«
»

Top

Qual è il ruolo della dopamina nella malattia di Parkinson?

Pubblicata il 2 nov 2021 • Da Candice Salomé

La malattia di Parkinson è una malattia neurodegenerativa lentamente progressiva con un impatto significativo sulla qualità della vita, l'attività professionale e i legami sociali. 

In Italia, la malattia di Parkinson colpisce circa 400.000 persone. La malattia è più comune negli uomini che nelle donne e 25.000 nuovi casi sono riportati ogni anno. 

Ma quali sono i meccanismi della malattia di Parkinson? Quali sono i sintomi? Qual è il ruolo della dopamina? Come si cura la malattia di Parkinson? 

Vi diciamo tutto nel nostro articolo!

Qual è il ruolo della dopamina nella malattia di Parkinson?

Quali sono i meccanismi della malattia di Parkinson? 

La malattia di Parkinson è una malattia neurodegenerativa che si evolve in modo diverso da un paziente all'altro. 

I sintomi che caratterizzano la malattia di Parkinson sono:

  • Rigidità, 
  • Lentezza di movimento, 
  • Tremori a riposo.

È caratterizzata dalla distruzione dei neuroni dopaminergici (cioè che producono dopamina) coinvolti nel controllo dei movimenti del corpo. Quando il 50-70% dei neuroni della dopamina sono distrutti, appaiono i sintomi motori

Cos'è la dopamina? 

La dopamina è un neurotrasmettitore (una sostanza rilasciata dal cervello) che è essenziale per il controllo dei movimenti del corpo e soprattutto per il controllo dei movimenti "automatici", come le espressioni facciali. La distruzione dei neuroni della dopamina provoca un deficit di dopamina nel cervello, costringendo il paziente a pensare ai movimenti da eseguire, che prima venivano eseguiti automaticamente. 

La dopamina è anche coinvolta nel piacere e nella motivazione. Questo può spiegare l'apatia o il disinteresse sperimentato dal paziente. 

Quali sono i primi segni della malattia di Parkinson?

La malattia di Parkinson è una malattia progressiva. Anche prima che appaiano i primi sintomi della malattia, più della metà dei neuroni della dopamina sono già scomparsi. La diagnosi viene spesso fatta solo quando compaiono i primi sintomi. 

Tuttavia, ci possono essere alcuni segnali di avvertimento. I segni più frequentemente osservati sono comunque discreti. 

Essi sono : 

  • Fatica, 
  • Difficoltà di concentrazione, 
  • Un calo delle prestazioni nello svolgimento dei compiti quotidiani, 
  • A volte la depressione. 

Inoltre, la micrografia, o scrittura rimpicciolita, spesso si verifica prima degli altri segni di avvertimento della malattia di Parkinson (i disturbi motori dovuti alla carenza di dopamina impediscono i movimenti di scrittura). È un sintomo della malattia di Parkinson ma è raramente notato dal paziente o dalla sua famiglia. 

Quali sono i trattamenti per la malattia di Parkinson?

I trattamenti prescritti per la malattia di Parkinson mirano a ripristinare una normale concentrazione di dopamina nel cervello

Così i principali trattamenti somministrati sono: 

  • Un precursore della dopamina, che sarà convertito in dopamina nel cervello, 
  • Agonisti della dopamina (sostanze che agiscono come la dopamina), 
  • Sostanze che bloccano la degradazione della dopamina o del suo precursore nel cervello per mantenerne alte le concentrazioni il più a lungo possibile. 

Il precursore della dopamina: la levodopa 

La levodopa viene convertita in dopamina nel cervello. È il trattamento di riferimento per la malattia di Parkinson e ha il miglior rapporto efficacia/effetto collaterale. Affinché questa molecola abbia il tempo di raggiungere il cervello, è combinata con una sostanza che inibisce la sua degradazione nel sangue (carbidopa). 

Tuttavia, dopo diversi anni di utilizzo, la levodopa tende a causare movimenti involontari, chiamati discinesia. È quindi riservata ai pazienti che hanno la malattia da diversi anni o che non tollerano altri trattamenti, ma anche ai pazienti di oltre 70 anni

Per i pazienti sotto i 70 anni, che sono solo all'inizio della malattia, i medici preferiscono iniziare con agonisti della dopamina. 

Agonisti della dopamina 

Gli agonisti della dopamina sono prescritti nelle seguenti situazioni: 

  • Da solo all'inizio della malattia nei pazienti sotto i 70 anni, 
  • In combinazione con levodopa per diminuire la dose di levodopa, 
  • Quando si verificano fluttuazioni del motore. 

Nel cervello, agiscono come la dopamina e causano meno movimenti involontari della levodopa ma sono spesso responsabili di più effetti collaterali come nausea e vomito, vertigini al risveglio, sonnolenza e insonnia, allucinazioni e deliri. 

Inoltre, in alcuni pazienti, gli agonisti della dopamina, in caso di sovradosaggio, causano sbalzi d'umore, iperattività sessuale o alimentare e talvolta dipendenza dal gioco. 

Si raccomanda quindi che i pazienti che assumono agonisti della dopamina siano seguiti da uno psicologo, soprattutto durante il periodo di adattamento al trattamento.

Inibitori della degradazione della levodopa 

Il ruolo degli inibitori della degradazione della levodopa è quello di mantenere livelli più alti di levodopa nel cervello. 

Ci sono due tipi a seconda dell'enzima che bloccano: 

  • Inibitori COMT, 
  • Inibitori delle MAO-B. 

Sono prescritti in combinazione con la levodopa quando il paziente ha fluttuazioni motorie. Tuttavia, gli inibitori MAO-B possono essere prescritti da soli all'inizio della malattia quando i sintomi non sono ancora molto fastidiosi. 

Gli effetti collaterali delle MAO-B sono principalmente episodi confusivi, mentre quelli degli inibitori COMT sono diarrea e movimenti involontari. 

Avete trovato utile questo articolo?   

Cliccate su "mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto!   

Forza a tutte e tutti! 

1
avatar Candice Salomé

Autore: Candice Salomé, Redattrice di Salute

Creatrice di contenuti presso Carenity, Candice è specializzata nella scrittura di articoli sulla salute. Ha un interesse particolare nei campi della psicologia, del benessere e dello sport. 

Candice ha... >> Per saperne di più

Chi ha riveduto: Antoine Seignez, Farmacista capo progetto in data science

Antoine ha un dottorato in farmacia e un dottorato in scienze della vita, specializzato in immunologia. Ha studiato all'Università di Borgogna. Molti dei suoi lavori sono stati pubblicati in riviste... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

La malattia di Parkinson è una malattia autoimmune? Cosa dice la ricerca attuale?

Malattia di Parkinson

La malattia di Parkinson è una malattia autoimmune? Cosa dice la ricerca attuale?

Leggi l’articolo
Ictus, demenza o Parkinson: 1 donna su 2 e 1 uomo su 3 a rischio

Malattia di Parkinson

Ictus, demenza o Parkinson: 1 donna su 2 e 1 uomo su 3 a rischio

Leggi l’articolo
Sesso, casinò, macchine di lusso: il lato oscuro del trattamento di Parkinson

Malattia di Parkinson

Sesso, casinò, macchine di lusso: il lato oscuro del trattamento di Parkinson

Leggi l’articolo
Alzheimer, Eli Lilly e AstraZeneca interrompono gli studi su lanabecestat, un inibitore di BACE

Malattia di Parkinson

Alzheimer, Eli Lilly e AstraZeneca interrompono gli studi su lanabecestat, un inibitore di BACE

Leggi l’articolo

Discussioni più commentate