«
»

Top

NAFLD: sapere tutto sulla malattia del fegato grasso!

Pubblicata il 10 giu 2022 • Da Candice Salomé

La steatoepatite non alcolica è una patologia cronica che colpisce circa un quarto degli italiani tra i 18 e i 65 anni.

È definita come la manifestazione epatica di una disfunzione metabolica e rappresenta la forma più grave della malattia del fegato grasso, nota anche come steatosi epatica non alcolica (NAFLD). 

Che cos'è la steatosi epatica non alcolica (NAFLD)? Che cos'è la steatoepatite non alcolica (NASH)? Quali sono le cause e i sintomi? Come si passa dalla NAFLD alla NASH? E quali sono le complicazioni? 

Vi raccontiamo tutto nel nostro articolo!

NAFLD: sapere tutto sulla malattia del fegato grasso!

Che cos'è la steatosi epatica non alcolica (NAFLD) e qual è il suo decorso? 

La NAFLD ("“non alcoholic fatty liver disease") o malattia del fegato grasso è caratterizzata da un accumulo anomalo di grasso intraepatico in assenza di un consumo eccessivo di alcol. 

La steatosi epatica non alcolica (NAFLD) colpisce il 25% della popolazione mondiale ed è diventata la principale causa di malattia epatica cronica. 

La NAFLD copre un ampio spettro di lesioni epatiche in cui si possono distinguere due entità principali: 

  • Steatosi isolata o accompagnata da una minima infiammazione lobulare (NAFL per "non alcoholic fatty liver"). La NAFL presenta quindi pochi o nessun danno al fegato. Di solito non progredisce fino a causare complicazioni epatiche, ma può causare dolore a causa dell'ingrossamento del fegato. 
  • E steatoepatite non alcolica (NASH per "non alcoholic steatohepatitis"). È definita dalla presenza di steatosi con infiammazione lobulare e palloncino degli epatociti (cellule che svolgono le principali funzioni metaboliche del fegato). La NASH corrisponde alla forma aggressiva della malattia, favorendo l'accumulo di fibrosi nel parenchima epatico con evoluzione verso la cirrosi e le sue complicanze

editor_meta_bo_img_f0d49e04d190fb163101d2175255f144.png

La steatosi (NAFL) si verifica in individui che consumano cronicamente calorie in eccesso con uno stile di vita sedentario, senza un consumo significativo di alcol

Le calorie in eccesso vengono quindi immagazzinate nelle cellule epatiche sotto forma di grasso, con il risultato di un fegato che contiene più del 5% di grasso e ha un aspetto giallo pallido. 

La NASH si verifica quando l'accumulo di grasso nel fegato è eccessivo. Questo porta a un'infiammazione cronica e a un danno cellulare (chiamato ballooning). In questa fase della malattia, i pazienti hanno un rischio maggiore di morte per malattie cardiovascolari. 

Il gonfiore cronico e continuo e la degradazione cellulare portano all'accumulo di tessuto cicatriziale non funzionale (chiamato fibrosi). Questo porta alla perdita della funzionalità epatica. Questo stadio è chiamato cirrosi o stadio 4 della fibrosi

Quando i pazienti raggiungono lo stadio di cirrosi legato alla NASH, hanno un rischio maggiore di malattia epatica allo stadio terminale. Questi includono: perdita della funzionalità epatica (scompenso), insufficienza epatica e cancro al fegato. Questi pazienti hanno anche un rischio maggiore di morte per malattie cardiovascolari e cancro (tutti i tumori insieme). 

Quali sono i sintomi della NAFLD? 

La maggior parte dei pazienti è asintomatica. Tuttavia, alcuni pazienti accusano una forte stanchezza, malessere o disagio nell'ipocondrio destro dell'addome

L'epatomegalia (ingrossamento del fegato) si osserva in circa il 75% dei pazienti. 

Inoltre, se è presente una fibrosi epatica avanzata, si può sviluppare una splenomegalia (ingrossamento anomalo della milza). Questo è spesso il primo segno di ipertensione portale. Si tratta dell'aumento della pressione sanguigna nella vena porta. È dovuta principalmente all'ostruzione del fegato causata dalla cirrosi, che impedisce il passaggio del sangue attraverso di esso. 

Inoltre, i pazienti con cirrosi dovuta a NASH possono anche essere asintomatici. Potrebbero non mostrare i soliti segni di cirrosi legati al consumo eccessivo di alcol.

Come viene diagnosticata la steatosi epatica non alcolica? 

La diagnosi di NASH deve essere sospettata nei pazienti con sindrome metabolica, come obesità, diabete di tipo 2, ipertensione o dislipidemia (elevati livelli di lipidi), nonché nei pazienti con anomalie di laboratorio inspiegabili suggestive di epatopatia (un termine generico per indicare una malattia del fegato senza specificare il tipo di danno o pregiudicarne l'origine). 

Può essere difficile distinguere la steatosi semplice dalla NASH. Gli enzimi epatici elevati non sono un predittore sensibile di NASH. 

Inoltre, una sindrome metabolica associata a ferritina elevata aumenta la probabilità che un paziente abbia la NASH piuttosto che una semplice steatosi. 

Per formulare una diagnosi chiara, è necessaria una forte evidenza che il consumo di alcol non sia eccessivo. Questo può avvenire, ad esempio, attraverso un'anamnesi confermata da amici e parenti. 

Gli esami sierologici devono dimostrare l'assenza di infezione da virus dell'epatite B e C

Esistono diversi esami aggiuntivi che possono essere utilizzati per confermare la diagnosi di steatosi epatica non alcolica: 

  • Ecografia addominale: mostra la struttura del fegato ed esamina l'eventuale presenza di fibrosi, 
  • Biopsia epatica: è l'unico esame che può certificare la diagnosi di NASH e valutarne la gravità. Viene eseguita solo quando è indispensabile, poiché è una procedura che può portare a complicazioni come dolore, emorragia o infezione. I campioni prelevati vengono sottoposti ad analisi anatomopatologica (analisi al microscopio delle cellule o dei tessuti prelevati da un organo). 

 Le raccomandazioni dell'European Association for the Study of the liver (EASL) suggeriscono un monitoraggio rigoroso mediante test non invasivi: 

  • Ogni 2-3 anni per i pazienti con NAFL senza fattori di rischio per la progressione, 
  • Ogni anno per i pazienti con NASH e/o fibrosi. 
  • Ogni 6 mesi per i pazienti con cirrosi legata alla NASH. 

La ricerca di nuovi farmaci è attualmente molto attiva nel campo delle malattie del fegato grasso. Questo è vero soprattutto perché la popolazione sedentaria aumenta il numero di casi. 


Vi è piaciuto questo articolo?  

Cliccate su "mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto! 

Forza a tutte e tutti!


avatar Candice Salomé

Autore: Candice Salomé, Redattrice di Salute

Creatrice di contenuti presso Carenity, Candice è specializzata nella scrittura di articoli sulla salute. Ha un interesse particolare nei campi della psicologia, del benessere e dello sport. 

Candice ha... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

NASH: prima giornata internazionale per la malattia della soda

Malattia epatica grassa non alcolica e NASH

NASH: prima giornata internazionale per la malattia della soda

Leggi l’articolo

Malattia epatica grassa non alcolica e NASH

"Fegato grasso" pericolo per un italiano su quattro

Leggi l’articolo
Ho affrontato molti errori di diagnosi prima di scoprire la mia asma cronica e NASH

Malattia epatica grassa non alcolica e NASH

Ho affrontato molti errori di diagnosi prima di scoprire la mia asma cronica e NASH

Vedi la testimonianza
Come si può invertire il processo della NASH?

Malattia epatica grassa non alcolica e NASH

Come si può invertire il processo della NASH?

Leggi l’articolo

Discussioni più commentate

Scheda malattia