«
»

Top

Coronavirus e ipertensione arteriosa

31 mar 2020 • 5 commenti

L'ipertensione colpisce 16 milioni di italiani. Questa patologia silenziosa ma non meno pericolosa è stata evocata come fattore di rischio di complicazioni a seguito di un'infezione da coronavirus SARS-CoV-2.

Cosa significa questo in pratica? Perché il rischio è più elevato rispetto alla popolazione in generale? Quali precauzioni devono essere prese? Vi diciamo tutto!

Coronavirus e ipertensione arteriosa

Tutti i tipi di ipertensione arteriosa sono interessati da questo rischio?

No, il rischio di sviluppare gravi complicazioni a seguito di un'infezione da coronavirus non si applica a tutti i tipi di ipertensione arteriosa.

Si tratta solo di ipertensione arteriosa complicata. Cosa si intende per "complicata"? Ipertensione arteriosa che ha causato un Ictus (Accidente cerebrovascolare), Infarto del Miocardio (IM) o Insufficienza Cardiaca (IC). In questi casi, il rischio non è dovuto alla pressione alta in sé, ma al danno al cuore o al cervello causato da questi eventi. Poiché questi organi sono già indeboliti, sono meno resistenti a un'infezione come il COVID-19.

L'ipertensione arteriosa "semplice", cioè che non ha causato un ictus, IM o IC, e stabilizzata da un trattamento antipertensivo, non presenta un rischio di complicazioni più elevato rispetto alla popolazione generale.

Il rischio di complicazioni da coronavirus è aumentato se presento più fattori di rischi cardiovascolari?

Secondo il professore Gérard Helft, cardiologo presso l'ospedale Pitié-Salpêtrière di Parigi, non è stato dimostrato che il rischio di complicazioni aumenti con il numero di fattori di rischio cardiovascolare. Finché l'ipertensione e i fattori di rischio cardiovascolare non hanno portato ad eventi come quelli sopra menzionati, il rischio è lo stesso della popolazione generale.
È importante notare che altri fattori come l'età (> 70 anni) possono aumentare il rischio di complicazioni.

Il mio trattamento antipertensivo deve essere cambiato per la prevenzione? E se ho un'infezione da coronavirus?

La raccomandazione principale è di non modificare o interrompere il trattamento antipertensivo senza il parere del medico, sia per la prevenzione che in caso di infezione da coronavirus.

In generale, non si raccomanda di interrompere o modificare il trattamento antipertensivo. Se avete domande sul vostro trattamento, chiamate il vostro medico o cardiologo! Se avete bisogno di vederlo in consultazione, optate per il teleconsulto, se possibile.

I trattamenti antipertensivi non riducono l'immunità. Secondo il Prof. Gérard Helft, sono attualmente in corso studi su un possibile legame tra gli inibitori del sistema renina-angiotensina-aldosterone (come Cozaar, Kenzen, Lopril o Renitec) e un peggioramento dell'infezione da COVID-19, ma finora nessun risultato scientifico è stato in grado di confermare questa correlazione. Pertanto, le raccomandazioni sono di non modificare o interrompere questi trattamenti se li prendete.

Prendo l'aspirina a lungo termine, cosa posso fare?

Dopo un infarto del miocardio o un ictus, l'aspirina è indicata come antiaggregante piastrinico (diluisce il sangue) per ridurre il rischio di recidiva. Questo si ottiene con basse dosi di aspirina, che sono molto più basse delle dosi antinfiammatorie.

È quindi importante non interrompere il trattamento con l'aspirina, in quanto non presenta alcun pericolo per quanto riguarda il coronavirus. D'altra parte, fermando l'aspirina si è ad alto rischio di recidiva di infarto o ictus.

L'ansia e lo stress possono peggiorare la mia ipertensione arteriosa? O rendermi ipertensivo quando non lo sono?

L'informazione continua, la quarantena, la perdita di attività e/o di reddito... sono una fonte importante di stress e di ansia. Questo può innescare picchi di pressione sanguigna sia nei pazienti ipertesi che in quelli sani. Tuttavia, è importante ricordare che i valori isolati dell'ipertensione arteriosa non indicano che l'ipertensione sia peggiorata o che abbia portato ad una diagnosi di ipertensione arteriosa.

Per questo, il medico deve analizzare la media delle vostre misurazioni della pressione sanguigna e solo lui o lei può fare la diagnosi iniziale e quella successiva. È quindi importante non farsi prendere dal panico per un valore più alto del solito, ciò che conta è la media dei vostri valori!

Non esitate a contattare il vostro medico o cardiologo se avete domande sui vostri valori della pressione sanguigna.

Il confinamento e la situazione attuale stanno aumentando il mio livello di stress, come posso abbassarlo?

Anche se lo stress e l'ansia non scatenano spontaneamente l'ipertensione arteriosa, se non sono controllati, non sono benefici per la salute in generale.

La prima cosa da fare è trovare le informazioni giuste per rassicurarvi, soprattutto dal vostro medico. Carenity vi offre anche molti articoli basati su raccomandazioni ufficiali e siti da consultare per illuminarvi!

È importante mantenere l'attività fisica durante la quarantena, che regolerà il vostro stress in modo positivo, oltre a mantenere i muscoli, le articolazioni e il metabolismo. Quindi assicuratevi di fare mezz'ora di attività fisica al giorno, anche se moderata!

Potete anche provare la meditazione o lo yoga, che aiuta a regolare la respirazione e a concentrarsi sul positivo per ridurre il livello di ansia.

Continuate a rilassarvi durante la settimana, da soli, in coppia o con la famiglia, facendo qualcosa che vi piace (leggere, cucinare, guardare un buon film, fare giardinaggio...).

Non esitate a partecipare alla nostra discussione "Cosa fare per tenersi occupati durante il confinamento"

Se ho il Covid-19, posso prendere l'idrossiclorochina se ho disturbi del ritmo oltre all'ipertensione?

Dal gennaio 2020, l'idrossiclorochina è disponibile solo su prescrizione medica. Questa molecola può essere prescritta in alcuni casi gravi di COVID-19 in diversi paesi, tra cui la Francia.

Non vi è alcuna controindicazione formale all'assunzione di idrossiclorochina in caso di aritmia, tuttavia, questa molecola non è raccomandata dai cardiologi a seguito di diversi casi di aritmie rare ma gravi osservate.

La prescrizione di idrossiclorochina è associata ad un aumento del rischio, osservato in diversi grandi studi, di gravi disturbi del ritmo cardiaco e della conduzione. Questi disturbi si verificano più spesso come risultato di interazioni farmacologiche e/o fattori di rischio come l'ipokaliemia.

I farmaci controindicati sono:

  • citalopram, escitalopram (Seropram®, Seroplex®...)
  • idrossizina (Atarax®...)
  • domperidone (Motilium®...)

I farmaci che non sono raccomandati e che dovrebbero essere combinati solo nelle condizioni di monitoraggio precedentemente menzionate sono:

  • farmaci antiaritmici di classe IA e III,
  • antidepressivi triciclici
  • alcuni neurolettici
  • alcuni anti-infettivi: macrolidi tra cui azitromicina (Zithromax®...), fluorochinoloni,...
  • metadone

Posso rinnovare la mia prescrizione superata direttamente presso il mio farmacista?

Sì, un decreto autorizza i farmacisti a dispensare i trattamenti in caso di prescrizione superata per una malattia cronica.

Piccolo promemoria di raccomandazioni!

  • Non cambiate o interrompete il vostro trattamento antipertensivo senza il consiglio del vostro medico o cardiologo!
  • Applicate correttamente i gesti barriera
  • Consultate regolarmente le raccomandazioni del governo
  • Evitate di muovervi se avete sintomi come tosse o febbre.
  • Chiamate il 112/118 se i sintomi peggiorano (grave disagio respiratorio).
  • State sempre attenti ai segni dell'infarto del miocardio (dolore/pressione toracica molto intenso, della durata di almeno 20 minuti, che può irradiarsi alla gola, alle mascelle, alle spalle, alle braccia, a volte ai polsi) e all'ictus, chiamate il 112/118 in caso di sintomi!

Questo articolo vi è stato utile? Avete altri suggerimenti da condividere con la comunità? 

Forza a tutte e tutti e restate a casa!

avatar Camille Dauvergne

Autore: Camille Dauvergne, Junior Community Manager Francia

Camille Dauvergne è attualmente Community Manager Junior in Carenity. Assiste il Community Manager Francia nell'animazione della piattaforma, facilitando la navigazione dei membri e promuovendo le loro... >> Per saperne di più

Commenti

valegaso
il 01/04/20

Grazie per le giuste informazioni. Anche se in questo periodo l'ansia e gli attacchi di panico la fanno da padroni

LalloRomina
il 01/04/20

Grazie x l informazione 

Macoba
il 01/04/20

Grazie

antoniobolis
il 03/04/20

grazie per le informazioni molto dettagliate..

ctumino
il 08/04/20

Grazie

Ti piacerà anche

La solitudine provoca (anche) malattie cardiovascolari

Ipertensione arteriosa

La solitudine provoca (anche) malattie cardiovascolari

Leggi l’articolo
Val Della Torre: grande partecipazione per la giornata dedicata alla prevenzione delle malattie cardiovascolari

Ipertensione arteriosa

Val Della Torre: grande partecipazione per la giornata dedicata alla prevenzione delle malattie cardiovascolari

Leggi l’articolo
La pericolosità dei grassi idrogenati: aumento dei casi di malattie cardiovascolari

Ipertensione arteriosa

La pericolosità dei grassi idrogenati: aumento dei casi di malattie cardiovascolari

Leggi l’articolo
Giornata Mondiale dell’Ipertensione Arteriosa

Ipertensione arteriosa

Giornata Mondiale dell’Ipertensione Arteriosa

Leggi l’articolo