«
»

Top

Alimentarsi meglio quando si è affetto da epatite

25 lug 2019

Le epatiti sono delle infiammazioni acute o croniche  del fegato. Però, questo organo gioca un ruolo essenziale nella digestione. Quando è affetto da un virus, conviene di proteggerlo adattando la sua alimentazione. Leggete i nostri consigli per adattare i vostri menu.

Alimentarsi meglio quando si è affetto da epatite

Il fegato, un organo vitale per lo stato nutrizionale

Il fegato è un organo essenziale alla vita. Interviene in un gran numero di attività dell’organismo direttamente legate alla nutrizione. Questo organo ha un una forte influenza sullo stato nutrizionale grazie al suo ruolo nel metabolismo intermedio dei nutrienti e dei sali biliari - il metabolismo è l’insieme delle trasformazioni chimiche e biologiche che si realizzano nell’organismo. Il fegato interviene anche nella trasformazione degli alimenti in sostanze necessarie alla sopravvivenza (nutrienti, vitamine, minerali…) 

È anche responsabile dell’eliminazione delle sostanze tossiche per l’organismo (alcol, residui di farmaci, eliminazione dei tossici che sono prodotti dalla degradazione di alcune proteine dell’organismo). Un’alimentazione adeguata può aiutare il fegato a funzionare meglio ed evitargli di lavorare di più. 

Le epatiti, un’affezione del fegato che può avere gravi conseguenze

Un fegato malato disturba la digestione, l’assunzione, l’ammasso e il metabolismo dei nutrienti, ciò che può essere la causa di carenze in vitamine e minerali e della malnutrizione a livello delle proteine e calorie. 

Però, le epatiti sono delle malattie infiammatorie causate da cinque virus principali (A,B,C,D o E) o sostanze chimiche tossiche, come alcol o farmaci. Le epatiti in funzione delle loro origini possono essere acute (le più frequenti) o croniche (quando l’infiammazione persiste almeno durante 6 mesi). Quindi è chiaro che delle diete sono necessarie per evitare un lavoro eccessivo del fegato nel caso di un'affezione del fegato. 

Una dieta alimentazione equilibrata

In accordo con il vostro medico, è importante di definire un apporto calorico adeguato al vostro peso, altezza, attività, spese per l’energia, e di ripartirlo per l’intera giornata. Bisogna anche assicurarsi di avere un apporto adeguato in liquidi (quasi 1,5 litri a 2 litri al giorno): acqua, latte, succo di frutta, brodo caldo o ancora bevande nutritive (latte di soia, zuppe di verdure).

Gli alimenti da privilegiare

- Consumare alimenti ricchi di proteine per lottare contro le infezioni e per rigenerare il fegato, come pesce. 

>> Vuoi condividere una ricetta con la comunità? È da questa parte!

- Consumare molta frutta, verdure e cereali facili da digerire. Le verdure possono essere consumate in zuppe, gratinati o crude (lavaggio e pelatura). Le gommose alla frutta sono anche eccellenti. 

- Gli alimenti cotti al cartoccio o al vapore sono fortemente consigliati. Grazie a queste cotture delicate, tutti i nutrienti sono conservati e non è necessario di aggiungere materia grassa. 

- Al contrario dei luoghi comuni, il consumo di cioccolato non presenta alcun rischio particolare per i pazienti affetti da epatite. 

Il pompelmo, falso amico o alleato? 

Il pompelmo è un alimento molto interessante per il fegato perché favorisce la detossificazione epatica e l’eliminazione del colesterolo LDL ( il colesterolo cattivo). Uno dei suoi componenti, la naringenin, un flavonoide che possiede forti proprietà antiossidanti, permette di ridurre di quasi il 17% il livello di colesterolo LDL. Alcuni studi hanno anche dimostrato che la naringenin possiede un’attività contro il virus dell’epatite C. 

Però, bisogna stare attento! Il consumo di pompelmo può limitare l’efficienza di alcuni farmaci contro l’epatite. In effetti, il pompelmo blocca il funzionamento di alcuni enzimi, i citocromi P450, agenti potenti del metabolismo dei farmaci. Parlatene con il vostro medico per evitare ogni interazione con i vostri trattamenti. 

Cosa evitare

- Il consumo di alcol è da vietare durante almeno 6 mesi, finché l’ittero (cioè il colorito giallo della pelle) persiste e soprattutto durante il trattamento. L’alcol è tossico per il fegato: bisogna al contrario proteggerlo e dargli il tempo di rigenerarsi. 

>> Bisogno di ispirazione? Ci vediamo nella rubrica Ricette della nostra Rivista

- Limitare gli alimenti ricchi di grassi di origine animale. Siccome il fegato è incapace di produrre abbastanza bile per eliminarli, i latticini devono essere alleggeriti (prodotti pastorizzati) e le carne ricche di grassi sostituite dalle leguminose e il pesce.

 

E voi, avete modificato la vostra dieta alimentare? Quali prodotti privilegiate? Dateci i vostri consigli e fate le vostre domande!

 

 

avatar Louise-B

Autore: Louise-B, Content & Community Manager

Community manager di Carenity in Francia, Louise è anche redattore capo della Rivista Salute per proporre articoli, video e testimonianze concentrati sul vissuto dei pazienti e che portano la loro voce. Con una formazione pluridisciplinare orientata sul giornalismo, coordina la redazione dei contenuti delle piattaforme Carenity e facilita l’esperienza dei membri sul sito. 

Commenti

Ti piacerà anche

Fine di vita assistita: cosa vogliono veramente i pazienti e i loro cari

Fine di vita assistita: cosa vogliono veramente i pazienti e i loro cari

Leggi l’articolo
Un nuovo metodo per evitare gli errori medici, anche in caso di ricovero

Un nuovo metodo per evitare gli errori medici, anche in caso di ricovero

Leggi l’articolo
Quali sintomi sono più pesanti per i pazienti?

Quali sintomi sono più pesanti per i pazienti?

Leggi l’articolo
Quali malattie e quali farmaci sono incompatibili con il paracetamolo?

Quali malattie e quali farmaci sono incompatibili con il paracetamolo?

Leggi l’articolo