine della quale ho gradualmente ripreso a bere. Ho seguito il consiglio dell'addictologo: evitare la routine del bere, non bere tutti i giorni e, soprattutto nel mio caso, evitare rum e birra

Il mio consumo moderato è durato 2 anni e mezzo e poi ci sono ricaduto di nuovo.

Oggi sono sobrio da 18 mesi. Gli ultimi 3 anni in alcool sono stati terribili, avevo bisogno di bere tutto il tempo, ovunque, era l'unica cosa a cui riuscivo a pensare. Ero molto nervoso, molto ansioso, piangevo senza motivo. Doveva finire. 

Così ho incontrato qualcuno e mi sono ubriacato di fronte a quella persona. Non mi ero mai vergognato tanto in vita mia, vorrei che questo evento non fosse mai accaduto. 

Il giorno dopo ho preso una decisione, avevo 2 alternative: continuare a bere ma sapevo in cuor mio che la fine era vicina. Avevo la sensazione che mi sarei ammalato molto, che avrei avuto un incidente d'auto, che avrei perso i miei figli o che mi sarei suicidato. O fermarsi, per sempre, per tutta la vita. Ho scelto l'astinenza permanente. E questa volta ho capito che il bere moderato non faceva per me. Zero alcolici fino al mio ultimo giorno.

Come vedo l'alcol adesso? Lo odio. Ha preso 25 anni della mia vita, mi ha reso ansioso, depresso, nervoso. Mi ha fatto prendere decisioni sbagliate e scelte sbagliate. Mi ha quasi ucciso. Non ero più me stesso.

Sono molto arrabbiato, sono arrabbiato con i miei genitori, con il mondo degli affari, con l'ambiente familiare e più in generale con questa società in cui l'alcol è così presente. Non sopporto più l'ipocrisia dell'alcol. Tutti conoscono qualcuno che ha un problema di alcolismo, ma nessuno ne parla. Non vedrete mai qualcuno entrare in ufficio la mattina e raccontare dell'ubriachezza del coniuge il giorno prima, impossibile, l'argomento è tabù.

L'alcol distrugge le famiglie, toglie la vita, è spesso causa di violenza domestica, quasi 1 su 2 a causa dell'alcol! Ma le lobby dell'alcool sono così potenti che vengono a prendere i clienti di domani portando annunci pubblicitari davanti all'uscita delle scuole superiori. E i nostri politici non fanno nulla, la Francia è nelle mani dei viticoltori! 

Hai ricevuto un aiuto nel tuo processo? Se sì, come e da chi? Ritieni che essere sostenuti sia indispensabile?

Non ho ricevuto alcun aiuto. Ho attraversato quello che si chiama "astinenza con la forza". Ho rinunciato all'alcol durante la notte e mi sono isolato. Ho dovuto tagliarmi fuori dal mondo per evitare inviti e tentazioni. 

Non consiglio questo metodo, ma per me ha funzionato. Poteva essere pericoloso perché non ci si dovrebbe disintossicare dall'alcol così bruscamente senza alcun accompagnamento o controllo medico.

È piuttosto curioso, alcune persone hanno bisogno di sostegno. Eppure avevo bisogno di stare da solo.

Ora, come guardi al futuro? E come vedi questi 25 anni di alcolismo?

Dopo 18 mesi, sono appena uscito dalla nebbia, sono come un neonato. Non riesco a proiettarmi. Quel che è certo è che il mio futuro sarà sobrio. Devo ricostruirmi dopo tutti questi anni d'inferno, ma per ora è ancora difficile. 

Questi 25 anni sono stati un vero spreco, più della metà della mia vita! Se l'avessi saputo, non avrei mai consumato così tanto durante quelle serate studentesche, non avrei iniziato a bere da solo... Tanta prevenzione che vorrei fare con gli studenti: essere vigile, non succede solo agli altri!

Perché hai deciso di scrivere la tua autobiografia? È stato un salvataggio?

Poco dopo aver smesso di bere, mi sono trovato in uno stato di euforia e iperattività. Mi sentivo libero e avevo bisogno di condividere tutta la mia storia. Ho scritto questo libro in 3 mesi, per lo più di notte, bevendo caffè. E' venuto fuori tutto. Mi ha fatto molto bene. Ora non sarei più in grado di scrivere un libro come quello, era il momento giusto.

Puoi parlarci del tuo libro in linea generale? Dove possono trovarlo i membri di Carenity?

"Un détour par l'enfer" ("Deviazione verso l'inferno") è stato pubblicato il 30 ottobre da Lemart (Svizzera). È disponibile in versione elettronica su tutte le piattaforme online e in formato cartaceo nelle librerie in Svizzera, Francia, Belgio, Lussemburgo sito dell'editore.

Questo libro autobiografico parla dei miei 25 anni d'inferno. Il lettore attraverserà tutte le fasi del processo di dipendenza attraverso la storia di un uomo comune. All'inizio uno studente di ingegneria a cui piace fare festa e alla fine un alcolizzato depresso allo stremo. E lungo la strada, l'alcol è ovunque: alle feste, ai pasti in famiglia, al lavoro...

editor_meta_bo_img_d3dfec3a3b2b16fa84b871ceac8601a7.png

editor_meta_bo_img_392a1a51df57b36d99809312843f7edc.jpg

Foto di Erwan

Infine, quale consiglio vorresti dare ai membri di Carenity che soffrono anche di alcolismo?

Il mio primo consiglio per gli alcolisti sarebbe quello di chiedere il parere di un addictologo. Non dovresti essere solo, dovresti essere consapevole che si tratta di una malattia e che non c'è da vergognarsene. Una malattia può essere curata. L'alcolismo non è la malattia della vergogna! Il sentimento con l'addictologo è essenziale, ci deve essere un vero scambio, un vero dialogo. Se non ti fidi del tuo addictologo, vai a trovarne un altro.

Sono un grande sostenitore dei gruppi di sostegno. Che sia faccia a faccia (AA, Vie Libre, Blue Cross...) o virtuale in rete (gruppi Facebook, forum Addict'Aide, Carenity...), è essenziale lo scambio con altri pazienti. Solo un paziente alcolizzato può capire un altro paziente alcolizzato.

E soprattutto, dovete sapere che potete uscirne. Mai scoraggiarsi, mai sentirsi in colpa se si ha una ricaduta: quando si cade, è per rialzarsi. Non arrendetevi!

Questa testimonianza vi è stata utile?
Condividete la vostra opinione e le vostre domande nei commenti qui di seguito!

Forza a tutte e tutti!


avatar Candice Salomé

Autore: Candice Salomé, Community Manager Francia

Candice Salomé è Community Manager Francia di Carenity. Si occupa anche della redazione di articoli per la Rivista Salute. È responsabile del fidanzamento dei membri sulla piattaforma francese di... >> Per saperne di più

1 commento


lucyma
il 16/12/20

SECONDO VOI E' ALCOLIZZATO UN UOMO DI 45 ANNI  CHE BEVE DA 7 MESI 8 BIRRE DA 0,75 CL O 10 DA 0,50?

Ti piacerà anche

All'incontro di un ambasciatore Carenity

All'incontro di un ambasciatore Carenity

Vedi la testimonianza
Covid-19: quali sono gli effetti collaterali dell'indossare una mascherina?

Covid-19: quali sono gli effetti collaterali dell'indossare una mascherina?

Leggi l’articolo
Covid-19 e influenza, quali sono le differenze?

Covid-19 e influenza, quali sono le differenze?

Leggi l’articolo