«
»

Top

Cancro del colon-retto: quali sono i primi segni della malattia?

Pubblicata il 15 lug 2022 • Da Candice Salomé

I tumori del colon e del retto sono raggruppati sotto il nome di cancro colorettale. Si sviluppano dalle cellule che rivestono il rivestimento interno del colon o del retto. 

In oltre l'80% dei casi, ha origine da un tumore benigno che si evolve lentamente fino a diventare canceroso. 

Ma quali sono i primi segni del cancro del colon-retto? Come viene diagnosticato? Come viene trattato? 

Vi raccontiamo tutto nel nostro articolo! 

Cancro del colon-retto: quali sono i primi segni della malattia?

Quali sono i primi segni del cancro del colon-retto? 

Il cancro del colon-retto di solito si sviluppa in modo silente, cioè senza causare alcun sintomo. Questo può durare per diversi anni. Quando compaiono i primi sintomi, si tratta principalmente di dolori addominali, alterazioni dei movimenti intestinali e sangue nelle feci

Il dolore addominale può essere più o meno intenso, localizzato o, al contrario, diffuso. Può assomigliare a crampi addominali causati da gonfiore e non sempre spinge il paziente a consultare un professionista della salute. 

Il cambiamento dei movimenti intestinali può manifestarsi con diarrea improvvisa o costipazione che dura a lungo. Si può anche osservare un'alternanza di diarrea e costipazione

La presenza di sangue nelle feci può talvolta essere impercettibile. Il sangue non è sempre rosso vivo, ma può essere nero o marrone e confondersi con il colore delle feci. 

Può essere presente un costante bisogno di andare di corpo e sensazioni insolite durante l'emissione delle feci. 

Con il progredire del tumore del colon-retto, può formarsi una massa palpabile nell'addome

Infine, la salute generale del paziente può peggiorare e si possono osservare perdita di peso, affaticamento inspiegabile, anemia o episodi di febbre

Quali sono i fattori di rischio per il cancro del colon-retto? 

Diversi fattori possono contribuire allo sviluppo del cancro del colon-retto. Il rischio aumenta quando questi fattori si accumulano. 

Il rischio di sviluppare il cancro del colon-retto aumenta dopo i 50 anni. L'età media della diagnosi è di circa 70 anni

Inoltre, l'aver già avuto un tumore del colon-retto in passato aumenta il rischio di svilupparlo nuovamente. 

Anche la diagnosi di un tumore benigno simile a un polipo del retto o del colon aumenta il rischio di cancro del colon-retto. 

Anche le abitudini di vita sono note come fattori di rischio

  • Una dieta ricca di salumi e carni rosse, 
  • Una dieta povera di fibre, 
  • Essere in sovrappeso o obesi, 
  • Uno stile di vita sedentario, 
  • Fumo, 
  • Consumo eccessivo di alcol. 

Le MICI (malattie infiammatorie croniche dell'intestino: morbo di Crohn o rettocolite emorragica), soprattutto quando si estendono all'intero colon e sono presenti da più di 10 anni, richiedono colonscopie regolari per individuare un potenziale cancro del colon-retto. 

Infine, è fondamentale conoscere la storia sanitaria della propria famiglia, poiché il rischio aumenta se un parente di primo grado (madre, padre, sorella o fratello) ha avuto un tumore del colon-retto prima dei 60 anni. Il rischio aumenta ulteriormente se due parenti di primo grado hanno avuto un tumore del colon-retto, indipendentemente dall'età in cui si è manifestato. 

Come viene diagnosticato il cancro del colon-retto? 

Se si nota uno dei sintomi sopra descritti, è importante parlarne con il medico di famiglia durante un consulto. 

Il medico esegue un esame clinico e, se necessario, indirizza il paziente a un medico specializzato in gastroenterologia

In caso di sintomi rettali, il gastroenterologo può eseguire una rettoscopia per visualizzare il retto attraverso un endoscopio rigido. Questo esame non richiede alcuna preparazione. 

Di solito, il gastroenterologo prevede anche di eseguire una colonscopia in anestesia generale. Questo esame consiste nell'introduzione di un tubo flessibile con una telecamera molto piccola nel retto e poi nel colon per visualizzare le pareti interne del retto e del colon. Se vengono rilevate lesioni, si utilizza un forcipe per prelevare campioni (biopsie) o per rimuoverli per le successive analisi. 

L'esame anatomopatologico dei campioni ci permette di confermare o meno la diagnosi di cancro del colon-retto e di specificare di che tipo di lesioni si tratta.

Quali sono la gestione e i trattamenti del tumore del colon-retto? 

Esami supplementari 

Se viene diagnosticato un tumore del colon-retto, un esame del sangue valuterà lo stato di salute generale del paziente e misurerà il livello di un marcatore tumorale chiamato ACE (antigene carcinoembrionale). 

Un'ulteriore valutazione misurerà l'estensione del tumore del colon-retto e la sua possibile estensione ad altri organi

  • In tutti i casi: una TAC del torace, dell'addome e della regione pelvica (bacino)
  • A seconda del caso: 
  • Un'ecografia dell'addome e della pelvi, 
  • Risonanza magnetica dell'addome, 
  • Tomografia a emissione di positroni (PET): questo esame si basa sull'iniezione di glucosio debolmente radioattivo nel sangue. Le cellule tumorali (più attive di quelle normali) assorbono e consumano più glucosio. Poiché la radioattività può essere rilevata da questa tecnologia, l'esame consente di ottenere immagini precise delle aree del corpo ricche di cellule tumorali. 

Questa valutazione completa permette di definire il trattamento e il progetto terapeutico

I trattamenti 

Le modalità di trattamento sono adattate a ciascun caso e decise in consultazione con il chirurgo, il radioterapista, l'oncologo e il medico curante. 

A seconda dei casi, il trattamento prevede una o più tecniche: chirurgia, radioterapia, chemioterapia e/o terapie mirate. I metodi di trattamento vengono spiegati al paziente durante una consultazione specifica. Se il paziente accetta il trattamento proposto, gli verrà consegnato un documento chiamato "programma di cura personalizzato" (PPS)

>> Per saperne di più sui trattamenti per il cancro del colon-retto,

consultate la nostra scheda dedicata alla malattia << 

Vi è piaciuto questo articolo?  

Cliccate su "mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto! 

Forza a tutte e tutti!

avatar Candice Salomé

Autore: Candice Salomé, Redattrice di Salute

Creatrice di contenuti presso Carenity, Candice è specializzata nella scrittura di articoli sulla salute. Ha un interesse particolare nei campi della psicologia, del benessere e dello sport. 

Candice ha... >> Per saperne di più

Chi ha riveduto: Antoine Seignez, Farmacista capo progetto in data science

Antoine ha un dottorato in farmacia e un dottorato in scienze della vita, specializzato in immunologia. Ha studiato all'Università di Borgogna. Molti dei suoi lavori sono stati pubblicati in riviste... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Giornata mondiale contro il cancro: tutti interessati!

Tumore del colon-retto

Giornata mondiale contro il cancro: tutti interessati!

Leggi l’articolo
Stanchezza e dolore, problemi persistenti dopo la fine del cancro

Tumore del colon-retto

Stanchezza e dolore, problemi persistenti dopo la fine del cancro

Leggi l’articolo
Mese blu: cancro colorettale, facciamo il punto

Tumore del colon-retto

Mese blu: cancro colorettale, facciamo il punto

Leggi l’articolo
Il premio Nobel per la medicina giapponese vuole continuare la ricerca per « salvare maggiori pazienti »

Tumore del colon-retto

Il premio Nobel per la medicina giapponese vuole continuare la ricerca per « salvare maggiori pazienti »

Leggi l’articolo

Discussioni più commentate

Scheda malattia