«
»

Top

La diagnosi della malattia di Parkinson raccontata dai membri Carenity

07 ott 2019

L'annuncio della diagnosi di una malattia cronica cambia tutta la vita. Ecco la storia dei membri Carenity affetti dalla malattia di Parkinson.

La diagnosi della malattia di Parkinson raccontata dai membri Carenity

Indagine realizzata da Carenity presso 134 rispondenti affetti dalla malattia di Parkinson.

epi larmes 3,4 anni e medici consultati in media prima che la diagnosi della malattia di Parkinson sia fatta.

I membri Carenity affetti dalla malattia di Parkinson hanno aspettato quasi più di tre anni per ottenere una diagnosi! Però, quasi tutti i rispondenti hanno sentito tremori che gli hanno impedito di camminare o di scrivere bene. Ecco i sintomi che li hanno avvertiti:

Tremori | Rigidità | Cadute | Dolori muscolari | Difficoltà a camminare | Paralisi delle maniStanchezza

Prima di ottenere una diagnosi e un trattamento adeguato, i pazienti affetti dalla malattia di Parkinson hanno visto la loro vita quotidiana turbata dai sintomi. Scoprite quali aspetti della vita dei pazienti sono stati più turbati:

fatigue Stanchezza cronica  - 54%

boulot Vita professionale - 54%

temps libre Tempo libero ed attività fisiche - 49%

sociale Vita sociale - 45%

coeur Vita personale - 38%

famille Vita familiare - 37%

douleur Dolori fisici importanti - 33%

 

Però, il 71% dei nostri rispondenti non hanno conosciuto una diagnosi errata. I loro sintomi sono stati ben riconosciuti come annunciatori della malattia di Parkinson. Tuttavia, alcuni sono stati diagnosticati con le malattie seguenti: 

Distonia | Sindrome delle gambe senza riposo | Tremori essenziali | Stanchezza cronica | Sindrome del tunnel carpale | DepressioneFibromialgia

La testimonianza dei pazienti: gli errori di diagnosi

"Ho visto tanti specialisti, ognuno aggiungeva un trattamento nuovo. L'errore maggiore viene da un neurologo che mi ha diagnosticato una grande stanchezza e una tendenza per mentire, ha anche scritto all'esperto responsabile per dirgli che il mio obiettivo fosse di approfittare della sicurezza sociale. Le sue parole hanno peggiorato la mia depressione già presente."

"Tutto è iniziato nel 2016 con dolori nel gomito senza motivi, poi la schiena, le cervicali, senza interruzione. Ho fatto 12 infiltrazioni e una diagnosi di fibromialgia è stata fatta, se non altra (...). È il mio nuovo medico generico ad avere pensato alla malattia di Parkinson. M'ha mandato da un neurologo, il quale con un dat-scan, ha confermato la diagnosi."

"Dopo essere caduta dopo l'assunzione di un farmaco che non sopportavo, sono andata al pronto soccorso. Sono stata esaminata da un neurologo che mi ha diagnosticato una depressione e dato antidepressivi. Quindi ho seguito i suoi consigli e mi sono ritrovata di nuovo presso il pronto soccorso. Poi un medico ha detto che i miei sintomi erano quelli della malattia di Parkinson."

 

écriture

La diagnosi di una malattia cronica turba la vita dei pazienti. Sapere che si soffre di una malattia cronica può essere vissuto diversamente dai pazienti: a volte sollevati di avere una diagnosi e di poter cominciare i trattamenti, possono anche vivere questo momento in modo spaventoso e brutale. Nel caso dei pazienti affetti dalla malattia di Parkinson, la brutalità della diagnosi prevale. Va anche osservato che il 34% dei pazienti si aspettava a questa diagnosi (il 44% aveva fatto ricerche su Internet in anticipo)

brutale È stato brutale - 47%

attente Non è stato uno shock, me l’aspettavo - 34%

soulagement È stato un sollievo - 20%

horrible È stato orribile - 19%

rien Non ho avuto una reazione particolare - 14%

souvenir Non mi ricordo - 3%

Il ruolo dell’operatore sanitario che fa la diagnosi è fondamentale. A volte, i pazienti non si sentono abbastanza ascoltati o informati; altri al contrario sono grati al loro medico di averli accompagnati in questo momento. Per i membri Carenity affetti dalla malattia di Parkinson, l’operatore sanitario è stato veramente un alleato. I pazienti apprezzano il fatto che il medico ha preso del tempo per spiegare loro la malattia. La mancanza di empatia è la principale critica. 

pouce haut

43% - Ha preso del tempo per spiegarmi tutto

42% -  Era molto tranquillo

25% - Era empatico

12% - Mi ha offerto un sostegno psicologico

pouce bas

25% - È stato freddo e distante

13% - Non sembrava interessato

22% - È stato precipitoso

7% - Ha utilizzato soltanto parole scientifiche

 

La testimonianza dei pazienti: l'annuncio della diagnosi

"Sapevo già di essere affetta da questa malattia, un neurologo competente mi ha fatto qualche esame e un datscan. Le sue parole sono state incoraggianti e hanno sdrammatizzato il finale."

"Prima visita con il neurologo a fine mattinata: mi annuncia la malattia di Parkinson, non mi da nessun documento e non ha tempo per parlare con me. Mi sentivo turbato."

"Mi ha chiesto di sedermi e m'ha annunciato di avere Parkinson. M'ha detto che stava per spiegarmi tutto e ritardare le sue altre visite per poter precisarmi tutto."

"Non mi ricordo, è stato così brutale."

"Me l'hanno detto in modo molto semplice, con benevolenza."

Dopo la diagnosi, 28% dei pazienti si sono sentiti sollevati di avere infine una diagnosi e 39% pronti a combattere la malattia, 13% avevano fiducia nel futuro. 40% si sono sentiti angosciati,28% persi21% arrabbiati, 16% disperati e 23% scoraggiati. La solitudine è anche difficile da sopportare: 23% si sentono soli, 16% incompreso dai loro parenti. 

 

merci Grazie mille a tutti i partecipanti di questa indagine! I nostri membri Carenity hanno preso del tempo per condividere la loro esperienza per aiutare altri pazienti ad ottenere più velocemente la buona diagnosi.

 

"Passare maggior tempo con il paziente per spiegargli tutto e poter permettergli di fare tutte le domande possibili."

"Avrei voluto che il medico fosse più psicologo. Ho avuto l'impressione di essere una malattia e non più una persona. Considerare il vissuto dei pazienti mi sembra essenziale."

"Mi è piacuto il tatto del neurologo che ha preso del tempo per spiegarmi le evoluzioni possibili. Non pensavo di avere la diagnosi durante questa visita e ci sono andata da sola. Se sapevo, avrei chiesto la compagnia di qualcuno."

"Le visite soltanto ogni 3 mesi dovrebbero essere più frequenti."

"L'errore sta nel fatto di annunciare subito che la malattia è incurabile, il subconscio registra l'informazione, il conscio anche, quindi perché combattere se è progressiva? (...) È irrispettoso, nessuna compassione, mancanza totale di umanità."

 

I risultati di questa indagine riflettono la vostra storia?

Condividiamo la nostra esperienza e discutiamo insieme per far progredire le cose!

 

Indagine realizzata da Carenity presso 134 rispondenti affetti dalla malattia di Parkinson in Francia, Italia, Spagna, Germania, Regno Unito e Stati Uniti.

avatar Louise-B

Autore: Louise-B, Content & Community Manager

Community manager di Carenity in Francia, Louise è anche redattore capo della Rivista Salute per proporre articoli, video e testimonianze concentrati sul vissuto dei pazienti e che portano la loro voce. Con una formazione pluridisciplinare orientata sul giornalismo, coordina la redazione dei contenuti delle piattaforme Carenity e facilita l’esperienza dei membri sul sito. 

Commenti

Ti piacerà anche

Ballare è un ottimo rimedio per prevenire il morbo di Alzheimer

Adrenoleucodistrofia legata all'X
Afasia
Agenesia del corpo calloso
Algie pelvi-perineali
Algodistrofia
Anemia di Fanconi
Anencefalia / Exencefalia isolata
Angiopatia
Aplasia midollare idiopatica
Atassia di Friedreich
Atassia di Harding
Atassia spinocerebellare
Atassia spinocerebellare autosomica dominante
Atassia spinocerebellare autosomica recessiva
Atassia spinocerebellare tipo 2
Atassia spinocerebellare tipo 3
Atassia-teleangectasia
Atrofia dentato-rubro-pallido-luisiana
Atrofia multisistemica
Cefalea a grappolo
Cefalee
Ceroidolipofuscinosi neuronale
Ceroidolipofuscinosi neuronale infantile tardiva
Cisti di Tarlov
Commozione cerebrale
Cordoma
Cutis verticis gyrata
Degenerazione cortico-basale
Disautonomia familiare
Discinesia parossistica non chinesigenica
Distonia
Distonia neurovegetativa
Emicrania parossistica
Emidistonia
Emiplegia
Encefalite
Encefalite erpetica
Encefalite virale
Encefalopatie spongiformi trasmissibili
Ependimoma
Epilessia
Glioblastoma
Idrocefalo
Ipertensione intracranica
Lissencefalia
Malattia di Alexander
Malattia di Alzheimer
Malattia di Charcot-Marie-Tooth
Malattia di Huntington
Malattia di Kennedy
Malattia di Lafora
Malattia di Parkinson
Malattia di Refsum
Malattia di Unverricht-Lundborg
Malattia infantile di Refsum
Malattie neurologiche
Malessere vagale
Malformazione di Arnold-Chiari
Meningioma
Meningite virale
Miastenia
Mielite
Mielite trasversa
Narcolessia
Neurodegenerazione associata alla pantotenato-chinasi
Neurodegenerazione con accumulo cerebrale di ferro
Neuroma
Neuroma di Morton
Neuropatia assonale motoria acuta
Neuropatia ereditaria ipersensibile alla pressione
Neuropatia motoria multifocale con blocchi di conduzione
Neuropatia periferica
Neuropatia sensitiva
Neuropatia sensitivo-motoria assonale acuta
Nevralgia cervico-brachiale
Nevralgia del pudendo
Nevralgia del trigemino
Nevralgia di Arnold
Nevralgie croniche
Paralisi
Paralisi cerebrale
Polineuropatia
Polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica
Polinevrite
Poliradicolonevrite cronica
Radicolopatia
Schizencefalia
Sclerosi laterale amiotrofica
Sclerosi laterale primitiva
Sindorme di Brown Séquard
Sindrome degli scaleni
Sindrome dell'intestino corto
Sindrome delle gambe senza riposo
Sindrome di Aicardi
Sindrome di Alstrom
Sindrome di Angelman
Sindrome di CLIPPERS
Sindrome di Guillain-Barré
Sindrome di Korsakoff
Sindrome di Leigh
Sindrome di Lennox-Gastaut
Sindrome di Lesch-Nyhan
Sindrome di Parsonage-Turner
Sindrome di Wernicke-Korsakoff
Sindrome di West
Sindrome MASA
Sindrome MELAS
Sindrome MERRF
Sindrome miastenica di Lambert-Eaton
Sindrome NARP
Sindrome POEMS
Sindrome post-polio
Sindromi miasteniche congenite
Siringomielia
Sistema nervoso
Spina bifida
Tremori essenziali
Vescica neurologica

Ballare è un ottimo rimedio per prevenire il morbo di Alzheimer

Leggi l’articolo
Terapia fisica, malattie croniche e dolori: le risposte di un esperto

Terapia fisica, malattie croniche e dolori: le risposte di un esperto

Leggi l’articolo
Studi, pubblicazioni scientifiche e progetti innovativi: Carenity si impegna per i pazienti

Studi, pubblicazioni scientifiche e progetti innovativi: Carenity si impegna per i pazienti

Leggi l’articolo
Quali malattie e quali farmaci sono incompatibili con l’ibuprofene?

Quali malattie e quali farmaci sono incompatibili con l’ibuprofene?

Leggi l’articolo