«
»

Top

3 consigli per vivere felicemente con la malattia di Castleman!

Pubblicata il 24 ago 2022 • Da Léo Benita

La malattia di Castleman può avere un enorme impatto sul morale. È difficile rimanere positivi durante questa prova e ci si può trovare rapidamente in una situazione di "doppio colpo", in cui il disagio psicologico si aggiunge alla malattia fisica. In questo articolo condividiamo con voi i nostri 3 consigli per vivere felicemente nonostante la malattia di Castleman. 

Leggete subito il nostro articolo!

3 consigli per vivere felicemente con la malattia di Castleman!

Circondarsi bene, mantenere i legami sociali!

Una fonte essenziale di appagamento si trova nell'interazione con gli altri. Infatti, uno studio della Harvard Medical School, che ha seguito 724 uomini per 75 anni, ha rilevato che coloro che mantenevano relazioni di qualità con la famiglia, gli amici o la comunità erano più felici e più sani.  

Ci sono molti modi di socializzare per evitare l'isolamento che è moralmente e fisicamente dannoso

Iscriversi a un club per un'attività creativa (fotografia, disegno, ceramica, ecc.) può offrire l'opportunità di incontrare persone con interessi comuni, godendo di un'attività divertente e stimolante. Il volontariato in un'associazione locale è un modo per creare legami sociali e allo stesso tempo per dare un contributo alla comunità. È dimostrato che aiutare gli altri ha un impatto molto positivo sul morale

Anche riallacciare i rapporti con amici o colleghi persi da tempo per un drink, un pasto, una gita al cinema, ecc. può aiutare a ristabilire amicizie che possono contribuire allo sviluppo personale. 

Infine, esistono soluzioni digitali per creare e mantenere relazioni sociali. Ad esempio, le applicazioni per incontri consentono di conoscere rapidamente nuove persone. Per quanto riguarda Carenity, questo sito permette alle persone affette dalla malattia di Castleman di scambiarsi esperienze, consigli e sostegno su questa prova comune

>> Unisciti a una comunità di pazienti affetti dalla malattia di Castleman << 

Praticare la gratitudine!

È stato dimostrato che il sentimento di gratitudine aumenta la felicità e produce molti benefici fisici. In effetti, un atteggiamento di gratitudine aumenta l'apprezzamento delle cose positive della vita, favorendo l'appagamento e il rilassamento. Una maggiore gratitudine tende anche a migliorare il sonno, a rafforzare il sistema immunitario e a diminuire il rilascio dell'ormone dello stress, il cortisolo

Per praticare la gratitudine, esiste un esercizio semplice ma efficace: ricordare ogni sera, al momento di andare a letto, 3 cose positive accadute durante la giornata per le quali ci si può sentire grati. Può trattarsi di una buona notizia, di un piccolo successo o di un sorriso condiviso... ma anche di cose più fondamentali, come godere dei propri 5 sensi o semplicemente essere vivi. Questo esercizio aiuta ad allenarsi ad apprezzare il positivo anche nei giorni più difficili e a vedere il valore delle cose semplici che troppo spesso vengono date per scontate.  

Un membro di Carenity affetto da una malattia cronica descrive la sua esperienza di gratitudine come "la gioia di alzarsi, sentire gli uccelli cantare o il vento tra gli alberi, godersi un momento di relax...".  

Jean-Pierre, anche lui membro di Carenity, dice che il cancro gli ha permesso di "apprezzare ancora di più la vita quotidiana". Nonostante tutti i vincoli, vede la malattia come "un'esperienza di vita vera" e ritiene che "la vita è anche gestire i momenti belli e brutti". 

Un altro membro ha aggiunto che "a poco a poco, la gratitudine richiede sempre meno sforzo e diventa uno stato mentale di riconoscimento di tutto ciò che di buono c'è nella vita". Si inizia ad apprezzare ciò che si può fare, invece di ciò che non si può fare."

Rivolgere deliberatamente la nostra attenzione alle cose di cui possiamo godere e diventare pienamente consapevoli del loro valore ci aiuta ad adottare un atteggiamento più ottimista che può contribuire alla felicità quotidiana e aiutarci ad essere positivi di fronte alla malattia.

Fare un passo indietro attraverso lo stoicismo!

Lo stoicismo è una scuola di pensiero sviluppata da filosofi greci e romani. Ha influenzato molte grandi figure della storia e ha una particolare risonanza nel caso della malattia

Questa dottrina ci invita a distinguere tra due categorie di cose nella vita: quelle che sono sotto il nostro controllo e quelle che non lo sono. Secondo questa dottrina, è inutile dare energia alle cose che non possiamo cambiare, ed è meglio distaccarsene e dedicarsi completamente alle cose che possiamo cambiare

In concreto, lamentarsi di un ritardo del treno, di una macchia su un nuovo capo di abbigliamento o del maltempo non migliorerà la situazione. Allo stesso modo, rimpiangere di essere troppo bassi o di avere gli occhi marroni non cambierà il nostro aspetto, e concentrarsi su tutte le conseguenze negative di una malattia non le farà scomparire. Ognuno ha le proprie difficoltà imposte dalla vita. Possiamo sempre immaginare una vita meno difficile o più difficile. Ma lo stoicismo ritiene che tali confronti non portino nulla di positivo. Secondo lo stoicismo, il nostro vero potere di vivere una vita più felice è quello di scegliere il nostro atteggiamento e il nostro stato d'animo di fronte alle prove della vita

Secondo lo stoicismo, è un'illusione sognare una vita senza difficoltà. Invece, scegliere di affrontare le avversità rimanendo fedeli ai nostri valori, rialzandoci dopo i fallimenti e vedendo come questi ci fanno crescere, è ciò che ci definisce davvero. 

Steve, un paziente affetto da malattia di Castleman multicentrica idiopatica, racconta: "La malattia è stata una benedizione sotto mentite spoglie. Mi ha reso una persona e un marito migliore. Mi ha insegnato cosa è importante nella vita." Owen, un malato cronico, aggiunge: "La malattia non può influire sul fatto che si viva bene o meno. L'unica cosa che conta è come si affrontano gli eventi." Continua: "Affrontare le difficoltà con disciplina e coraggio mi ha permesso di andare avanti e di essere grata per ogni vittoria, perché so che sto facendo del mio meglio per vivere bene, nonostante i limiti posti dalla malattia."

In breve, lo stoicismo ci invita ad accettare le cose che non dipendono da noi, per realizzare meglio il nostro potere su quelle che dipendono da noi. Forse non è giusto essere malati quando il nostro vicino è in salute, ma fare pace con questa situazione può essere liberatorio e permetterci di cogliere meglio le possibilità di vivere pienamente. 

La malattia di Castleman può essere un'esperienza molto difficile, con un forte impatto sul morale. Ma la condivisione con gli altri, la pratica della gratitudine e la prospettiva che lo stoicismo può portare, possono essere strumenti per riprendere il controllo della propria realizzazione. Possono aiutare a spezzare il circolo vizioso dello scoraggiamento e del pessimismo, a raggiungere un nuovo equilibrio più positivo e sereno e a vivere felicemente nonostante la malattia di Castleman. 

Vi è piaciuto questo articolo?  

Cliccate su "mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto! 

Forza a tutte e tutti!

Fonti:
Saphire-Bernstein, S., & Taylor, S. (2013). Close Relationships and Happiness. Oxford Handbooks Online. doi: 10.1093/oxfordhb/9780199557257.013.0060 
Watkins, P., McLaughlin, T., & Parker, J. (2020). Gratitude and Subjective Well-Being. Research Anthology On Rehabilitation Practices And Therapy, 1737-1759. doi: 10.4018/978-1-7998-3432-8.ch088 
Watkins, P., Woodward, K., Stone, T., & Kolts, R. (2003). GRATITUDE AND HAPPINESS: DEVELOPMENT OF A MEASURE OF GRATITUDE, AND RELATIONSHIPS WITH SUBJECTIVE WELL-BEING. Social Behavior And Personality: An International Journal, 31(5), 431-451. doi: 10.2224/sbp.2003.31.5.431 
CDCN - Steve Zalkin’s testimony
 
How Stoicism Has Helped Me Live with Chronic Illness
 
What Is Stoicism? A Definition & 9 Stoic Exercises To Get You Started, Daily Stoic
 
Malgré mon cancer colorectal, je suis un papi heureux
 

avatar Léo Benita

Autore: Léo Benita, Studente di farmacia

Léo sta completando un dottorato in farmacia all'Università di Tolosa, così come un master in neuroscienze. Il suo profilo scientifico gli permette di partecipare alla concezione dei sondaggi di Carenity e alla... >> Per saperne di più

Chi ha riveduto: Alizé Vives, Farmacista, Data Scientist

Alizé è Dottore in farmacia e laureata del master in strategia e business internazionale della ESSEC Business School. Ha diversi anni di esperienza di lavoro con pazienti e membri, conducendo indagini per le comunità... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Malattia di Castleman: i nostri consigli per vivere meglio con la malattia!

Malattia di Castleman

Malattia di Castleman: i nostri consigli per vivere meglio con la malattia!

Leggi l’articolo
Malattia di Castleman e diagnosi differenziale

Malattia di Castleman

Malattia di Castleman e diagnosi differenziale

Leggi l’articolo
Vedi la testimonianza
Giornata mondiale della malattia di Castleman: tutto quello che c'è da sapere!

Malattia di Castleman

Giornata mondiale della malattia di Castleman: tutto quello che c'è da sapere!

Leggi l’articolo

Discussioni più commentate

Scheda malattia