«
»

Top

DT1 e disturbi del comportamento alimentare: come individuarli e trattarli?

Pubblicata il 16 dic 2021 • Da Claudia Lima

Il diabete di tipo 1 è una malattia che viene trattata con iniezioni regolari di insulina e un controllo rigoroso della propria dieta. Questo può portare a disturbi alimentari in persone suscettibili e fragili. 

Cosa sono? Come si innescano? Come si possono prevenire? 

Se volete delle risposte, leggete il nostro articolo!

DT1 e disturbi del comportamento alimentare: come individuarli e trattarli?

Esiste un legame tra il diabete di tipo 1 e i disturbi alimentari, nonostante l'importanza di una dieta equilibrata nella gestione di questa malattia. 

Il diabete è una malattia autoimmune e cronica, è la disfunzione dei meccanismi di regolazione dello zucchero nel sangue. Il diabete di tipo 1 (DT1), noto come diabete insulino-dipendente, deriva dalla distruzione delle cellule del pancreas che generano insulina, si parla di carenza totale. Il trattamento di questa malattia si basa sull'iniezione di insulina, che abbassa il livello di zucchero nel sangue

I pazienti con diabete di tipo 1 sono considerati ad alto rischio di sviluppare un disturbo del comportamento alimentare

I disturbi del comportamento alimentare (TCA) o disturbi alimentari sono disturbi complessi, caratterizzati principalmente da abitudini alimentari anormali, intensa paura dell'aumento di peso e preoccupazione per l'immagine corporea. I diversi tipi di TCA sono l'anoressia, la bulimia e l'iperfagia bulimica (un disturbo caratterizzato da episodi ricorrenti di abbuffate non associati a comportamenti compensatori come il vomito o l'uso di lassativi). 

I disturbi alimentari sono patologie frequenti in Italia. Secondo l'assicurazione sanitaria, l'anoressia nervosa colpisce l'1,2% delle donne e lo 0,25% degli uomini. La bulimia nervosa colpisce soprattutto le donne (75%). Infine, l'iperfagia bulimica colpisce sia gli uomini che le donne (dal 3 al 5% della popolazione). 

Perché il diabete di tipo 1 e i disturbi alimentari sono collegati? 

Le persone con diabete hanno più probabilità della popolazione generale di mostrare disturbi alimentari. Nel DT1, la mancanza di insulina ha una grande influenza sulla perdita di peso, che può portare a una scarsa aderenza al trattamento. Alcune persone limitano il loro trattamento per perdere peso, rischiando gravi complicazioni come la cecità o l'amputazione. Questo problema è particolarmente importante durante l'adolescenza. 

L'origine di questo comportamento è spesso legata al fatto che l'iniezione di insulina per trattare i diabetici insulino-dipendenti permetterà allo zucchero di entrare nelle cellule del corpo per i loro bisogni energetici e lo zucchero in eccesso sarà immagazzinato come grasso. Il rischio principale è che, senza insulina, lo zucchero in eccesso rimane nel sangue e danneggia i piccoli vasi del corpo come quelli degli occhi, dei reni e delle estremità.  

Questi comportamenti patologici mirano a controllare il peso facendosi vomitare, usando lassativi, diuretici, seguendo diete molto restrittive, periodi di digiuno... 

La prevalenza di anoressia nervosa nei pazienti DT1 è paragonabile a quella della popolazione generale. D'altra parte, la prevalenza della bulimia sembra essere più alta. Questo è noto come "diabulimia". 

Che cos'è la "diaboulimia"? 

Questo termine non medico copre due malattie: il diabete di tipo 1 e un disturbo del comportamento alimentare. Due malattie pericolose già individualmente. I media descrivono questo disturbo come il disturbo alimentare più pericoloso del mondo a causa delle conseguenze disastrose che ha sul corpo. 

Secondo uno studio dell'associazione Diabetes Care, i più colpiti sono i giovani con DT1, di età compresa tra 15 e 30 anni, principalmente femminile, perfezionisti, con bassa autostima e che vivono in un ambiente familiare complesso. 

I pazienti affetti da diaboulimia sfruttano l'azione metabolica dell'insulina per mantenere un peso estremamente basso. In genere, la persona che soffre di diabulimia limiterà le dosi di insulina a rischio di provocare coma iperglicemico, per rimanere magra ed evitare che l'insulina contribuisca al suo aumento di peso. Combinerà questo rifiuto dell'insulina con le abbuffate

Le complicazioni della diabulimia includono l'aumento del rischio di danni ai reni, l'aumento del rischio di cecità o retinopatia diabetica, la compromissione della circolazione sanguigna periferica (piede diabetico), la ritardata o mancata comparsa delle mestruazioni, l'arresto della crescita, la perdita dei capelli, i problemi della pelle e la chetoacidosi tra gli altri. Inoltre, il tasso di suicidio è alto tra questa popolazione. 

Oggi, la diabulimia non è ancora riconosciuta come TCA, anche se si stima che il 6-7% dei DT1 ne soffra. Pertanto, non c'è ancora un trattamento.

Quali sono i fattori di rischio per sviluppare un disturbo alimentare con il DT1? 

Alcuni aspetti del diabete possono contribuire all'insorgenza o al mantenimento di una di queste condizioni. 

Per esempio, la dieta per il trattamento del diabete può essere un fattore scatenante, la gestione della malattia richiede di quantificare l'assunzione di carboidrati e di avere un maggiore controllo sulla propria dieta, se la persona è psicologicamente vulnerabile può essere predisposta a sviluppare un TCA. 

Si è anche scoperto che la maggior parte delle persone con una nuova diagnosi di diabete di tipo 1 aumenta di peso all'inizio del trattamento. Inoltre, l'insulina è un ormone che può promuovere l'accumulo di grasso in una persona sedentaria e, al contrario, promuovere lo sviluppo della massa muscolare in una persona fisicamente attiva, che può aumentare il peso sulla bilancia. 

Anche l'impatto psicologico di questa malattia cronica deve essere preso in considerazione. 

Quali sono i segni a cui prestare attenzione? 

Dato il rischio di morte nei pazienti diabetici con disturbi alimentari, è essenziale identificare i segni presto

Per esempio, una paziente DT1 con uno squilibrio glicemico inspiegabile dovrebbe essere indagata per un TCA. 

Inoltre, una significativa perdita di peso è il primo segnale di avvertimento che un diabetico di tipo 1 può avere un TCA. Altri segni a cui prestare attenzione sono:

  • Mangiare poco o con poche calorie,
  • Mangiare di nascosto,
  • Saltare i pasti,
  • Usare lassativi,
  • Farsi vomitare,
  • Attività fisica eccessiva,
  • Avere infezioni ripetute,
  • Cancellare gli appuntamenti medici,
  • Essere eccessivamente preoccupati per il peso o l'immagine del corpo,
  • Mostrare segni di depressione, disturbo dell'umore, grave affaticamento,
  • Trattenere le dosi di insulina,
  • Indossare abiti larghi o a strati,
  • Avere un'emoglobina glicata superiore al normale per un lungo periodo di tempo, 

L'individuazione e la diagnosi di un disturbo alimentare è difficile perché spesso il disturbo viene negato o nascosto. Tuttavia, in caso di sospetto di TCA, il questionario di screening SCOFF-F è disponibile, che consiste in cinque domande che non sono specifici per DT1 e due domande specifiche per esplorare l'uso di insulina. Una risposta positiva ad almeno due domande è indicativa della presenza di un TCA. 

La gestione del TCA nei pazienti con DT1 è complicata e richiede un approccio multidisciplinare che affronta gli aspetti nutrizionali, psicologici e ambientali, così come le questioni direttamente legate al DT1 e al suo trattamento. 

Vi è piaciuto questo articolo?  

Cliccate su "mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto! 

Forza a tutte e tutti!


1

Commenti

Ti piacerà anche

Diabete: Discriminazione, vita professionale, dispositivi...cosa vogliono veramente i pazienti?

Diabete tipo 1

Diabete: Discriminazione, vita professionale, dispositivi...cosa vogliono veramente i pazienti?

Leggi l’articolo
Diabete di tipo 1 svolta innovativa al San Matteo

Diabete tipo 1

Diabete di tipo 1 svolta innovativa al San Matteo

Leggi l’articolo
Diabete di tipo 1: la terapia genica potrebbe essere il futuro?

Diabete tipo 1

Diabete di tipo 1: la terapia genica potrebbe essere il futuro?

Leggi l’articolo
Diabete: sapere leggere le sue analisi del sangue

Diabete tipo 1

Diabete: sapere leggere le sue analisi del sangue

Leggi l’articolo

Discussioni più commentate

Scheda malattia