«
»

Top

Fatica cronica: il vissuto e le soluzioni dei pazienti

15 apr 2019 • 24 commenti

Quando siamo affetti da una malattia cronica, spesso siamo stanchi: sintomi dolorosi, effetti secondari pesanti, ansietà... La vita quotidiana può essere difficile e portare ad un esaurimento reale. Abbiamo voluto saperne di più e permettere ai membri di Carenity di esprimersi a riguardo. Come percepiscono la loro fatica e le sue cause? Quale soluzione hanno istituito? Qual’è il ruolo del medico? Leggete il nostro articolo per scoprire cosa pensono i pazienti, identificare e proporre nuovi modi per lottara contro la stanchezza cronica.

Fatica cronica: il vissuto e le soluzioni dei pazienti

Una fatica alla volta fisica e nervosa

Cominciamo con la situazione attuale sulla fatica sentita dai rispondenti all’indagine.

stanchezza cronica 1

88%- fisicamente stanco

fatigue nerveuse

73%- nervosamente stanco

Il 88% dei nostri membri si sente fisicamente stanco. Il 73% ha anche dichiarato sentire un esaurimento nervoso e psicologico. Lo stress della diagnosi, l’attesa prima ogni visita e le procedure amministrative difficili possono distruggere il morale e l’energia dei pazienti.

Su una scala da 1 a 10 (10 corrisponde ad una stanchezza estrema), i pazienti hanno assegnato voto 7 alla loro stanchezza. Per loro, il responsabile è chiaro: per il 89% dei rispondenti, la malattia svolge un ruolo maggiore al loro stato.

I sintomi della malattia sono responsabili della stanchezza dei pazienti

Abbiamo voluto sapere in modo più preciso cosa provoca la stanchezza dei pazienti affetti da una malattia cronica.

symptômes de la maladie 83%- i sintomi della malattia

stanchezza cronica 4 31%- gli effetti secondari dei trattamenti

pression sociale 25%- la pressione sociale

stanchezza cronica 6 22%- il trattamento

La nostra indagine in video!

Le ripercussioni della stanchezza nella vita quotidiana dei pazienti

Abbiamo voluto sapere in modo più preciso cosa provoca la stanchezza dei pazienti affetti da una malattia cronica. Per il 98% dei pazienti, la stanchezza ha un grande impatto sulla vita familiare e sociale.

stanchezza cronica 7

99%- vita sociale

stanchezza cronica 8

98%- vita familiare

stanchezza cronica 9

90%- vita intima

vie professionnelle

81%- vita professionale

Tutti gli aspetti della vita quotidiana dei pazienti sono affetti dalla stanchezza cronica. Alcuni membri hanno anche vissuto delle situazioni fastidiose o pericolose per colpa del loro stato, ad esempio addormentarsi alla guida: « Rifiuto di uscire se bisogna guidare più di 20 minuti. Al volante, con mio bambino, mi sono davvero spaventata ».  Per strada, in riunione, con amici, i pazienti sono numerosi ad addormentarsi o avere voglia di farlo.

Le soluzioni contro la fatica cronica

I pazienti hanno provato ad istituire delle soluzioni per lottare contro la fatica cronica. Il 62% ne ha parlato al loro medico di fiducia e il 47% con un altro specialista. I nostri rispondenti hanno preso la loro salute in mano, anche se per il 42% di essi, lo scambio con il medico non è stato benefico. Il 59% dei membri fa ricorso occasionalmente o spesso a sonniferi. Ecco le loro altre soluzioni: 

stanchezza cronica 11 50%- dormire di più

activités 30%- fare meno attività

stanchezza cronica 13 27%- bevande energetiche, complementi alimentari ed attività rilassanti

alimentation 22%- una dieta ricca

Ciò che aspettano i nostri membri: maggiori consigli e medicine alternative

« Secondo me, gli operatori sanitari devono tenere conto di questo problema e suggerirci delle cose per rilassarci e che facilitano il sonno. »

« Dipende soltanto da me. Devo ridurre le mie attività e ripartirle meglio nella settimana. »

« I medici dovrebbero orientarci verso medicine alternative o suggerire l’assunzione di complementi alimentari, fitoterapia... »

« Se i medici potevano spiegarmi l’origine di questa stanchezza, sarebbe rassicurata. Medici e specialisti potrebbero tenere conto di questa fatica e provare a trovare delle soluzioni. »

« Non penso che esista una soluzione, la fatica fa parte integrante della mia malattia. »

« Devo accettare meglio la mia fatica ed integrarla nella mia vita, e devo lavorare per ridurla. Se non accetto di essere stanca, non posso combattere questa stanchezza. Mi piacerebbe anche parlare ad un piscologo o qualcuno che capisce quello che sento. »

E voi, siete stanchi? Perché?
Qual’è la vostra soluzione contro la stanchezza?

 

Indagine condotta du 2 862 membri Carenity in Italia, Francia, Regno Unito, Spagna, Germania e Stati Uniti nel marzo 2019.
 

avatar Baptiste Eudes

Autore: Baptiste Eudes, Community Manager Italia

Specialista nel campo dello sport-salute e digitale, Baptiste ha raggiunto Carenity nel 2016 in quanto Community Manager Italia. Il suo obiettivo è di aiutare al meglio i membri Carenity ad utilizzare la... >> Per saperne di più

Commenti

il 07/06/19

Mi alzo dal letto perché obbligata ad andare a lavorare, ma sono sempre stanca. Il mio braccio ormai non regge più nessuna fatica, come lavarsi i denti, limarsi le unghie, asciugarsi i capelli. Cose banali, quotidiane. Ho 38 anni e da dieci soffro di cervico-brachialgia dx per due ernie cervicali, e dopo un intervento chirurgico per rimuoverle sono punto e a capo. Dopo svariati ospedali, dottori, diagnosi varie, salta fuori una nuova patologia che sarebbe la causa di tutto: sindrome dello stretto toracico. Una compressione a livello arterioso e venoso sotto la clavicola. Nessun "dottorone" di quelli che ho incontrato nella mia vita ha mai preso in considerazione la cosa perché i sintomi sono simili a quelli provocati dell'ernia. Il sospetto è venuto alla mia osteopata. Gli esami l'hanno confermato. Ora attendo di fare due risonanze per capire cosa c'è che comprime e poi si deciderà se intervenire chirurgicamente o meno. Chi mi ridarà gli anni persi? La voglia di vivere e di fare le cose più banali come uscire a prendere una pizza? Perché sei troppo stanco per farlo. Sono nuova in questo forum, e mi rendo conto di non avere nulla rispetto a certe malattie devastanti che ho letto fin'ora. Ma sono anch'io una malata cronica, il dolore è parte della mia vita, giorno e notte. Comanda lui, gestisce tutto, il mio lavoro, la mia vita privata, sociale. Ci sono giorni che parto carica e vorrei fare mille cose, dopo un secondo la stanchezza prende il sopravvento e vado a letto. Arriverà mai la quiete dopo la tempesta?

EUREKA
il 10/06/19

Ciao @Beth_81‍ , hai provato con La Fisioterapia ? oppure Terapia Manuale e le Tecniche Neurodinamiche sono molto efficaci per la gestione del dolore e il miglioramento di questa Patologia o  sintomatologia.

Mentre per I farmaci sono di competenza prettamente e strettamente medica,  Nel caso specifico possono aiutare:
- antinfiammatori, antidolorifici , miorilassanti....  a tal proposito ci sono altre soluzioni che fatte con costanza alleviano tale Patologia, ma Non sono un Medico ed evito.  

Ultimo Step.....Gestione chirurgica " pensaci Molto Bene " 

in Alternativa ..... Armati di Pazienza e  Volontà ma non Arrenderti e Non Rassegnarti Mai 

Ciao , e Tienici informati.

By Eureka ! 

il 10/06/19

Ciao e grazie per il tuo messaggio!! In questi dieci anni ho provato veramente di tutto a cicli continui. Fisioterapia in continuazione, cicli di ogni terapia: tens, tecar, ozonoterapia, onde d'urto, mesoterapia, agopuntura, osteopata.. Non mi sono fatta mancare nulla!!

Per quanto riguarda i farmaci, sono stata in cura al Niguarda di Milano per un anno al reparto di terapia del dolore, dove mi hanno bombardato di farmaci, che danno ai malati oncologici. Ma a quanto pare sono immune a tutte. Sembra una barzelletta!!! Sono stata anche operata a gennaio per togliere le due ernie, ma il dolore al braccio è rimasto. Questo a quanto pare perché è subentrato un nuovo problema, mai preso in considerazione. Mercoledì ho due risonanza per andare più a fondo alla cosa. Per il momento stringo i denti e vado avanti in qualche modo, ma è dura! Grazie ancora per le tue parole, sono sempre di conforto :) 

Agata85
il 27/10/19

Buongiorno a tutti,vi comprendo benissimo io convivo da anni in questa situazione,ma adesso e da qualche mese che la stanchezza è diventata insostenibile,per non parlare dei dolori che ogni mattina mi rendono impossibile fare una vita normale,cerco di stringere i denti e fare con enorme fatica tutto ciò che ho sempre fatto,ma mi accorgo che a volte e proprio impossibile,e questo ultimamente mi comporta un disagio enorme anche con gli altri,mi fa sentire incapace e fuori luogo.

Ti piacerà anche

Malattie cardiovascolari: come leggere le analisi del sangue?

Malattie cardiovascolari: come leggere le analisi del sangue?

Leggi l’articolo
Cos'è la terapia insulinica funzionale?

Diabete tipo 1
Diabete tipo 2

Cos'è la terapia insulinica funzionale?

Leggi l’articolo
Intervista di esperto: Scoprire la neuropsicologia (3/3)

Malattia di Alzheimer

Intervista di esperto: Scoprire la neuropsicologia (3/3)

Leggi l’articolo
La diagnosi del tumore del polmone raccontata dai membri Carenity

Tumore del polmone

La diagnosi del tumore del polmone raccontata dai membri Carenity

Leggi l’articolo