Dieta e steatosi epatica analcolica epatica

Una migliore alimentazione può essere un trattamento efficace per la steatosi epatica non alcolica (NAFLD) e la sua forma più grave, la steatoepatite non alcolica (NASH).

/static/themes-v3/default/images/default/info/maladie/intro.jpg?1516194360

Nei pazienti con sovrappeso o obesità centrale, l'obiettivo è una perdita del 7-10% del peso corporeo. Nella pratica si raccomandano due componenti di gestione.

Cambiare le sue abitudini alimentari

La prima componente terapeutica consiste nel cambiamento delle abitudini alimentari con un'assunzione adeguata di macronutrienti. La dieta mediterranea tradizionale ha molti effetti benefici sulla salute generale. Il consumo di caffè (soprattutto dalla macchina elettrica per il caffè) è piuttosto protettivo contro la steatosi, o anche contro la fibrosi epatica.

Restrizione energetica

È necessario ridurre l'apporto calorico da 500 a 1000 kcal per perdere tra 500 e 1000 g a settimana. L'obiettivo è di perdere, in totale, tra il 7 e il 10% del vostro peso. Si tratta di uno sforzo a lungo termine che deve essere accompagnato da un aumento dell'attività fisica.

Alimenti da consumare e da vietare

Dovreste mangiare almeno cinque tipi di frutta e verdura al giorno. Il caffè non è limitato nell'ambito della lotta contro la steatosi.

D'altra parte, si consiglia per i pazienti di evitare le bibite e gli alimenti ricchi di fruttosio industriale. Anche il consumo di alcol dovrebbe rimanere al di sotto delle solite raccomandazioni (30 g/giorno per gli uomini e 20 g/giorno per le donne).

Aumentare l'attività fisica

Il secondo aspetto della gestione è quello di aumentare l'attività fisica (aerobica o attività fisica di resistenza) e di combattere l'inattività fisica. L'aumento dell'attività fisica migliora la steatosi epatica anche in assenza di perdita di peso.

>> Definizioni, sintomi... che cos'è la steatosi epatica non alcolica? <<

Si raccomanda di allenarsi tra 2 e 4 ore alla settimana in tre-cinque sessioni, come ad esempio una camminata veloce o ciclismo. Lo sforzo deve essere da moderato a intenso. Anche gli esercizi di resistenza sono efficaci. Per combattere gli stili di vita sedentari, questi sforzi devono diventare una vera e propria abitudine per il paziente. Pertanto, dovreste concentrarvi su un'attività che vi piace.

I disturbi alimentari (zucchero, sale, dipendenza da bulimia) devono essere gestiti mediante addictologia e/o terapia comportamentale. In caso di fibrosi o cirrosi grave, si raccomanda di smettere di bere qualsiasi bevanda alcolica.

Associazione francese per la formazione medica continua in epatite-Gastro-Entérologie

Ultimo aggiornamento: 21/03/19