«
»

Top

Dormire poco fa ammalare di più?

Pubblicata il 17 giu 2016

Dormire poco fa ammalare di più?

La qualità del sonno è importante per le nostre difese naturali. La mancanza di sonno può infatti ridurre l’attività del sistema immunitario, aumentando – come dimostrato da alcuni studi – la nostra vulnerabilità a patogeni respiratori: sicuramente, quindi, al raffreddore e a infezioni respiratorie in generale.

Inoltre, la privazione di sonno influenza negativamente la produzione di anticorpi in risposta all’incontro con i patogeni, ma non per lungo tempo. Uno studio ha infatti dimostrato che la risposta al vaccino dell’influenza H1N1 non è minore in chi dorme meno.

In termini generali, dormire 8 ore per notte appare come la soluzione nettamente migliore e permette di migliorare il proprio stato di salute rispetto a chi riposa per 6 ma anche per 10 ore ogni notte.

HumanitaSalute.it

2 commenti

cry2675
il 20/06/16

Una volta dormivo 9 ore filate e pesanti 

ora ho sonno leggero e sono sempre stanca nonostante prenda anche gocce per. Dormire 

pppppp
il 21/06/16

Dormo poco per scelta. Mi alzo 2 ore prima (poco prima delle 5:00) con la sveglia per fare attività fisica e mi trovo bene. Il mio sistema immunitario è rimasto invariato: sono molto resistente alle patologie respiratorie stagionali. In effetti durante la giornata ogni tanto mi .. scende la palpebra, nel senso che mi capita di appisolarmi, ma questo problema lo avrei comunque a causa di un'operazione neurochirurgica al 3° ventricolo subita circa 30 anni fa. Non mi sento particolarmente stanco, e sono soddisfatto dell'attività fisica che riesco a fare prima di rimanere seduto dietro una scrivania per circa 8 ore.

Ti piacerà anche

Covid-19 e influenza, quali sono le differenze?

Covid-19 e influenza, quali sono le differenze?

Leggi l’articolo
Il distanziamento sociale: come funziona?

Il distanziamento sociale: come funziona?

Leggi l’articolo
Coronavirus e malattie croniche

Coronavirus e malattie croniche

Leggi l’articolo
Coronavirus: cosa c'è da sapere?

Coronavirus: cosa c'è da sapere?

Leggi l’articolo