«
»

Top

Intervista di esperto: viaggiare nonostante la disabilità grazie ad un accompagnatore

17 gen 2020

Viaggiare vicino a casa o dall'altra parte del mondo è un dolce sogno spesso inaccessibile per molti pazienti la cui disabilità impedisce loro di essere indipendenti. Eppure persone come Pascale Crahay sono disponibili ad accompagnare i pazienti nei loro viaggi, senza dover chiedere aiuto ai loro cari. Costo, processo, risultati... Spiegazioni.

Intervista di esperto: viaggiare nonostante la disabilità grazie ad un accompagnatore

Buongiorno Pascale, grazie di rispondere alle nostre domande. Puoi presentarti in qualche parola?

Sono una fisioterapista in riconversione e accompagno le persone a mobilità ridotta nei viaggi individuali (o in coppia). Sono paziente, attenta e mi piace organizzare e fare i viaggi, aiutare e incontrare gli altri, mi piace! Ho scelto questo lavoro perché fa bene a tutti. Sono anche volontario in due associazioni di non vedenti AVH (escursioni, tandem e ceramica sono nel programma dei miei interventi), così come in un'associazione di autistici (assistenza per escursioni).

pascale crahay

Da quanto tempo lavori come accompagnatore di viaggio?

Dal 2019. Ho fatto 3 lunghi accompagnamenti (Pirenei, Ile de Ré, Calanche), oltre a giornate nella mia regione. Ho diversi progetti in corso per quest'estate e per il prossimo autunno, tra cui un giro in tandem con un tandem dotato di 3 vedenti e 3 non vedenti per un soggiorno di una settimana lungo la Loira nel prossimo maggio. Lo sto organizzando con un amico cieco di Lille, Antoine. Vogliamo dimostrare che è possibile uscire e vivere un'avventura anche con una disabilità. È sempre la stessa cosa: se il programma è ben individuato, allora non c'è da preoccuparsi! In generale, le candidature iniziano ad arrivare per quest'estate.

Saremo presenti anche al festival del cinema Handi di Lione all'inizio di febbraio e al festival Le relais des voyageurs nel marzo a Namur, in Belgio!

È un lavoro approvato da un'organizzazione o riconosciuto da un diploma?

No, non c'è una laurea specifica attualmente, ma personalmente ho una laurea in fisioterapia e un'esperienza nell'assistenza domiciliare, una buona base per questa nuova professione. Spesso gli accompagnatori hanno una laurea in paramedico: fisioterapia, assistente di vita, infermiera, assistente medico-sociale, ecc.

Quali pazienti possono rivolgersi a te?

Accompagno tutte le disabilità, sia fisiche che mentali.

Come si svolge un viaggio, dall'offerta alla partenza?

- Presa di contatto per scoprire cosa vuole la persona che viene accompagnata: dove andare, quando, come? Aiuto volontariamente per la realizzazione del viaggio, tenendo conto di tutti gli elementi forniti.

- Realizzazione dell'offerta per il mio intervento: chiedo di compilare un modulo per le esigenze (molto preciso con tutte le possibili posizioni di aiuto). Si definisce il mio ruolo, le missioni da svolgere. Per esempio, la toilette e le cure sono spesso effettuate da un'infermiera che si reca sul posto; chiedo poi una prescrizione medica in modo che le cure del paziente possano essere effettuate sul luogo di vacanza. Si parla anche del modo di trasporto (noleggio auto o no, treno...).

- Il pagamento viene effettuato con assegni Cesu, stipuliamo un contratto tra noi.

- Chiedo un'assicurazione aggiuntiva (circa 30 euro) per un rimpatrio in caso di preoccupazione per me o per la persona accompagnata.

- Prima della partenza, facciamo una piccola valutazione di tutte le spese da sostenere; la persona accompagnata paga un acconto per confermare il viaggio (50%).

- È il paziente ad occuparsi di pagare i depositi per gli alloggi, di prendere i biglietti per il treno, ecc. Non prendo nessuna commissione sull'organizzazione (a differenza delle agenzie di viaggio) ma è importante sapere che la persona accompagnata paga le spese di alloggio, trasporto e cibo per l'accompagnatore, tutto questo è abbastanza chiaro tra noi.

Quali sono le tue missioni?

Al mattino mi occupo di alzare la persona, vestirla se necessario, di preparare la colazione e di aiutare a preparare i pasti se necessario. Poi, possiamo partire in un veicolo adattato per una visita o una gita nella natura. Pranzo: ristorante, picnic, alla casa... Attività pomeridiana anche accompagnata, poi preparazione del pasto serale, aiuto per i pasti e ora di andare a letto. Vi dico questo, ma varia molto da persona a persona, mi adatto alle richieste (ragionevoli) in base a ciascuna di esse. Ad alcuni piace essere attivo tutti i giorni, ad altri piace fare un pisolino, altri preferiscono uscire solo il pomeriggio... In genere mi concedo una breve pausa, quando possibile, di un'ora nel pomeriggio secondo l'orario che abbiamo concordato. Mi occupo anche di fare delle belle foto, che vengono offerte alla fine del viaggio.

Quali missioni non sei autorizzata a fare?

Non faccio l'infermiera, non faccio sondaggi. Gli atti infermieristici sono eseguiti da un'infermiera sul posto (così come la toilette per le persone che hanno una grave disabilità, con una prescrizione medica).

Qual è il tuo rapporto con le persone che accompagni?

Dipende da ognuno di loro e di nuovo, mi sto adattando. Ad alcuni piace darmi del tu e altri preferiscono darmi del lei. Di solito, viene da solo, ci capiamo sul posto da avere perché parliamo molto prima del viaggio, via email e via telefono.

Qual è il tuo ricordo più bello di un viaggio che hai fatto?

Serate in riva al mare con una signora che sapeva che sarebbe stato il suo ultimo viaggio, e i suoi calorosi ringraziamenti alla fine del viaggio. È morta un mese dopo il suo ritorno; abbiamo fatto un viaggio "finale" molto bello, sono molto felice di aver potuto offrire questo viaggio a questa signora.

Al contrario, hai mai sperimentato un disagio durante un viaggio?

No, non proprio, perché troviamo sempre una soluzione discutendo onestamente tra di noi. Per esempio, una notte di campeggio era stata prenotata da un paziente. Non conoscevo il posto e abbiamo scoperto che non era proprio adatto, nonostante le dichiarazioni del campeggio. Così abbiamo soggiornato in un hotel. Tutto è stato facilmente riorganizzato, ci siamo adattati molto bene a questo cambiamento.

Quali sono i vantaggi per i pazienti di rivolgersi a te piuttosto che ai loro parenti?

Le persone che accompagno desiderano fare un viaggio da soli, senza dover chiedere aiuto ai loro parenti come il resto dell'anno. Cogliono l'opportunità di cambiare il loro ambiente e di cambiare aria... A volte, i parenti non possono fare tutto quello che faccio io durante il soggiorno perché faccio tutto il lavoro di diversi caregiver da solo (sostituisco le diverse persone che verrebbero a casa loro, i parenti e gli ausiliari di vita). Le mie giornate sono molto impegnative! E' anche molto più economico che passare con un'agenzia che organizza tutto.

Un consiglio per un paziente che esiterebbe a fare un viaggio a causa della sua disabilità?

Troviamo sempre una soluzione e pianifichiamo insieme un viaggio secondo le esigenze di ciascuno. Non dobbiamo "fare come gli altri", ma secondo quello che vogliamo scoprire e che siamo in grado di fare. Poi, costruiamo un progetto adattato a ciascuno. Tutto è ben pianificato prima del viaggio, si evita lo stress e ci si può godere le vacanze! Forza, forza, forza, tutti in viaggio (per quelli che vogliono naturalmente)! Non vedo l'ora di incontrarvi per nuove avventure.

------------

Grazie mille a Pascale Crahay per aver presentato il suo lavoro! Potete trovarla sul suo sito web Handiescales cliccando qui. Contate tra i 100 e i 200 euro al giorno per questo servizio (200 euro per i tetraplegici che hanno bisogno di qualcuno 24 ore su 24).

Potete anche scoprire l'associazione Strabordo, il cui obiettivo di promuovere il turismo accessibile, organizzando viaggi di gruppo in tutto il mondo accessibili a tutti; il blog del "viaggio accessibile con una sedia a rotelle", Handilol, creato da due fratelli; o ancora il nostro articolo "Come viaggiare con una disabilità" che contiene altri indirizzi utili.

Carenity non è un partner di Pascale Crahay e non garantisce per i suoi servizi. Questa intervista intende soprattutto presentare ai nostri lettori questa professione.

avatar Louise Bollecker

Autore: Louise Bollecker, Content Manager & Community Manager France

Community manager di Carenity in Francia, Louise è anche Content Manager per proporre ai membri degli articoli, video e testimonianze. Il suo obiettivo è di portare la voce dei pazienti per far capire meglio la loro realtà nella vita quotidiana.

Commenti

Ti piacerà anche

Fine di vita assistita: cosa vogliono veramente i pazienti e i loro cari

Fine di vita assistita: cosa vogliono veramente i pazienti e i loro cari

Leggi l’articolo
Un nuovo metodo per evitare gli errori medici, anche in caso di ricovero

Un nuovo metodo per evitare gli errori medici, anche in caso di ricovero

Leggi l’articolo
Il sostegno finanziario contro la perdita totale o parziale di reddito

Il sostegno finanziario contro la perdita totale o parziale di reddito

Leggi l’articolo
Vita professionale e malattia cronica: il vissuto e le soluzioni dei membri Carenity

Vita professionale e malattia cronica: il vissuto e le soluzioni dei membri Carenity

Leggi l’articolo