«
»

Top

Cosa sono le dipendenze e come si possono curare?

Pubblicata il 30 ago 2022 • Da Claudia Lima

Le dipendenze sono un grave problema di salute pubblica. Colpiscono diversi milioni di persone in Italia e hanno conseguenze sulla vita quotidiana e complicazioni a lungo termine. 

Che cos'è una dipendenza? Quali sono le cause? Come possono essere trattati? 

Volete delle risposte? Leggete il nostro articolo! 

Cosa sono le dipendenze e come si possono curare?

In media, le sostanze psicoattive più utilizzate dagli 11-75enni nel 2019 sono l'alcol, con 5 milioni di consumatori giornalieri, il tabacco (nicotina), 12 milioni, e la cannabis, 850.000. Seguono la cocaina, con 600.000 consumatori in un anno, l'ecstasy con 400.000 consumatori e l'eroina

La dipendenza dal gioco d'azzardo colpisce 1,2 milioni di francesi, con 450.000 persone che giocano ogni giorno. Il tema è sempre più preoccupante a causa dell'aumento della percentuale di giocatori problematici. 

Secondo l'ultimo rapporto dell'Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (OEDT), 83,9 milioni di adulti (di età compresa tra i 15 e i 64 anni) in Europa hanno fatto uso di droghe illecite nel corso della loro vita. 

Cosa sono le dipendenze? 

Le dipendenze sono patologie cerebrali definite dalla dipendenza da una sostanza o da un'attività. Sono caratterizzate dalla ripetuta incapacità di controllare un comportamento e dalla continuazione di tale comportamento nonostante la consapevolezza delle sue conseguenze negative. Comprendono le dipendenze da sostanze psicoattive come l'alcol, il tabacco, alcuni farmaci e le droghe illecite, ma anche le dipendenze comportamentali, senza sostanze psicoattive, come il gioco d'azzardo e i videogiochi. 

Quali sono i fattori che portano alla dipendenza? 

Esistono molti fattori di rischio per il passaggio dal consumo alla dipendenza. Dipendono dall'individuo, dal prodotto e dall'ambiente. 

L'individuo

I fattori genetici da un lato e quelli psicologici dall'altro possono rappresentare dei rischi per il passaggio alla dipendenza. Pertanto, l'età (soprattutto dei giovani), il sesso (soprattutto degli uomini), la maturità cerebrale, la personalità e l'umore di un individuo sono criteri importanti. 

Alcuni disturbi psicologici favoriscono la dipendenza e sono spesso associati all'uso multiplo di prodotti che creano dipendenza. Questi includono la depressione, il disturbo bipolare, l'ansia, il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC), il disturbo borderline di personalità, i disturbi alimentari (DE) e il disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività (ADHD). 

Può essere presente anche una fragilità psicologica, come una bassa autostima. Anche eventi o traumi significativi possono essere la causa delle dipendenze. 

Il prodotto

Ci sono sostanze che creano una forte dipendenza, per cui la dipendenza può instaurarsi più o meno rapidamente. Il prodotto che crea maggiore dipendenza è il tabacco, seguito dall'eroina, dalla cocaina e dall'alcol. 

L'ambiente

Il comportamento di dipendenza è influenzato dall'ambiente in cui l'individuo vive. Il contesto sociale e familiare e/o la facile disponibilità del prodotto facilitano il comportamento di dipendenza.  

Quali sono le conseguenze delle dipendenze? 

Gli effetti immediati di una sostanza o di una pratica sono euforia, perdita di controllo, riduzione dello stress e disinibizione. Se l'assunzione di una sostanza supera il limite di tolleranza dell'organismo, può verificarsi una situazione di pericolo di vita, ad esempio un'overdose di oppiacei o un coma da alcol. 

In seguito, si sviluppano i sintomi legati all'esposizione cronica. L'uso o la pratica della sostanza invade gradualmente la vita quotidiana del tossicodipendente, con il rischio di isolamento, stigmatizzazione, perdita del lavoro o abbandono della scuola. 

A lungo termine, le ripercussioni sono mediche, psicologiche e psichiatriche

Le conseguenze sono anche sociali e sanitarie. In 2020, in Francia l'alcol è stato responsabile di molti incidenti stradali mortali, 16.000 morti per cancro, 9.000 morti per malattie cardiovascolari e 6.800 per malattie dell'apparato digerente. Il tabacco è il principale fattore di rischio per i tumori prevenibili ed è implicato nello sviluppo di 17 tipi di cancro. Un conducente che risulta positivo alla cannabis ha una probabilità 1,65 volte maggiore di essere responsabile di un incidente mortale. Per le altre sostanze illecite, 503 decessi sono legati al loro abuso. 

Come vengono trattate le dipendenze?

Il trattamento di una persona affetta da dipendenze si basa su un approccio multidisciplinare. Si tratta di un trattamento a lungo termine il cui obiettivo è quello di interrompere l'uso della sostanza o della pratica a lungo termine

La prima persona da consultare è lo psichiatra, che è l'unico abilitato a diagnosticare la dipendenza. Deciderà anche la strategia terapeutica: psicoterapia, farmaci, intervento con i familiari, ospedalizzazione e altri approcci come la sofrologia. Talvolta è necessario associare al trattamento farmacologico un'assistenza psicologica individuale e/o di gruppo e un sostegno sociale

I metodi di trattamento variano a seconda del tipo di dipendenza. Inoltre, il trattamento deve tenere conto di tutti i fattori che favoriscono le dipendenze, in modo da ridurre sia i rischi che i danni ad esse associati. 

L'astinenza è essenziale per interrompere il consumo o la pratica della dipendenza. A volte una riduzione graduale, come nel caso di alcol e tabacco, è più efficace di una sospensione immediata. 

Assistenza psicologica

Per garantire un buon follow-up del paziente, vengono effettuati colloqui di valutazione e motivazione per valutare il consumo, la dipendenza e la motivazione a smettere e per stabilire un protocollo di cessazione adatto a ciascun caso. Si raccomanda di effettuare questi colloqui con un professionista delle dipendenze

Spesso è necessaria una psicoterapia, che si svolge dopo il colloquio motivazionale. Esistono molti approcci: terapie psicodinamiche, terapie interpersonali (IPT), terapie cognitive e comportamentali (CBT), ecc. Il supporto psicosociale serve a mantenere o promuovere l'integrazione sociale e ad accompagnare il paziente. 

I gruppi di discussione offrono un sostegno significativo alle persone affette da dipendenza. Potete ritrovarli nella parte Dipendenze del sito del Ministero della Salute cliccando qui.

Il trattamento delle dipendenze da gioco d'azzardo avviene principalmente attraverso la psicoterapia individuale o di gruppo, talvolta coinvolgendo la famiglia. 

Gestione dei farmaci

Esistono trattamenti sostitutivi e molte molecole sono disponibili a seconda del tipo di dipendenza. La durata del trattamento sostitutivo varia da persona a persona. 

Astinenza da fumo 

La cessazione del fumo è efficace quando la terapia sostitutiva della nicotina è associata a un supporto psicologico. La nicotina raggiunge il cervello, senza passare per i polmoni, e allevia la sensazione di astinenza. 

I vari sostituti della nicotina sono cerotti (o patch di nicotina) da applicare sulla pelle, gomme da masticare, nicotina da inalare attraverso un inalatore o in spray per la bocca o compresse da succhiare o sciogliere sotto la lingua. 

Astinenza da alcol 

Spesso si ricorre a farmaci come acamprosato, naltrexone, nalmefene e baclofene. 

Astinenza da oppiacei 

La sindrome da astinenza deve essere prevenuta in primo luogo, ed è per questo che gli oppioidi a lunga durata d'azione come il metadone e la buprenorfina vengono prescritti per primi, a volte in combinazione con il naloxone. Il loro uso è strettamente controllato e la loro lunga durata d'azione fornisce un sollievo duraturo.

La sindrome da astinenza è rappresentata da manifestazioni sintomatiche che si verificano nel periodo immediatamente o tardivamente successivo alla cessazione del consumo di droga ed è espressa da uno stato di astinenza psicologica, comportamentale e fisica

Una volta completata l'astinenza, il naltrexone aiuta a prevenire le ricadute.  

Astinenza da cannabis 

La dipendenza da cannabis è essenzialmente psicologica, quindi l'approccio preferito è la psicoterapia. Tuttavia, per ridurre i segni di astinenza, possono essere prescritti mirtazapina o dronabinolo. 

Astinenza da cocaina

Non esiste un trattamento sostitutivo specifico per la cocaina, tuttavia, in combinazione con la psicoterapia e una breve astinenza, l'acetilcisteina si è dimostrata efficace. 

La prevenzione delle ricadute può essere ottenuta prescrivendo topiramato e disulfiram (usato anche per la dipendenza da alcol). 

Astinenza dai giochi 

Il trattamento della dipendenza da videogiochi richiede un'assistenza psicologica. Il supporto terapeutico può basarsi su diversi metodi che possono essere combinati tra loro: per esempio la terapia familiare, combinata con l'ipnosi e i gruppi di auto-aiuto. 

Può essere offerta un'assistenza sociale, poiché il giocatore patologico, nel caso del gioco d'azzardo, può aver perso ogni autonomia finanziaria e incontra grandi difficoltà a reintegrarsi. Se la dipendenza è estrema e al giocatore viene diagnosticata una depressione, il trattamento può essere effettuato anche con farmaci

L'eterogeneità dei profili dei giocatori d'azzardo patologici rende difficile impostare una strategia terapeutica. Tuttavia, i metodi alternativi si sono dimostrati validi, come la meditazione mindfulness e la stimolazione magnetica transcranica ripetuta (rTMS), che elimina il craving, ad esempio. 

Il craving è un impulso irrefrenabile a usare una sostanza o a mettere in atto un comportamento gratificante anche quando non lo si desidera in quel momento

Esistono vari modi per fare il punto sull'uso di sostanze psicoattive o sulla propria pratica di dipendenza. Il medico di famiglia ha anche un ruolo importante nel consigliare, curare e guidare i pazienti. Lo stesso vale per il medico del lavoro. 


Vi è piaciuto questo articolo?  

Cliccate su "mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto! 

Forza a tutte e tutti!

avatar Claudia Lima

Autore: Claudia Lima, Redattrice di Salute

Claudia Lima è una creatrice di contenuti presso Carenity, specializzata nella redazione di articoli sulla salute.

Claudia ha un MBA in Direzione Commerciale e Marketing e sta continuando a svilupparsi nel... >> Per saperne di più

Chi ha riveduto: Antoine Seignez, Farmacista capo progetto in data science

Antoine ha un dottorato in farmacia e un dottorato in scienze della vita, specializzato in immunologia. Ha studiato all'Università di Borgogna. Molti dei suoi lavori sono stati pubblicati in riviste... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Alcol e depressione: quali legami? Quali sono i rischi?

Dipendenza da alcool

Alcol e depressione: quali legami? Quali sono i rischi?

Leggi l’articolo
Alcolismo "Non bere più è essere liberi!"

Dipendenza da alcool

Alcolismo "Non bere più è essere liberi!"

Vedi la testimonianza
Covid-19 e influenza, quali sono le differenze?

Covid-19 e influenza, quali sono le differenze?

Leggi l’articolo

Discussioni più commentate