/static/themes-v3/default/images/default/home/bg-generic.jpg?1516194360

2 risposte

38 visualizzazioni

Tema della discussione



Pubblicato il

Mi sto interessando agli studi riguardanti l'antiaging e ho scoperto che c'è moltissimo in cantiere.

Per motivi personali, sociali ed etici penso sia importante condividere le conoscenze che stanno emergendo. Per questo ho voluto che fosse creato questo gruppo perché, dopotutto, anche l'invecchiamento è una malattia ...

Inizio della discussione - 22/04/16

Longevismo ed invecchiamento

• Membro Ambasciatore
Pubblicato il
Buon consigliere

Io penso che l'ossessione di invecchiare possa divenire una malattia.

Si deve accettare l'idea che gli anni che passano portano inevitabilmente

al logoramento del nostro organismo. Perché si accumulano le tossine,

si accumulano le delusioni e, purtroppo, si accumulano le perdite di persone

a cui siamo legati e la cui presenza ci àncora alla vita.

In fondo il secondo principio della dinamica ci assicura che, per quanti sforzi si possano fare, il disordine aumenta sempre. Quello che si può sperare è che la inevitabile vecchiaia, se da un lato ci toglie molto, dall'altro ci doni un po' di quella saggezza che da giovani è difficile avere.

Credo che occorra guardare ai grandi vecchi, i quali, fino all'ultimo, hanno coltivato interessi e passioni.

Questo è il vero elisir di giovinezza!

(tutto ciò per dire che è illusorio sperare in sostanze miracolose - e, guarda caso, costosissime. Basta non fumare e bere poco, nutrirsi bene, fare gli sport che ci piacciono, avere interessi e amici che ci aiutino nelle difficoltà. Ciò, unito a genitori longevi, a un basso numero di battiti cardiaci, all'assunzione limitatissima di medicine, - che intossicano l'organismo - e a una buona dose di fortuna, ci dà buona probabilità di superare gli ottanta in buona salute!)  

Longevismo ed invecchiamento


Pubblicato il

SIcuramente non esiste un modo di invertire o annullare gli effetti dell'invecchiamento, ma ciò non significa che non si possa andare incontro all'invecchiamento in una maniera più sana e meno costellata da malattie degenerative e disturbi, il che si traduce in una vita migliore anche in età avanzata e, di conseguenza, l'eliminazione di pratiche mediche costose e spesso accompagnate da effetti collaterali. Questo dovrebbe essere il punto di visto dal quale viene osservato tale approccio e in questo modo andrebbe inteso: c'è un interessante articolo sulla medicina anti aging dove si discute come essa dovrebbe avere un ruolo preventivo, piuttosto che essere una promessa di giovinezza eterna.