«
»

Top

I malati cronici sono lasciati da parte con la pandemia di Covid-19?

Pubblicata il 23 dic 2020 • Da Gilda Teissier

Fin dall'inizio della pandemia, Carenity conduce un'indagine sui suoi membri per scoprire l'impatto del Covid-19 nella loro vita quotidiana. Quando le autorità pubbliche e gli operatori sanitari si concentrano sui pazienti affetti da Covid-19, Carenity ha cercato di capire, attraverso due indagini, l'impatto della crisi sanitaria sui pazienti cronici e sulle loro famiglie.

Come i pazienti con malattie croniche stanno affrontando l'attuale pandemia?

Scoprite le loro risposte nel nostro articolo!

I malati cronici sono lasciati da parte con la pandemia di Covid-19?

Il Covid-19 è una sindrome respiratoria acuta che, dalla sua comparsa in Cina nel dicembre 2019, ha allarmato la popolazione mondiale e ha spinto ogni Paese a prendere misure estreme per mantenere la popolazione al sicuro. Al fine di contenere la malattia, dal marzo 2020 in molti Paesi sono state attuate pratiche di confinamento/lockdown e di distanziamento sociale che hanno portato a cambiamenti nelle abitudini di vita quotidiana, a una riduzione dell'attività fisica, all'interruzione delle forniture mediche e dei consulti, ecc.

Per capire meglio come i pazienti cronici stanno affrontando questa pandemia, Carenity ha condotto uno studio in due parti, la prima dal 19 marzo al 19 aprile 2020, con un totale di 7.458 intervistati e la seconda dal 3 giugno al 21 settembre 2020, con 3.876 intervistati.

L'obiettivo di questi sondaggi era di comprendere le fonti di informazione preferite dai pazienti sul Covid-19 e le loro specifiche esigenze di consulenza e sostegno. Carenity era anche interessata a monitorare i cambiamenti nell'accesso alle cure e ai trattamenti, così come l'impatto a lungo termine di questa pandemia sui pazienti cronici.

La maggior parte dei partecipanti ad entrambi i sondaggi è affetta da queste 5 malattie:

Asma | Sclerosi Multipla | Diabete di tipo 2 | BPCO | Ipertensione

editor_meta_bo_img_e6847f8f191c718478f5127237784ace.png Solo il 3% degli intervistati è stato testato al Covid-19

Per quanto riguarda l'accesso alle visite mediche e alle cure, i pazienti hanno risposto:

editor_meta_bo_img_cd949654347c875e721e0a62f70550ee.png Il 49% ha visto un impatto sulla frequenza dei consulti con il proprio medico dall'inizio della pandemia

editor_meta_bo_img_75ceb78b4b27a255cbdb713f52cf9c28.pngIl 25% ha risposto che era più difficile trovare un medico disponibile

editor_meta_bo_img_a1baa04d1daf601ff61de2b21d672ec2.pngIl 46% degli intervistati ha visto la cancellazione o il rinvio delle operazioni o dei consulti medici

editor_meta_bo_img_b9b115549329d56e6b442d595da47cb8.png 1 paziente su 10 ha ammesso che era più difficile trovare il proprio trattamento in farmacia

Il 18% dei pazienti in terapia a lungo termine ha cambiato la frequenza del trattamento durante il periodo della prima indagine, ma durante la seconda indagine, il 21% ha cambiato il trattamento. Allo stesso modo, durante la prima ondata del sondaggio, il 10% degli intervistati ha interrotto parzialmente o totalmente i trattamenti, mentre durante la seconda ondata, il 40% ha interrotto i trattamenti, temporaneamente o meno.

"Il mio medico mi ha detto di interrompere il mio trattamento perché potrebbe rendermi più vulnerabile al Covid-19", ha detto un intervistato.

Sebbene l'accesso agli operatori sanitari sia migliorato durante le due ondate dell'indagine, per alcuni pazienti è ancora complicato accedere ai consulti medici, anche se la maggior parte ha provato il teleconsulto.

editor_meta_bo_img_fe7db86564576dc7481c2017a0f681b3.pngQuasi il 25% dei pazienti con malattie croniche ha utilizzato il teleconsulto e l'83% è rimasto soddisfatto

editor_meta_bo_img_c2f6880177e5fdf3d69544aa307afe95.pngIl 63% degli intervistati che ha provato il teleconsulto è pronto ad usarlo di nuovo

Per quanto riguarda l'accesso alle informazioni e il rispetto delle raccomandazioni delle autorità sanitarie e del governo, i pazienti hanno risposto che l'accesso alle mascherine e al gel idroalcolico è migliorato durante la seconda ondata del sondaggio.

La cosa più importante per i pazienti con malattie croniche in quel momento era ricevere informazioni sui rischi associati alla loro specifica malattia e sulle misure da prendere in termini di trattamento e prevenzione. Queste esigenze sono state espresse in modo simile tra i pazienti che hanno avuto accesso alle informazioni e quelli che non hanno ricevuto alcuna informazione.

editor_meta_bo_img_06a60d375a8a026b25afd9767e2ff137.png Il 42% degli intervistati è soddisfatto delle informazioni specifiche ricevute durante la pandemia di Covid19

editor_meta_bo_img_43d93ebacb32d76a747be50ec122554a.png Il 40% non ha avuto accesso a queste informazioni specifiche

Allo stesso tempo, si è constatato che c'era un enorme divario tra la fiducia degli intervistati nelle fonti di informazione e il modo in cui le utilizzano.

editor_meta_bo_img_47ca82d2198ad3e5e2d5d81c9a854d00.png La televisione, ad esempio, è stata utilizzata dal 64% degli intervistati, ma solo il 24% si è fidato di queste informazioni.

Il Covid-19 non solo ha causato problemi di accesso alle cure o di cambiamento delle abitudini, ma ha anche avuto un enorme impatto psicologico. Questi studi hanno analizzato anche queste conseguenze.

Si è scoperto che la pandemia ha avuto un forte impatto sullo stress dei pazienti e sull'isolamento sociale e che questo impatto è peggiorato nel tempo. Gli intervistati hanno valutato il loro stress ad una media di 6,5 su 10 e il loro isolamento ad una media di 5,9 su 10 dall'inizio dell'epidemia.

editor_meta_bo_img_81edc1adbc949b692fd3574eb87986bf.png Il 59% dei pazienti si sente in pericolo a causa della propria malattia cronica.

editor_meta_bo_img_1c751e4ce18ca0b87046bbb2925ca35a.png Il 32% è preoccupato per i propri cari, ciò che influisce ulteriormente sul loro livello di stress.

Tuttavia, in termini di attività sociali, il 54% dei pazienti ha riferito di essere tornato in luoghi pubblici e il 75% ha ripreso i contatti con familiari e amici. Questo può aiutare a ridurre l'impatto psicologico del lockdown a lungo termine.

I risultati di queste indagini riflettono la vostra storia?
Condividete le vostre opinioni nei commenti qui di seguito!

Forza a tutte e tutti!


Fonti:


avatar Gilda Teissier

Autore: Gilda Teissier, Responsabile dei contenuti e dei partenariati

Gilda Teissier è responsabile dei contenuti e dei partenariati presso Carenity. La sua missione è duplice.

Da un lato, è responsabile della definizione e dell'implementazione della strategia dei contenuti per... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Covid-19 e influenza, quali sono le differenze?

Covid-19 e influenza, quali sono le differenze?

Leggi l’articolo
Il distanziamento sociale: come funziona?

Il distanziamento sociale: come funziona?

Leggi l’articolo
Coronavirus e malattie croniche

Coronavirus e malattie croniche

Leggi l’articolo
Coronavirus: cosa c'è da sapere?

Coronavirus: cosa c'è da sapere?

Leggi l’articolo