«
»

Top

10 cose che non sapete su Carenity

Pubblicata il 21 apr 2021 • Da Léa Blaszczynski

Oggi siamo felici di festeggiare con voi il 10° anniversario di Carenity!


10 cose che non sapete su Carenity

Dieci anni fa, la prima versione del sito web di Carenity è andata online nella sua versione francese. La piattaforma è poi diventata internazionale, prima in Europa e poi negli Stati Uniti.

Per questa grande occasione, vorremmo fare qualcosa di speciale condividendo con voi 10 cose che (forse) non sapete su Carenity:

1. 

Michael Chekroun ha creato Carenity dopo essersi reso conto che era molto difficile connettersi con i pazienti o le loro famiglie per trovare informazioni affidabili sulla cura del paziente o sui trattamenti disponibili.

Michael ha un parente affetto da una malattia cronica, che lo ha spinto a sviluppare Carenity nel 2011.

2. 

Quando Carenity è stato lanciato, la piattaforma aveva 12 comunità (circa 12 malattie). Oggi ne ha quasi mille, tra cui un gran numero di malattie rare.  

3. 

Il nome Carenity è stato scelto per la sua giustapposizione di: « Care » che significa cura in inglese e « Nity » per community (la comunità in italiano). 

4. 

Con una raccolta fondi di 1,5 milioni di euro nel 2015, Carenity ha potuto spiegare le sue ali offrendo una piattaforma nel Regno Unito, Italia, Spagna e Germania nel 2015.

5. 

Il nostro team è composto da una trentina di persone di orizzonti diversi e una decina di nazionalità diverse (Francia, Inghilterra, Messico, Spagna, Italia, Germania, Stati Uniti, Venezuela, Cina, Marocco...) Il nostro team è molto unito e si aiuta a vicenda ogni giorno, con lo stesso obiettivo: migliorare la vita quotidiana dei pazienti e delle loro famiglie. 

6. 

Il sito è stato finora sottoposto a due riprogettazioni (nel 2014 e nel 2017) con l'obiettivo di migliorare l'esperienza dell'utente. Nel corso degli anni, sono state create le funzioni Dare la sua opinione sul suo trattamento e la Rivista Salute

Ogni giorno, il team tecnico apporta dei miglioramenti per soddisfare sempre le vostre aspettative. 

7. 

La nostra mascotte si chiama Epi, che deriva dal nome Epione o Epioné nella mitologia greca. Epione è una ninfa che allevia i dolori. È la moglie di Asclepio, dio della medicina.

 editor_meta_bo_img_36b43b8ce1dd0f4200005299a65272b0.png

8. 

Carenity ha la sua app mobile dal 2018. È una web-app, il che significa che è il sito reso più accessibile attraverso l'app. Potete trovarla sull'Apple o Play Store.

9. 

Nel 2018, Carenity ha creato la sua piattaforma per i pazienti che vivono negli Stati Uniti. Ora ha più di 30.000 membri.  

10. 

Carenity ha aperto il suo primo ufficio all'estero a Boston, USA, una delle capitali mondiali del biotech e della ricerca medica.

Per il 10° anniversario, Michael Chekroun, il fondatore di Carenity, ha voluto condividere una breve nota con voi:

« Carenity compie oggi 10 anni.

Dai nostri inizi all'ospedale di Cochin ai nostri attuali uffici di Parigi e Boston, più di 110 dipendenti hanno contribuito all'immenso successo di Carenity.

In 10 anni, nonostante le sfide che abbiamo affrontato, siamo rimasti fedeli alla nostra missione: aiutare i pazienti e i loro cari a trovare una piattaforma di qualità per condividere, imparare e sostenersi a vicenda. Abbiamo creato un modello virtuoso mettendo l'intelligenza collettiva dei pazienti al servizio della ricerca medica, sempre nel rispetto dei nostri valori e dei nostri impegni etici.

Oggi, più di 500.000 pazienti in tutto il mondo beneficiano dei nostri servizi. Carenity è disponibile in 5 lingue e copre quasi mille malattie croniche e rare. Ogni anno, un centinaio di studi e pubblicazioni incentrate sulla "vita reale" dei pazienti permettono agli attori delle scienze della vita di migliorare la vita quotidiana dei pazienti.

Il decimo anniversario del lancio di Carenity segna l'apertura di un nuovo capitolo mentre uniamo le forze con XClinical e FMS per creare EvidentIQ Group, un attore innovativo dove la scienza dei dati e la tecnologia ci permetteranno di offrire un servizio migliore ai pazienti e agli attori della ricerca.

Vorrei ringraziarvi calorosamente per la vostra fiducia e fedeltà, voi che ci avete sostenuto e accompagnato durante questo straordinario viaggio. E state certi che siamo più che mai al vostro fianco in questi tempi complicati.

"Non c’è fine. Non c’è inizio. C’è solo l’infinita passione per la vita." (Fellini)

Congratulazioni alla famiglia Carenity e grazie a ciascuno dei nostri membri!

Michael Chekroun,

Presidente. »

 

E voi? Conoscevate questi 10 fatti? Avete anche voi un fatto importante da condividere? A presto sul forum!


avatar Léa Blaszczynski

Autore: Léa Blaszczynski, Redattrice di Salute, esperta in comunicazione

Presso Carenity dal 2013, scrivere articoli sulla salute non ha più segreti per Léa. Ha un interesse particolare nei campi della psicologia, della nutrizione e dell'attività fisica.

Léa ha un master in... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Covid-19 e influenza, quali sono le differenze?

Covid-19 e influenza, quali sono le differenze?

Leggi l’articolo
Il distanziamento sociale: come funziona?

Il distanziamento sociale: come funziona?

Leggi l’articolo
Coronavirus e malattie croniche

Coronavirus e malattie croniche

Leggi l’articolo
Coronavirus: cosa c'è da sapere?

Coronavirus: cosa c'è da sapere?

Leggi l’articolo