«
»

Top

CPAP per l'apnea notturna: quali sono gli effetti collaterali?

Pubblicata il 10 mag 2024 • Da Somya Pokharna

Lottare contro l'apnea notturno può essere estenuante e, sebbene la terapia con CPAP offra il sollievo tanto necessario, non è priva di difficoltà. Dalla secchezza del naso e della bocca fino all'irritazione della pelle, gli effetti collaterali possono rendere fastidioso l’uso costante della CPAP per tutta la notte.

Quali sono gli effetti collaterali della terapia CPAP? Come si possono prevenire o trattare?

Continuate a leggere per scoprirlo!

CPAP per l'apnea notturna: quali sono gli effetti collaterali?

Che cos'è la terapia CPAP? Come si cura l'apnea notturna?

La terapia a pressione positiva continua delle vie aeree (CPAP) è il trattamento di prima linea per l'apnea notturna ostruttiva, una condizione in cui le vie aeree collassano o si bloccano durante il sonno, causando problemi di respirazione. Le macchine CPAP erogano aria attraverso un tubo flessibile a una maschera che copre il naso o sia il naso che la bocca. Questo meccanismo fornisce un flusso continuo di aria a una pressione sufficiente ad agire come una stecca pneumatica, mantenendo così le vie aeree aperte per tutta la notte.

Questo flusso d'aria costante impedisce i frequenti collassi delle vie respiratorie legati all'apnea notturna, prevenendo così alcune conseguenze potenzialmente gravi per la salute, come le malattie cardiovascolari, il diabete e i disturbi cognitivi. È stato dimostrato che l'uso regolare della CPAP migliora significativamente la qualità del sonno, riduce la sonnolenza diurna, migliora le funzioni cognitive e riduce il rischio complessivo di gravi complicazioni di salute. Inoltre, l'uso continuativo della terapia con CPAP è stato collegato a miglioramenti della stabilità emotiva, a una maggiore vigilanza e a una migliore qualità della vita, a dimostrazione dei suoi vantaggi sulla salute globale, che vanno ben oltre il semplice trattamento dell’apnea notturna.

Tuttavia, gli effetti collaterali associati alla terapia con CPAP possono spesso scoraggiare gli utenti dal proseguire nel tempo con il trattamento prescritto.

Quali sono gli effetti collaterali comuni della terapia con CPAP?

Sebbene i benefici dell'uso della terapia CPAP superino di gran lunga gli effetti negativi elencati di seguito, essi possono comunque essere piuttosto fastidiosi per gli utenti:

Bocca secca e congestione nasale

La terapia CPAP può provocare secchezza delle fauci e congestione nasale, complicazioni dovute al flusso continuo di aria pressurizzata.

Per chi respira attraverso la bocca, in particolare con apparecchi che coprono solo il naso, la secchezza delle fauci diventa un problema significativo. L'aria pressurizzata che fuoriesce dalla bocca durante il sonno aggrava questa condizione, aumentando nel tempo il rischio di malattie gengivali, carie, alito pesante e afte.

Allo stesso modo, l'aria forzata può irritare le vie nasali, provocando sintomi come naso chiuso o che cola, sensazione di bruciore, irritazione e occasionalmente epistassi. Questo effetto è particolarmente evidente nelle persone soggette a frequenti sinusiti. La secchezza continua dell'area nasale può aumentare la sensibilità, il dolore e persino portare a epistassi croniche e sinusiti, con potenziali conseguenze anche sul senso dell'olfatto.

Irritazione della pelle e piaghe da decubito

Uno degli effetti collaterali più comuni della terapia CPAP è l'irritazione della pelle e lo sviluppo di segni rossi dovuti al copricapo. Questi segni compaiono spesso lungo le guance o il naso e possono diventare teneri al tatto. Ciò è dovuto all'accumulo di olii del viso, sudore, sporcizia e cellule morte della pelle quando si utilizza la maschera CPAP ogni notte. Se non vengono puliti regolarmente, questi contaminanti aumentano notevolmente il rischio di irritazione della pelle e di problemi cutanei come l'acne ogni volta che si indossa la maschera. Nel tentativo di fissare la maschera, è anche comune stringere eccessivamente il copricapo. Purtroppo questo può provocare piaghe da decubito e aggravare l'irritazione della pelle, rendendo scomodo un uso costante.

Irritazione degli occhi

Le maschere CPAP montate in modo scorretto possono provocare perdite d'aria, causando occhi secchi e irritati a causa dell'aria che si disperde nella zona del naso o intorno alla maschera. Queste perdite sono spesso aggravate dai cambiamenti di posizione durante il sonno.

Inoltre, una pulizia inadeguata della maschera può intrappolare i batteri al di sotto della stessa, causando potenzialmente infezioni agli occhi, poiché i batteri vengono spinti verso l'alto, attraverso le perdite d'aria o i condotti lacrimali.

Claustrofobia e ansia

Indossare una maschera CPAP può scatenare sentimenti di claustrofobia e di ansia, e talvolta persino attacchi di panico, soprattutto per i nuovi utenti, rendendoli incapaci di rilassarsi o addormentarsi. Questa paura degli spazi chiusi è spesso aggravata quando la maschera copre strettamente il naso, provocando una sensazione di soffocamento. Anche le maschere che coprono interamente la faccia essendo posizionate sia sul naso che sulla bocca hanno maggiori probabilità di creare claustrofobia rispetto alle maschere a cuscino nasale.

Aerofagia

Circa il 16% degli utenti di CPAP soffre di aerofagia, termine medico che indica la deglutizione di troppa aria, con conseguente disagio addominale, eccesso di gas e gonfiore. Questo disagio può verificarsi quando la pressione dell'aria della macchina CPAP è troppo alta o troppo bassa, con conseguente ingresso di aria nel sistema gastrointestinale. Se la pressione è troppo alta, è facile inghiottire inavvertitamente l'aria in eccesso, mentre una pressione troppo bassa può provocare un rigurgito d'aria durante gli episodi di apnea notturna.

Mal di testa

Indossare una maschera troppo stretta o sperimentare un'elevata pressione dell'aria durante la terapia CPAP può provocare mal di testa. Questo accade perché la pressione costante sulla parete nasale può causare infiammazioni e seni paranasali ostruiti, aggravando il mal di testa. Inoltre, un copricapo troppo stretto può esercitare una pressione su aree specifiche della testa e del collo, provocando tensioni e dolori muscolari.

Infezioni delle vie respiratorie superiori o sinusali

Il flusso d'aria costante di una macchina CPAP può irritare e seccare la mucosa delle vie respiratorie, il che può portare a infezioni delle vie respiratorie superiori o dei seni paranasali se il dispositivo non viene pulito regolarmente o umidificato correttamente.

Fastidi da rumore

I modelli di CPAP variano nei livelli di rumore durante il funzionamento, disturbando potenzialmente il sonno del partner di letto. Inoltre, l'aria che fuoriesce dalla maschera può contribuire a creare disturbi durante il sonno.

Come prevenire o trattare gli effetti collaterali della CPAP?

Per prevenire o trattare gli effetti collaterali della terapia con CPAP, si possono prendere in considerazione diverse strategie:

  1. Iniziare con impostazioni di pressione più basse e aumentarle gradualmente man mano che ci si sente più a proprio agio durante la terapia. In questo modo il corpo si abitua al flusso d'aria e si sente meno a disagio.
  2. Assicurarsi che la maschera CPAP si adatti correttamente e in modo confortevole al viso. Una maschera ben aderente può minimizzare le perdite d'aria e ridurre il disagio.
  3. Utilizzare una macchina CPAP con umidificatore o aggiungere un umidificatore separato alla vostra configurazione. L'umidificazione dell'aria può aiutare a prevenire la secchezza della gola e dei passaggi nasali, riducendo l'irritazione.
  4. Mantenere pulita l'apparecchiatura CPAP lavando regolarmente la maschera, i tubi e la camera dell'umidificatore. In questo modo si evita l'accumulo di batteri e di muffe, che possono causare problemi respiratori.
  5. Sperimentare diverse posizioni per trovare quella più comoda per l'uso del dispositivo CPAP. L'elevazione della testa con dei cuscini può talvolta alleviare il disagio.
  6. Affrontare eventuali congestioni nasali o allergie che potrebbero interferire con la terapia CPAP. L'uso di decongestionanti nasali o di spray a base di acqua marina prima di andare a letto può aiutare a liberare le vie respiratorie.

Per una gestione efficace dell'apnea notturna, è importante utilizzare costantemente la macchina CPAP. Se si riscontrate effetti collaterali, parlatene al più presto con il vostro medico. Sebbene sia possibile provare autonomamente le soluzioni pratiche consigliate sopra, il medico può fornire consigli personalizzati per alleviare i disagi o i potenziali problemi a lungo termine. Inoltre, consultate il vostro medico se i sintomi dell'apnea notturna persistono nonostante la terapia CPAP o se avete dubbi sulle impostazioni di pressione corrette per il dispositivo.

 

Vi è piaciuto questo articolo?  

Cliccate su "Mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la community nei commenti qui sotto!  

Forza a tutte e tutti!


2

Commenti

Ti piacerà anche

Apnea notturna: che cos'è? Come evitare rischi e complicanze?

Apnee nel sonno

Apnea notturna: che cos'è? Come evitare rischi e complicanze?

Leggi l’articolo
L'apnea nel sonno: sapere tutto!

Apnee nel sonno

L'apnea nel sonno: sapere tutto!

Leggi l’articolo
Vedi la testimonianza

Discussioni più commentate

Scheda malattia