«
»

Top

Giornata mondiale del linfoma: sintomi, cause, diagnosi e trattamento

Pubblicata il 15 set 2021 • Da Claudia Lima

La Giornata Mondiale del Linfoma (WLD), che si svolge ogni anno il 15 settembre, è un'altra occasione per aumentare la consapevolezza di questa malattia cancerosa che colpisce le cellule del sistema linfatico, note come linfociti. Poiché questi linfociti circolano in tutto il corpo, il linfoma può colpire tutti gli organi. 

Quali sono i sintomi? Quali sono i fattori di rischio? Come si fa una diagnosi? Quali trattamenti sono disponibili? 

Se cercate delle risposte, leggete il nostro articolo!

Giornata mondiale del linfoma: sintomi, cause, diagnosi e trattamento

I linfociti sono tipi di globuli bianchi che difendono il corpo

Il linfoma è caratterizzato da un'elevata moltiplicazione di linfociti nei linfonodi, nella milza, nel fegato e, più raramente, in altri organi. Ci sono due tipi di linfoma: il linfoma di Hodgkin o malattia di Hodgkin, che è meno conosciuto, e il linfoma non Hodgkin, che è molto più comune. 

Entrambi i tipi di linfoma colpiscono diversi tipi di linfociti. 

Alcuni dati per capire meglio

I pazienti con linfoma, noti anche come tumore maligno ematologico, rappresentano quasi la metà di tutti i pazienti con cancro del sangue. 

La malattia di Hodgkin, che prende il nome da Thomas Hodgkin, un medico britannico che la descrisse nel 1832, colpisce principalmente i giovani adulti dai 20 ai 40 anni. Rappresenta il 15% dei linfomi

LNH o linfoma non-Hodgkin, l'85% dei linfomi, colpisce tutte le età ma il rischio è maggiore per le persone oltre i 60 anni, con due tipi principali di cellule colpite: i linfociti di tipo B (85%) e i linfociti di tipo T (15%). 

Ci sono molti altri linfomi non-Hodgkin: linfoma follicolare, linfoma mantellare, linfoma linfoblastico, linfoma diffuso a grandi cellule B e molti altri. La loro diagnosi può essere fatta solo analizzando un campione di linfonodo al microscopio

Una descrizione dei sintomi e l'annuncio della diagnosi 

Nella maggior parte dei casi, questo cancro si manifesta come un aumento delle dimensioni di uno o più linfonodi. Questo aumento di volume è dovuto all'accumulo incontrollato di linfociti anomali. Solo una biopsia può stabilire una diagnosi definitiva e quindi la sua esatta natura. Altri esami, come le analisi del sangue e l'imaging medico, saranno utilizzati per valutare l'estensione del linfoma nel corpo. 

Per il LNH, i sintomi legati alle dimensioni anormali di un linfonodo non sempre permettono di individuare il cancro; i medici dovranno rilevare altre manifestazioni sul corpo del paziente: gonfiore, febbre e/o perdita di peso inspiegabile. Questo può purtroppo portare a una diagnosi errata

A seconda del tipo di linfoma: Hodgkin o non Hodgkin, verrà proposto un trattamento adeguato. 

Diverse cause dell'insorgenza del linfoma 

Per il linfoma di Hodgkin, ci sono diversi fattori di rischio che non significano necessariamente sviluppare un cancro del sangue. 

Questi possono essere legati a una storia familiare. Tuttavia, la ricerca non ha ancora identificato le mutazioni genetiche specifiche di questa malattia. 

Altri fattori sono legati allo stato immunitario del paziente. La diminuzione delle difese immunitarie dovuta a malattie autoimmuni, infezioni da alcuni virus o trattamenti immunosoppressivi sono a volte la causa del linfoma. 

Per il LNH, l'esposizione a sostanze tossiche è anche una causa della malattia. Per esempio, la sovraesposizione a solventi, inchiostro da stampa o pesticidi in agricoltura. 

I trattamenti

I medici hanno soluzioni efficaci per la gestione dei pazienti, le strategie terapeutiche saranno diverse a seconda dell'aggressività del linfoma. 

  • Chemioterapia, spesso una combinazione di diversi farmaci (polichemioterapia) prescritta su un periodo di diverse sessioni (da 6 a 12) e con un intervallo di circa 2 settimane. Viene somministrata per infusione. Gli effetti collaterali più comuni sono nausea, vomito, diarrea, costipazione e perdita di capelli.
  • La radioterapia è l'uso di radiazioni per distruggere le cellule cancerose solo nelle aree linfonodali colpite. Gli effetti collaterali abituali dipendono dalla zona trattata. Questi includono nausea, vomito, affaticamento, eruzioni cutanee, ecc. 
  • Immunoterapia, per aiutare le cellule immunitarie a combattere le cellule del linfoma stesso. Il trattamento viene effettuato per via endovenosa, con diverse iniezioni (tra 4 e 8) date a intervalli di diverse settimane. Questo metodo migliora i risultati della chemioterapia. Durante la chemioterapia, il paziente può avere mal di testa, nausea e vomito. 
  • Trapianti di cellule staminali: se il linfoma si ripresenta, si somministra una nuova chemioterapia che fa sì che il midollo osseo diventi fragile, è necessario rigenerarlo effettuando un trapianto di cellule staminali ematopoietiche
  • Le cure complementari permettono ai pazienti di gestire il dolore, i consigli e le raccomandazioni sullo stile di vita (dieta e attività sportive) sono essenziali. Esistono metodi alternativi per sentirsi meglio, come il rilassamento

E poi? Quale monitoraggio? Come si vive? 

Dopo il trattamento, molti pazienti torneranno alla vita normale, specialmente per i pazienti di Hodgkin. Il tasso di guarigione del linfoma è alto.

Oltre agli effetti collaterali fisici, ci sono conseguenze psicologiche da prendere in considerazione. Il morale ne risentirà, da qui la necessità di un supporto psicologico. La paura delle recidive è reale, e i pazienti devono essere ascoltati, soprattutto durante il follow-up medico dopo il trattamento. 

I trattamenti per il linfoma di Hodgkin e non Hodgkin migliorano costantemente. Naturalmente, le prospettive di guarigione dipendono da diversi criteri, tra cui il tipo di linfoma, l'estensione del cancro, l'età, il trattamento proposto e altre malattie. 

Per essere sostenuto come paziente o come parente di un paziente, c'è l'entourage e anche molte associazioni per aiuto, informazione, fuga. 


Vi è piaciuto questo articolo?  

Cliccate su "mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto!  

Forza a tutte e tutti! 

avatar Claudia Lima

Autore: Claudia Lima, Redattrice di Salute

Claudia Lima è una creatrice di contenuti presso Carenity, specializzata nella redazione di articoli sulla salute.

Claudia ha un MBA in Direzione Commerciale e Marketing e sta continuando a svilupparsi nel... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Giornata mondiale contro il cancro: tutti interessati!

Linfoma di Hodgkin
Linfoma non-Hodgkin

Giornata mondiale contro il cancro: tutti interessati!

Leggi l’articolo
Stanchezza e dolore, problemi persistenti dopo la fine del cancro

Linfoma di Hodgkin
Linfoma non-Hodgkin

Stanchezza e dolore, problemi persistenti dopo la fine del cancro

Leggi l’articolo
Il premio Nobel per la medicina giapponese vuole continuare la ricerca per « salvare maggiori pazienti »

Linfoma di Hodgkin
Linfoma non-Hodgkin

Il premio Nobel per la medicina giapponese vuole continuare la ricerca per « salvare maggiori pazienti »

Leggi l’articolo
Olivia Newton-John diagnosticata di cancro per la terza volta

Linfoma di Hodgkin
Linfoma non-Hodgkin

Olivia Newton-John diagnosticata di cancro per la terza volta

Leggi l’articolo

Scheda malattia