«
»

Top

Telemedicina: esami ed interventi a distanza, è ora!

12 mar 2019

Telemedicina: esami ed interventi a distanza, è ora!

Le visite mediche in videoconferenza non sono più le uniche avanzate proposte dalla telemedicina: ormai nuove tecnologie permettono ai medici di controllare la tensione, fare una radiografia e fare interventi chirurgici a distanza!

telemedicina

La tecnologia senza fili fa uscire la medicina fuori dagli ospedali e dalle cliniche! Grazie ad innovazioni senza precedenti, i deserti medici potrebbero essere accessibili ai medici del mondo senza richiedere nessuno spostamento.

La tecnologia mobile al servizio della salute

Durante l’inevitabile fiera MWC (per « Mobile World Congress ») che si svolgeva alla fine del febbraio 2019 in Barcelona, i leader della tecnologia mobile hanno parlato dell’impatto della telemedicina, oltre la teleconsultazione. L’azienda francese Health for Humanity ha creato una cabina che permette ai medici di controllare la tenzione dei loro pazienti, misurare la febbre, verificare il livello di ossigeno nel sangue, fare radiografie e test dell’udito...tutto questo a milioni di chilometri! Più di una decina di queste cabine sono state installate in Francia, Italia e Portogallo. Dovrebbero fra poco essere installate in Canada, Stati Uniti, Filippine e Dubai.

Formare i medici a queste pratiche

Per permettere il successo e la generalizzazione di questo servizio, la formazione degli operatori sanitari a questo esami a distanza è fondamentale. I medici devono poter guidare i pazienti nel corso della consultazione. Inanzitutto sospettosi, sempre più operatori sanitari sono favorevoli a tali iniziative. Sentito durante il congresso MWC, un medico francese che lavora in Africa, grazie a questi metodi: « 10 anni fa, la gente mi guardava comme se fossi un alieno. Oggi, queste tecniche sono sempre percepite come all’avanguardia ma sono veramente utilizzate, questa è la grande differenza ».

Una tecnologia che ha superato le prove

La società di studi di mercato Forrester prevede anche che ci saranno più consultazioni virtuali che fisiche negli Stati Uniti a partire dal 2020. Finora, la telemedicina stava esitante ma ora, le prove della sua efficacia si sono molteplicate, e quindi questa tecnica dovrebbe generalizzarsi rapidamente.

Lo sviluppo degli accessi 5G senza fili è un vantaggio per la telemedicina. Il medico spagnolo Antonio de Lacy ha effettuato il primo intervento teleguidato grazie alla 5G dal congresso MWC. Ha potuto guidare un team di chirurghi che hanno operato un paziente con tumore intestinale cinque chilometri più lontano da lui.

La 5G permette di migliorare la qualità dell’immagine e la sua precisione: i medici possono così avere tutte le informazioni necessarie per prendere una decisione ottimale e quindi riddure il rischio di errori. Il periodo di trasmissione delle informazioni è anche stato ridotto con la 5G, ciò che permette di condividere immagini e dati in tempo reale.

Delle soluzioni necessarie per i deserti medici nel mondo

La medicina virtuale trova tutto il suo senso nei paesi dove l’accesso alla sanità è difficile. Ad esempio, l’applicazione messaggistica Gifted Mom permette alle donne che vivono nelle campagne del Camerun di ottenere consigli gratis dei medici. Entro il 2020, il suo obiettivo è di ridurre ad almeno il 70% il numero di donne che muoiono durante il parto.

Se molti pazienti preferiscono ancora avere una visita di persona con il loro medico, la telemedicina ha un futuro promettente. Il suo uso rimane marginale ma il suo potenziale di sviluppo è grande.

 

Cosa pensate di queste soluzioni? Accettereste di essere operati a distanza?

Avete già provato la teleconsultazione?

Ne discutiamo nei commenti.    

avatar Louise-B

Autore: Louise-B, Content & Community Manager

Community manager di Carenity in Francia, Louise è anche redattore capo della Rivista Salute per proporre articoli, video e testimonianze concentrati sul vissuto dei pazienti e che portano la loro voce. Con una formazione pluridisciplinare orientata sul giornalismo, coordina la redazione dei contenuti delle piattaforme Carenity e facilita l’esperienza dei membri sul sito. 

Commenti

il 13/03/19

ben venga

il 15/03/19

Cari nuovi membri, avete visto questa discussione? Cosa ne pensate? Ringrazio chiunque vorrà condividere la sua esperienza con noi 

@pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ @pseudonimo nascosto‍ 

il 15/03/19

Potrebbe essere una soluzione alle lunghe attese di prenotazione

il 11/04/19

 Per ridurre le attese, sicuramente è ottimo, così come per controllare malati cronici a casa loro senza il disagio dello spostamento, specialEnte per le aree interne e montuose dell'Italia, dove le strutture sanitarie sono lontane e difficili da raggiungere. 

il 29/05/19

Ciao a tutte e tutti, avete fino a lunedì 2 giugno per rispondere alla nostra indagine "Il mondo del lavoro è adattato per le malattie croniche ?" Se non l'avete fatto, potere risponderci qui https://member.carenity.it/opinione/indagini/il-mondo-del-lavoro-adattato-per-le-malattie-croniche/15 I risultati saranno poi condivisi con voi e serviranno alla redazione di un articolo specifico per i membri Carenity. Grazie mille in anticipo per la vostra partecipazione.

Ti piacerà anche

Il sostegno finanziario contro la perdita totale o parziale di reddito

Il sostegno finanziario contro la perdita totale o parziale di reddito

Leggi l’articolo
Incontrate Baptiste, il vostro animatore di comunità

Incontrate Baptiste, il vostro animatore di comunità

Leggi l’articolo
Vita professionale e malattia cronica: il vissuto e le soluzioni dei membri Carenity

Vita professionale e malattia cronica: il vissuto e le soluzioni dei membri Carenity

Leggi l’articolo
La tesi di Damien di Carenity: la plasticità, o quando il cervello si rieduca

La tesi di Damien di Carenity: la plasticità, o quando il cervello si rieduca

Leggi l’articolo