La Droga Degli Artisti ? Il Prozac

/static/themes-v3/default/images/default/home/bg-generic.jpg?1516194360

1 risposta

26 visualizzazioni

Tema della discussione



Pubblicato il
Buon consigliere

Trovare l'ispirazione e l'idea creativa non e'facile se poi non arriva per un artista

diventa un vero problema. Se una volta si faceva ricorso all'oppio,oggi per tro-

vare l'estro ci si affida al Prozac. La notizia arriva dalla Gran Bretagna dove The

Guardian dedica al farmaco antidepress.un lungo articolo, che spiega come le

pastiglie di fluoxetina siano diventate molto diffuse tra gli artisti. Immesso nel

mercato esattamente 25 anni fa per curare forti stati depressivi, oggi il farmaco

e' utilizzato da 40 milioni di persone in tutto il mondo . Solo negli Stati Uniti e'

ormai nei cassetti di di ben 10 milioni di cittadini, pronto all'uso ( e in alcuni ca-

si agli abusi).Prescritto dai medici come tranquillante nei casi di ansia, la sua

efficacia e'dovuta alla sua azione  di inibitore selettivo della ricaptazione di se-

rotonina (SSRI)a livello di neuroni centrali. Il Prozac risulta tanto efficace che

l'industria farmaceutica ha pensato di commrecializzare anche una versione per cani. Ma perche' sarebbe particolarmente indicato agli artisti? Secondo la

analisi del quotidiano inglese, il farmaco sarebbe in grado di cresre quello stato

di"calma"ideale" alla produz. artistica. "Il Prozac e'il miracolo che ha salvato la

mia vita" ha testimoniato la scrittrice americana Elisabeth Wurtel. Un idea che 

ha confermata anche da GWineth Lewis, che ha raccontato:" Non lavoro quan-

do sono incasinata, lavoro quando sono felice. Il Prozac mi faceva felice". Co-

me racconta lo scrittore lo scrittore francese Henry de Montherbant la felicita'

per lui  era rappresentata da quelle pillole bianche di Cipralex da 20mg. , un 

medicinale cugino del Prozac , preso al mattino per colazione , gli procuravano

la sensazione della neve che cade intorno , che imbianca e attutisce ogni rumo-

re circostante. Eppure come ogni ritrovato chimico non tutti gli effetti sono po-

sitivi. Al di la'del giudizio sull'opportunita'o meno di fare ricorso ai farmaci per

ritrovare benessere o peggio ispirazione, esistono infatti delle controindicazio-

ni non solo  a livello medico. La calma indotta dal Prozac  in modo del tutto ar-

tificiale, lo stesso effetto anestetizzante che a taluni crea giovamento, per altri

risulta assolitamente deleterio specie a lungo andare, tanto da dover poi far ri-

corso ad altre sostanze per ridvegliare l'estro. In molti infatti sentono poi l'esi-

genza  di cercare sotuazioni  e contesti pericolosi , per "sbloccarsi" e tornare a

provare emozioni intense. L"uso  della fluoxetina infatti, puo'portare alla ridu-

zione di intensita'delle emozioni, come hs dimostrato uno studio nell'universita'

di Oxford e pubblicato sul British Journal of Psichiatry. Un risultato del tutto op-

posto a quello sperato da molti artisti, che invece trovano l'estro proprio nelle

situazioni di maggiore intensita'emotiva. 

Panorama

Inizio della discussione - 03/06/16

La Droga Degli Artisti ? Il Prozac


Pubblicato il
Buon consigliere

Ciao @fail64 se si tratta di un articolo non tuo e quindi pubblicato altrove, potresti specificare o linkare la fonte ?

Grazie per il tuo contributo

Francesco