«
»

Top

Tutta la verità sugli integratori: ci fanno davvero bene?

Pubblicata il 22 mar 2016

Tutta la verità sugli integratori: ci fanno davvero bene?

Vengono utilizzati per dimagrire, per mantenersi in salute, per scongiurare e prevenire patologie di ogni genere e sorta o, addirittura, per prevenire malattie gravi come i tumori. Ecco tutta la verità sugli integratori.

Gli integratori sono davvero numerosi (in commercio se ne trovano circa 8mila, esattamente il doppio dei farmaci registrati nel nostro paese) e vengono utilizzati moltissimo e sempre di più, talvolta anche a sproposito. In alcuni casi si attendono esiti miracolosi, abbandonando le cure farmacologiche tradizionali e, in altri, si opta per il “fai da te”. È necessario, quindi, capire qual è la posizione della scienza in merito. FederSalus, Associazione nazionale produttori e distributori di prodotti salutistici, ha deciso così di fare chiarezza, affidandosi al parere di alcuni autorevoli esperti, come il prof. Alberto Martina, docente presso il Dipartimento di Scienze del Farmaco dell’Università di Pavia e presso il master di secondo livello Prodotti nutraceutici che ci ha aiutato a dipanare la matassa.

Intanto ci spiega cosa sono gli integratori?
Si tratta di “alimenti particolari” in grado di apportare vantaggi alla nostra salute. Non dobbiamo, però, per questo confonderli con i cibi sani e che ci fanno bene. Gli integratori, a differenza degli alimenti, contengono al loro interno un quantitativo ben preciso di una determinata sostanza, vanno assunti secondo determinati dosaggi e con una frequenza ben definita. Ovviamente, resta ferma la premessa che un’alimentazione equilibrata è la base per ridurre i fattori di rischio e mantenerci sani.

Quali caratteristiche devono avere per essere sicuri?
Devono essere certificati, ossia privi di sostanze inquinanti e nocive, il cui contenuto deve essere al di sotto della soglia di sicurezza (es. presenza di cadmio, piombo, mercurio negli integratori a base di olio di pesce) e devo assicurare un preciso quantitativo di una determinata sostanza.

Esiste qualche normativa in merito?
Sì, anche se non esiste un’unica legislazione a cui far riferimento. La Legislazione europea è piu conservatrice; l’Italia, la Francia e il Belgio (i tre stati all’avanguardia da questo punto di vista) dal canto loro, hanno stilato una lista di oltre 1700 integratori di origine vegetale che si aggiungono alle vitamine e ai minerali.

Ma gli integratori possono risultare pericolosi?
Premesso che non possono sostituire le cure tradizionali, ad esempio è impensabile curare il cancro evitando la chemioterapia e affidandosi al potere salvifico degli integratori, possono essere dannosi se consumati a dosaggi e con modalità scorrette. Più in generale, invece, un integratore non certificato o assunto in maniera scorretta, cioè senza un piano d’azione, sarà al limite del tutto inutile e non produrrà quindi alcun beneficio. Tradotto: soldi buttati al vento. Un consiglio è quello di non affidarsi a internet per l’acquisto degli integratori senza un preventivo parere di una persona esperta e competente. Altro aspetto da tenere in considerazione, e qui sì che il pericolo può esistere, è quello dell’interazione con altri farmaci.

Quindi se si assumono altre medicine bisogna rinunciare agli integratori?
Non proprio, anzi in alcuni casi sono gli specialisti pediatri, ginecologi, oncologi, cardiologi,... a consigliare l’assunzione di integratori. Fondamentale però è che prima di acquistare integratori in farmacia, si faccia presente al medico o al farmacista che si sta seguendo una terapia farmacologica. Un esempio tipico è quello degli anticoagulanti (medicinali molto diffusi prescritti per patologie come la fibrillazione atriale). Se si assumono Omega 3, ad esempio bisogna tenere presente che non bisogna superare il dosaggio di 1,5 grammi al giorno perché questi acidi grassi vengono metabolizzati dal fegato con lo stesso meccanismo utilizzato per il metabolismo degli anticoagulanti. Il risultato può essere quello di potenziare o ridurre l’effetto dei farmaci. Particolare attenzione deve essere quindi posta dalle persone ultrasettantenni, visto che il 14% della popolazione di questa fascia d’età assume da cinque a dieci farmaci al giorno. È necessario, inoltre, porre grande cautela anche durante la gravidanza e in età pediatrica.

Quali sono gli integratori più utilizzati?
Sicuramente i probiotici, insieme ai multivitaminici che costituiscono il 23-24% dell’intero mercato degli integratori. I Probitotici, un tempo noti come fermenti lattici, una volta venivano utilizzati solo in concomitanza dell’utilizzo di antibiotici oppure per le coliche dei neonati, oggi vengono, invece, usati moltissimo perché è sempre più nota la loro ripercussione positiva sul buon funzionamento del sistema immunitario. Vengono così prescritti per il colon irritabile, per la cura della dermatite atopica, per la psoriasi,... L’importante però è farsi consigliare dallo specialista perché esistono probiotici ad hoc per ogni situazione.

Ma esistono davvero gli integratori antiaging?
No, esiste uno stile di vita antiaging che si basa principalmente su un’alimentazione corretta, ossia ricca di frutta e verdura e su un’adeguata e costante attività fisica. La pillola miracolosa che ci dona l’eterna giovinezza ovviamente non esiste. Ciò non toglie che alcuni integratori ricchi di antiossidanti, come vitamine o altre sostanze, possano essere d’aiuto in alcune situazioni. Ma anche qui, deve essere lo specialista a consigliare. Ancora una volta, bandite il “fai da te”.

Repubblica.it

12 commenti


nunzio51
il 24/03/16

Mai presi.

Se eccedo a tavola ... Compenso con l 'attività fisica! 


il 24/03/16

In riferimento al post di Francesco e nella parte riferita alla prescrizione di integratori da parte di medici specialisti, mi sono sempre chiesto come può un medico prescrivere qualcosa la cui valenza scientifica e quindi anche i benefici non sono certificati da studi che possano realmente provare la loro efficacia? Peraltro sono sempre molto costosi, per un ciclo di terapia con integratori, si arriva anche a pagare somme intorno ai 350/400 euro e sappiamo quanto sia debole una persona già sofferente, quindi credo ma questo è il mio modesto parere, che in una società opulenta come la nostra il prescrivere integratori piuttosto che farmaci, passatemi il termine, sia solo un "marchetta".


giupipino
il 26/03/16

Non condivido la sottovalutazione dell'importanza degli integratori per la salute.

Fornisco la mia esperienza personale. Ho 67 anni. Fino a otto mesi fa avevo valori di trigliceridi che si aggiravano su 400 (e anche oltre) e pressione massima di 150/160. Il mio medico curante attribuiva tali valori a un problema di tipo genetico e prescriveva l'uso di farmaci.

Io, dal momento che tali valori si associavano a molti altri valori sballati, come la glicemia (diagnosi di diabete da oltre 10 anni), la pressione e il colesterolo HDL, decidevo di cambiare medico e vita.

Inizio a fare un'ora di marcia al giorno.

Cambio dieta (assumendo molti vegetali, eliminando carne rossa, latte, formaggi e pasta) e assumendo integratori  (vitamine B,A,E,C, omega 3) e sali minerali.

Elimino gradualmente le medicine per il diabete, i trigliceridi, il colesterolo eccetera.

Ovviamente controllo quotidianamente i miei valori pressori e di glicemia.

Controllo il peso, l'indice di massa corporea e la circonferenza addominale.

Adesso, a distanza di otto mesi i miei trigliceridi si sono dimezzati. La glicemia si è normalizzata. La pressione è 140/76. Il colesterolo totale è 160.

Il peso è diminuito di 7 kg. La circonferenza addominale si è ridotta.

Ovviamente non è merito solo degli integratori, ma questi hanno avuto un grande ruolo nella diminuzione della pressione e del metabolismo dei grassi. A mio parere, anzi, l'effetto di vitamine e sali minerali (magnesio, manganese, zinco...) sulla salute non è ancora stato del tutto compreso e apprezzato per quello che merita.


il 29/03/16

Rispondo a Giupipino.

E' più che naturale che ognuno esponga le proprie esperienze e i benefici che da esse ne ha tratto ma non siamo tutti uguali. 
Quello che è valido per uno, potrebbe essere non valido per altri. Le mie considerazioni erano in merito al fatto che si vogliono far passare gli integratori come la panacea a tutti i mali ma così non è, naturalmente questo riguarda la mia esperienza. Per quanto riguarda una sana e corretta alimentazione e l'aggiunta di attività fisica, sono le regole che tutti i medici da un po di tempo consigliano sempre con più insistenza come linee guida per un corretto modo di vivere, visto che l'attuale società ci ha reso nevrotici e sedentari. Naturalmente molti degli elementi che hai menzionato sono reperibili in natura e possono essere assunti con frutta e verdura o nei pesci, piuttosto che nella carne ma visto l'impoverimento di questi prodotti, sempre più frutto della chimica che della natura, questi elementi non vengono assimilati al massimo e quindi va bene assumerli come aggiunta ad una dieta alimentare ad hoc. Però questi integratori , il più delle volte non hanno costi elevatissimi, mentre nel caso menzionato nel mio post, i costi erano elevatissimi e i benefici ridottissimi.

Peraltro io stesso soffro di ipertensione con danno d'organo e diabete tipo 2, ma per altra patologia cronica e rara devo fare uso dei farmaci, altrimenti non risolverei i miei problemi, fermo restando una corretta alimentazione e l'attività fisica. 


giupipino
il 29/03/16

Salute Carmine,

Come ho detto nel precedente intervento ho 67 anni e ciò, se si accompagna a qualche svantaggio (soprattutto diminuito metabolismo) ha, quasi sempre, un grandissimo vantaggio, ovvero l'acquisizione di una saggezza che è impensabile in gioventù. Tale saggezza mi porta al concetto che se provare una cosa non porta alcuno svantaggio, ma presenta solo possibili vantaggi, allora tanto vale provare. Adesso provare gli effetti sulla salute degli integratori alimentari ha un costo minimo. Ad esempio io prendo Multivitamine & minerali, Olio di pesce 1000, Aglio e biancospino, della Equilibra, per un costo di un euro al giorno circa.  Bene, da quando prendo tali integratori la mia pressione è passata da 160/80 a 136/76 e i miei trigliceridi si sono dimezzati.
Tu dici giustamente che quello che è valido per me potrebbe non valere per un altro. Ma quello di cui io mi lamento è che nessun medico mi ha mai prospettato la POSSIBILITA' di curare la mia ipertensione con l'uso degli integratori, anzi tutti insistevano ed insistono nel dire che l'uso di FARMACI è indispensabile.
Allo stesso modo nessun medico ammetteva ed ammette la possibilità che dal diabete si possa guarire. Mentre io sono la testimonianza vivente che questo è possibile. Che si può guarire dalla ipertrigliceridemia semplicemente eliminando, per quanto possibile, i carboidrati dalla dieta (niente pane, pasta o biscotti).
Insomma siamo lontani cento miglia dall'avere una medicina che intenda GUARIRE il paziente. Viceversa conviviamo con una medicina che CRONICIZZA i pazienti, perché fonte di lauti guadagni per tutti (medici, case farmaceutiche, cliniche...). E' tristissimo doverlo constatare, ma purtroppo è così.

Ti piacerà anche

L’alimentazione per guarire?

L’alimentazione per guarire?

Leggi l’articolo
Verso un benessere generale, Weight Watchers diventa « WW »

Verso un benessere generale, Weight Watchers diventa « WW »

Leggi l’articolo
Vitamine, minerali e integratori alimentari

Vitamine, minerali e integratori alimentari

Leggi l’articolo
Cozze e vongole in tavola? I consigli per consumarle senza correre rischi

Cozze e vongole in tavola? I consigli per consumarle senza correre rischi

Leggi l’articolo