«
»

Top

Canicola: quali precauzioni adottare in caso di temperature elevate?

Pubblicata il 29 ago 2022 • Da Claudia Lima

La canicola è un'ondata di temperature elevate che si verifica in estate e dura diversi giorni e notti. Può essere rilevata dai servizi meteorologici tra i 5 e i 7 giorni prima del suo inizio. 

Le ondate di calore del 2022 hanno battuto i record di temperatura raggiungendo, in alcune località, più di 40°. 

L'esposizione a temperature elevate all'aperto per un periodo prolungato, senza permettere all'organismo di recuperare, può portare a gravi complicazioni.  

Quali sono i rischi associati alle alte temperature? Chi sono le persone più vulnerabili? Come si possono prevenire gli incidenti? 

Volete delle risposte? Leggete il nostro articolo!

Canicola: quali precauzioni adottare in caso di temperature elevate?

Che cos'è un'ondata di calore? Che cos'è una canicola? 

Un'ondata di calore è un termine generico per indicare un periodo in cui le temperature possono rappresentare un rischio per la salute della popolazione

Per essere descritta come canicola, un'ondata di calore deve soddisfare due parametri: la durata dell'episodio e l'intensità della temperatura

La durata dell'ondata di calore deve essere di almeno tre giorni consecutivi. Il criterio della temperatura è soggettivo e dipende dalle norme di temperatura dell'area interessata. Ad esempio, a Parigi le soglie per le ondate di calore sono fissate a 31°C di giorno e 21°C di notte, mentre a Marsiglia sono di 34°C di giorno e 24°C di notte. 

Esistono diversi livelli di vigilanza: 1 (verde), 2 (giallo), 3 (arancione) e 4 (rosso). Questi livelli determinano la mobilitazione e le azioni da intraprendere. Ad esempio, il piano per le ondate di calore è stato attuato per la prima volta nel 2003, a seguito di un'ondata di calore eccezionale in Francia. 

Il periodo più favorevole alle canicola va dal 15 luglio al 15 agosto. 

In termini meteorologici, la persistenza dell'alta pressione sull'Europa occidentale impedisce alle perturbazioni di passare sul nostro Paese e rallenta l'arrivo delle tempeste. Inoltre, una corrente di aria calda proveniente dal Marocco e dal Portogallo aumenta ulteriormente la temperatura. La combinazione di questi due fenomeni caratterizza l'estate del 2022 come canicola ed estremamente secca

Il caldo esaurisce e minaccia le persone più fragili. 

Quali sono i rischi per la salute legati al caldo? 

Esporre una persona a temperature esterne elevate per un periodo di tempo prolungato, senza permettere al corpo di recuperare, può portare a gravi complicazioni

Il caldo elevato è rischioso per l'organismo quando non si è ancora abituato all'ondata di calore, quando il caldo è umido e impedisce al corpo di sudare e quando si aggiunge l'inquinamento atmosferico. 

L'organismo cercherà di adattarsi alla temperatura, attivando meccanismi di regolazione termica come la sudorazione, la respirazione accelerata e la vasodilatazione dei vasi sanguigni per raffreddare il sangue. 

I sintomi del calore elevato includono:

  • Disidratazione, 
  • Stanchezza, 
  • Crampi muscolari, 
  • Mal di testa, 
  • Nausea, 
  • Vertigini, 
  • Debolezza muscolare, 
  • Peggioramento dei sintomi della sua condizione.

editor_meta_bo_img_7439fd20f6b04c9d6e4f2526b4dfd5d6.png

Fonte: Repubblica e Cantone Ticino

I segni di disidratazione includono vomito, diarrea, sudorazione eccessiva, vertigini, secchezza della bocca e del naso e riduzione della produzione di urina negli adulti. 

Esiste anche un rischio di iponatremia. Si tratta di una diminuzione della concentrazione di sale nel sangue e può talvolta essere il risultato di un eccesso di assunzione di acqua rispetto al sodio o di un eccesso di perdita di sale rispetto all'eliminazione di acqua. Questo vale soprattutto per gli anziani, poiché la sudorazione è spesso compromessa o assente a partire da una certa età, ma anche per le persone affette da malattie croniche. 

In caso di canicola, il rischio più grave è il colpo di calore, che può portare alla morte. In questo caso il meccanismo di termoregolazione dell'organismo può diventare insufficiente e la temperatura aumenta pericolosamente. Questo fenomeno si chiama ipertermia

In caso di colpo di calore, è necessario chiamare : 

  • Chiamata 18, i vigili del fuoco 
  • Oppure il 112, il numero unico di emergenza europeo. 

editor_meta_bo_img_fe7c74a5eef60c6194bd2a4b7e4ad479.png

Fonte: Repubblica e Cantone Ticino

Chi è a rischio quando fa caldo? 

Le persone a rischio sono : 

  • Le persone con più di 65 anni, il calore è molto meno evidente, la sensazione di sete si riduce e si suda meno, 
  • I bambini di età inferiore ai 4 anni perdono più acqua degli adulti, con il rischio di disidratazione, 
  • Donne incinte, l'idratazione è essenziale durante la gravidanza, 
  • Persone affette da malattie croniche (Parkinson, malattie cardiovascolari, asma, obesità, disturbi mentali) e disabili
  • Persone che assumono farmaci come aspirina, diuretici (Aldactone®, Modamide®), neurolettici (risperidone, olanzapina) e antimigranti (Emgality®, Amjovy®). 

Anche altre persone sono considerate a rischio

a causa delle loro condizioni di vita, vivono in aree altamente urbanizzate e/o in abitazioni poco isolate, e anche a causa delle loro attività, lavoratori all'aperto e sportivi. 

Anche le persone in situazioni precarie, senza fissa dimora o in isolamento sono esposte a complicazioni legate al caldo elevato.

Quali sono i consigli in caso di canicola? 

Semplici gesti possono prevenire incidenti gravi, come la disidratazione o il colpo di calore. 

In caso di canicola, il governo raccomanda di bere acqua e di rimanere al fresco, di evitare il consumo di alcolici, di mangiare a sufficienza, di chiudere persiane e finestre durante il giorno, di arieggiare di notte, di bagnare il corpo con una doccia calda ma non fredda, di dare e ricevere notizie dei propri cari. 

È consigliabile anticipare i primi segni di sofferenza fisica, anche se sembrano insignificanti. Quindi, prima dell'estate e dei picchi di calore, è necessario prepararsi, il governo ha emanato alcune raccomandazioni: 

Prima dell'ondata di calore 

  • Se siete una persona a rischio, fatevi notare dai servizi comunali in modo che i volontari possano fornirvi assistenza se necessario. 
  • Se conoscete persone a rischio, iscrivetele in un elenco presso il municipio, 
  • Individuare luoghi con aria condizionata per rinfrescarsi, 
  • Preparate un "kit" contro il caldo (nebulizzatore, ventilatore, termometro), 
  • Saper riconoscere i segni del colpo di calore. 

Durante l'ondata di calore 

  • Proteggersi dal sole 
  • Rimanere idratati con l'acqua, evitare le bevande zuccherate e l'alcol, 
  • Indossare abiti leggeri, larghi e luminosi, 
  • Utilizzare ventilatori e nebulizzatori. L'uso simultaneo è più efficace, 
  • Fare regolarmente docce calde, 
  • Trascorrere alcune ore al giorno in un luogo fresco, 
  • Riposare nelle ore più calde, 
  • Mangiare a sufficienza e in modo sano (frutta e verdura ricche di acqua), 
  • Limitare lo sforzo fisico, 
  • Non isolarsi, parlare con la famiglia e con i vicini, 
  • Proteggere la casa dal caldo, 
  • Agite rapidamente in caso di segnali di colpo di calore 

editor_meta_bo_img_2c7091f943799e3a2e3eb39c609d5578.png

editor_meta_bo_img_8de1cf86985da2aceb1bc1eef5813d62.png

 

Vi è piaciuto questo articolo?  

Cliccate su "mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto! 

Forza a tutte e tutti!

1
avatar Claudia Lima

Autore: Claudia Lima, Redattrice di Salute

Claudia Lima è una creatrice di contenuti presso Carenity, specializzata nella redazione di articoli sulla salute.

Claudia ha un MBA in Direzione Commerciale e Marketing e sta continuando a svilupparsi nel... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Covid-19 e influenza, quali sono le differenze?

Covid-19 e influenza, quali sono le differenze?

Leggi l’articolo
Il distanziamento sociale: come funziona?

Il distanziamento sociale: come funziona?

Leggi l’articolo
Coronavirus e malattie croniche

Coronavirus e malattie croniche

Leggi l’articolo
Coronavirus: cosa c'è da sapere?

Coronavirus: cosa c'è da sapere?

Leggi l’articolo

Discussioni più commentate