«
»

Top

Testimonianza foto: se la sindrome di Ehlers Danlos potesse parlare

15 apr 2019

Emmanuelle prende la penna per spiegare cos’è veramente la sindrome di Ehlers Danlos. Leggete questa testimonianza e non esitate a condividerla per far conoscere la malattia intorno a voi!

Testimonianza foto: se la sindrome di Ehlers Danlos potesse parlare

La testimonianza di Emmanuelle

Se la sindrome di Ehlers Danlos potesse parlare

Emmanuelle 
Buongiorno, mi presento, mi chiamo la Sindrome di Ehlers Danlos.

Sì, lo so, è un nome un po’ barbaro! Sono una malattia orfana del collagene e dell’iperestensione e credetemi, visto tutto il collagene che avete nel corpo ed i movimenti che questo fa ogni giorno, ho il piacere di disturbarvi all’infinito.

Ho un sacco di tempo perché sono incurabile. Soltanto la fisioterapista allevierà un po’ i vostri dolori ma spesso, vedrete che non basta. Impedirò le vostre ferite di cicatrizzare normalmente, creerò delle complicazioni post-interventi perché per forza, colpirò i vostri tessuti fibrosi. Provocherò anche distorsioni, lussazioni e fratture per un sì o per un no.

Comunque, sono un vero peso per quelli di cui abito il corpo. Per alcuni, i dolori saranno così forti che si ritroveranno sulla sedia a rotelle. Vado, vengo, viaggio insieme a voi.

Posso rovinare la vostra vita e come non si vede per quelli che sono ancora « validi », li imprigiona in una incomprensione e non riconoscimento del corpo medico.

E sì, sono spesso oggetto di errori di diagnosi perché la gente mi confonde regolarmente con la fibromialgia o la spondilite anchilosante.

Come avrete compreso, ecco la mia lotta quotidiana.

C’è questa frase che non dimenticherò mai di un Medico consigliere al quale mancava un po’ di empatia e un giorno m’ha detto: « Signora, bisogna lasciare da parte il proprio orgoglio, abbiamo tutti i nostri piccoli problemi di salute ». L’ho invitato a frequentare, come me, il centro di riabilitazione di un ospedale tre volte alla settimana così come la fisioterapista privata e ho detto « ne parleremo più tardi »...

 

Questa testimonianza fa parte del progetto di laurea di Gaëlle Regnier, studentessa di fotografia presso la Scuola di Fotografia e Tecniche visive Agnès Varda di Bruxelles. Ha scelto il dolore cronico come tema di questo reportage fotografico per evidenziare i pazienti e la loro lotta.
 

Altre testimonianze

Claire: « Continuare a lavorare con la poliartrite deformante »

Alain: « Il mercato del lavoro esclude i malati cronici »

Delphine: « Anni di vagare medico di fronte alla sindrome di Ehlers-Danlos di tipo ipermobile »

Marie: « La sindrome del colon irritabile impedisce di vivere »

Ornella: « La sindrome di KISS, di una madre a suo figlio »

Virginie: « Continuare a sperare nonostante gli effetti secondari dei trattamenti contro la poliartrite reumatoide »

Quentin: « La rettocolite ulcerosa non mi impedirà di viaggiare »
 

Grazie mille a Emmanuelle di aver condiviso la sua storia! Non dimenticate di commentare questa testimonianza per portare il vostro sostegno e per condividere con altri membri cos'è il più difficile nella vita quotidiana per voi

avatar Louise Bollecker

Autore: Louise Bollecker, Content Manager & Community Manager France

Community manager di Carenity in Francia, Louise è anche Content Manager per proporre ai membri degli articoli, video e testimonianze. Il suo obiettivo è di portare la voce dei pazienti per far capire meglio la loro realtà nella vita quotidiana.

Commenti

Ti piacerà anche

La diagnosi della psoriasi raccontata dai membri Carenity

La diagnosi della psoriasi raccontata dai membri Carenity

Leggi l’articolo
Sicurezza informatica, miglioramenti del sito… Incontrate Jérémy, responsabile tecnico

Sicurezza informatica, miglioramenti del sito… Incontrate Jérémy, responsabile tecnico

Leggi l’articolo
Quali malattie e quali farmaci sono incompatibili con l’aspirina?

Quali malattie e quali farmaci sono incompatibili con l’aspirina?

Leggi l’articolo
I trattamenti del cancro: bioterapia e immunoterapia

Adamantinoma
Astrocitoma
Carcinoma basocellulare
Carcinoma epidermoide della testa e del collo
Condrosarcoma mixoide extrascheletrico
Cordoma
Coriocarcinoma
Dermatofibrosarcoma di Darier-Ferrand
Feocromocitoma
Glioblastoma
Leucemia linfatica acuta
Leucemia linfatica cronica
Leucemia mieloide acuta
Leucemia mieloide cronica
Linfoma di Hodgkin
Linfoma non-Hodgkin
Macroglobulinemia di Waldenstrom
Mesiotelioma
Mielofibrosi
Mieloma multiplo
Nefroblastoma
Neoplasia endocrina multipla
Neuroblastoma
Retinoblastoma
Sarcoma di Ewing
Sarcoma di Kaposi
Sindrome di Sézary
Sindromi mielodisplastiche
Tumore al cervello
Tumore al timo
Tumore del collo dell'utero
Tumore del colon-retto
Tumore del fegato
Tumore del nasofaringe
Tumore del palato
Tumore del pancreas
Tumore del polmone
Tumore del rene
Tumore del seno
Tumore del testicolo
Tumore dell'ano
Tumore dell'endometrio
Tumore dell'esofago
Tumore dell'ovaio
Tumore della bocca
Tumore della gola
Tumore della laringe
Tumore della lingua
Tumore della parotide
Tumore della pelle
Tumore della pleura
Tumore della prostata
Tumore della tiroide
Tumore della vagina
Tumore della vescica
Tumore della vulva
Tumore delle vie biliari
Tumore dello stomaco
Tumore di Merkel
Tumore endocrino entero-pancreatico
Tumore gliale
Tumore maligno delle tube
Tumore neuroendocrino
Tumore osseo
Tumore peritoneale primario
Tumore rabdoide
Tumore stromale gastrointestinale
Tumore tonsillare

I trattamenti del cancro: bioterapia e immunoterapia

Leggi l’articolo