«
»

Top

“Il tumore dell'ovaio è stato un invito a ripensare il mio modo di vivere”

27 lug 2020 • 1 commento

Nadine, membro della comunità Carenity Francia, è affetta da un tumore dell'ovaio che si è diffuso al fegato, al peritoneo (il rivestimento delle pareti interne dell'addome) e all'omento (la piega del peritoneo). Tuttavia, ha adottato un approccio filosofico di fronte alla malattia. Parla del suo percorso con il cancro e di come lo affronta quotidianamente.

“Il tumore dell'ovaio è stato un invito a ripensare il mio modo di vivere”

Buongiorno Nadine, sei affetta da un tumore dell'ovaio e hai voluto testimoniare.
Prima di tutto, potresti dirci qualcosa di più su di te (chi sei, cosa ti piace fare nella vita, la tua professione, la vita familiare...)?

Sto per compiere 60 anni. Mi piace: la vita in generale, le persone, la natura. Mi piace leggere, scrivere, imparare, scoprire e ampliare i miei orizzonti interni ed esterni. Animo i workshop sulla salute e la nutrizione e i circoli di guarigione del cuore. Mi piace andare a conferenze che trattano temi legati alla salute e allo sviluppo personale e spirituale.

Sono la madre di tre figli che sono i doni della mia vita! Mio figlio maggiore ha 38 anni, mia figlia ne compie 36. Il mio figlio più piccolo avrà presto 25 anni. Sono la nonna di tre nipoti. Sono fortunata ad avere un buon rapporto con i miei figli.

La mia carriera professionale è stata ricca e variegata. Mi ha portato a fornire supporto e coaching nell'integrazione personale e professionale. Ho anche creato un negozio di alimenti biologici con il mio coniuge perché siamo particolarmente appassionati di questo settore. 

Ho preso un BTS in Economia, Sociale e Famiglia all'età di 43 anni e ho continuato con servizi nel campo della formazione sanitaria (alimentazione sana ed equilibrata) e dello sviluppo personale.  Avendo competenze nel campo del teatro e dell'animazione dei laboratori di scrittura, ho utilizzato questi strumenti per promuovere l'espressione di sé e il parlare in pubblico.

Ho bisogno di innovare e odio la monotonia. Quando faccio il giro di un campo, sento il bisogno di rinnovarmi, mi piace trasmettere, allenarmi e guidare. 

Il linguaggio del corpo è diventato rapidamente la mia passione. Ho letto molti libri sulla psicosomatica e sul linguaggio del corpo che mi hanno permesso di accogliere il cancro con una vera curiosità e filosofia.

Come hai scoperto di avere un tumore dell'ovaio? Quali sono stati i primi sintomi?

In modo piuttosto curioso, guidata da una singolare intuizione, una visione insolita, che mi ha interrogata per più di una settimana. Dopo otto giorni di interrogatorio, ho messo meccanicamente le mani sul basso addome poco prima di andare a dormire e lì ho sentito un nodulo enorme sotto la mano, un nodulo così grande che mi sembrava di essere incinta di 4 o 5 mesi.

Così ho preso un appuntamento il giorno dopo con il mio medico perché sentivo che c'era qualcosa che non andava. 

Mi ha invitato a fare un'ecografia, che ha rivelato una grossa cisti sull'ovaia destra. Quest'ultima è stata operata qualche settimana dopo in laparoscopia. Ho anche fatto un'analisi del sangue per controllare il marcatore del cancro alle ovaie, il famoso CA 125* con un risultato negativo.

*Il livello di CA 125 è considerato normale se è inferiore a 35 U/mL. Il CA 125 aumenta al di fuori di qualsiasi condizione patologica durante le mestruazioni e durante la gravidanza.

L'analisi dei tessuti malati e delle parti operate dal chirurgo ha quindi portato alla luce la presenza di un tumore che migrava sul tubo dell'ovaia sinistra, mascherata dalla sua controparte: l'ovaia destra...

Sono stata molto fortunata ad avere una ciste di avvertimento... Segno che il corpo ha davvero un'intelligenza, quando c'è un disturbo da qualche parte, crea altre forme di equilibrio che generano per la loro anomalia qualche tipo di segnale! 

Dall'inizio dell'anno 2015, sono rimasta sorpresa di avere sempre più bisogno di urinare. Con una ciste operata a 23 cm di diametro, ho accolto l'operazione con vero sollievo, ma una parte di me sapeva che non sarebbe stato così semplice!  

Ci sono altri cancri nella tua famiglia?

Mio nonno paterno è morto a 74 anni dopo un tumore del colon. Sono stata seguita per questo fin dall'età di 22 anni, quando mi è stato rimosso un polipo intestinale grosso, secondo lui il più grande nella carriera di un chirurgo!

Sono stata sottoposta a un test genetico che ha dimostrato che il tumore dell'ovaio non è correlato alla genetica scientifica.

Quanto tempo ci è voluto per diagnosticare il tumore dell'ovaio? Quanti medici hai visitato?

Sono stata operata il 9 luglio 2015 e la diagnosi è stata confermata dalle biopsie il 27 luglio, 18 giorni dopo. Ho incontrato tre medici: il medico curante, il radiologo e il chirurgo.

Come l'annuncio del tumore è stato fatto?

Il mio medico, che avevo contattato al mattino per sapere se aveva i risultati della biopsia, mi ha richiamato in tarda mattinata con i risultati della biopsia.

Mentre lo sentivo in imbarazzo, gli ho detto che ero seduta e sapevo che era cancro, e lui ha confermato la mia intuizione con sollievo.

E come hai vissuto questo annuncio?

Senza sorpresa, visto il contesto! Un po' destabilizzata dall'idea della mia finitudine, ma dopo 5/6 giorni, ho deciso di non lasciarmi andare a questa idea. Mi sono resa conto che siamo mortali dal giorno in cui siamo nati. Alla fine, non cambia molto la mia storia e ho sentito fortemente la necessità di godermi la vita piuttosto che torturare la mia mente con una paura inutile.

Ho sentito il bisogno di stare da sola e sono andata al mare, a casa di mia zia, che mi ha prestato la sua casa. Ho sentito il bisogno di trovare me stessa e di isolarmi per riflettere sul significato di questa malattia nella mia vita.

Sei soddisfatta del tuo percorso di cura (consulti, diagnosi e trattamenti...) e delle informazioni ricevute sulla malattia?

Il mio medico curante è stato umano e confortante. Il chirurgo, invece, era davvero freddo e senza empatia.
Al secondo appuntamento prima della seconda operazione, mi ha detto che se tutto fosse andato bene con i campioni e le biopsie, avremmo chiuso la pratica e il capitolo!

Al terzo appuntamento: visita post-operatoria, mi ha detto che una commissione si era riunita e mi ha invitato a seguire una chemioterapia cosiddetta "preventiva".

Gli ho detto che avevo bisogno di pensarci, tanto più che non era affatto in linea con le informazioni che mi aveva dato in precedenza. 

Appena ho attraversato la soglia del suo ufficio, mi ha detto: "Ci vediamo lunedì per la chemio! "e la sua segretaria mi ha mandato subito un appuntamento per vedere un oncologo. Ho avuto una pessima esperienza con questo forcing e la mancanza di considerazione l'uno per l'altro. Nessuna preparazione psicologica da entrambe le parti.

Non mi sono presentata all'appuntamento perché sentivo che c'erano dei limiti alla prevenzione, soprattutto perché i campioni erano tutti sani. Ho anche consultato il mio medico curante, che era d'accordo con me.

Quali trattamenti e cure hai ricevuto?

Due interventi chirurgici, uno dei quali è chiamato preventivo con cure toraciche, isterectomia renale e rimozione dell'omento.

Questi trattamenti e cure per il tuo cancro hanno avuto gravi conseguenze? 

Sono stata rioperata il 22 agosto 2015 e sono tornata al lavoro il 4 gennaio, appena 4 mesi e mezzo dopo una seconda grande operazione, troppo presto considerando la stanchezza e la reale necessità del mio corpo di recuperare. 

Mi ci è voluto più di un anno per riacquistare un po' della mia vitalità, della flessibilità e della forza fisica per rialzarmi ogni tanto. Una pancia aperta dal pube allo stomaco non riacquista la sua tonicità in un anno!

Come ha influito sulla tua vita?

Alla fine: perdita del lavoro e impatto disastroso sulla mia vita intima, in particolare a causa del dolore fisiologico dovuto all'isterectomia e probabilmente anche a causa dei miei livelli ormonali.

Attualmente, sei in remissione?

 

Il tumore dell'ovaio iniziale si è diffuso al fegato, al peritoneo e all'omento. 

I tumori al fegato sono stati scoperti per la prima volta nel febbraio 2018 durante una visita ginecologica e un'analisi del sangue del CA 125. Questo indicatore era sempre stato negativo fino a quella data. Ho optato, all'epoca, per approcci alternativi e una dieta chetogenica (dieta a bassissimo contenuto di carboidrati compensata da un rinforzo lipidico) da febbraio 2019 a ottobre 2019: sono rimasta ostile alla radioterapia e alla chemioterapia, troppi morti intorno a me a causa del cancro e di trattamenti pesanti.
Poi, nell'ottobre 2019, ho avuto la ricorrenza di un ascesso su un diverticolo e l'inizio della cicatrizzazione dopo la laparotomia. Durante l'intervento, ho saputo che il tumore dell'ovaio iniziale si era diffuso al peritoneo, oltre che al fegato...

Così, dopo due mesi di riflessione necessari per i miei progressi, ho accettato la chemioterapia.

Come ti senti oggi?

Mi sento completamente bene mentalmente, in pace e fiduciosa per il futuro, la guarigione è un percorso, una via di evoluzione. Il mio obiettivo primario è vivere piacevolmente per favorire la guarigione, non mi interessano statistiche e verdetti di alcun tipo. Scelgo di affidarmi alla mia capacità di guarirmi con i mezzi a mia disposizione ma anche prendendo in mano la mia dieta, il mio stato d'animo, pratico il rilassamento e la meditazione.

Puoi dirci qualcosa di più sulla tua dieta?

La dieta chetogenica* è più favorevole alla cura del cancro ma il consumo di troppe verdure, soprattutto crude, mi ha generato due volte un ascesso su un diverticolo. Questo ascesso ha dovuto essere operato nell'ottobre 2019.  

La dieta è un fattore essenziale nel processo di guarigione, da sola costituisce una base primordiale e complementare ai trattamenti - tuttavia, a lungo, mi sono trovata di fronte ai limiti imposti dal mio intestino. Da allora ho quindi modificato la mia dieta, mangiando più verdure cotte per aiutare il mio intestino e per limitare le infiammazioni intestinali favorite da troppa cellulosa.

*La dieta chetogenica è una dieta in cui i lipidi (grassi) forniscono la maggior parte delle calorie (dal 70 all'80%, o addirittura il 90%) mentre i carboidrati (zuccheri) sono forniti in quantità minuscole (massimo 10% di calorie). Quando il corpo viene privato dei carboidrati in questo modo, i grassi diventano la sua principale fonte di energia (sia dai pasti che dalle riserve) e alcuni di essi si trasformano in chetoni, da cui il termine "chetogenico". I chetoni possono essere utilizzati come combustibile per vari organi, ma sono principalmente diretti verso il cervello.  

E come vedi il futuro?

Sono serena e fiduciosa, il mio intuito continua a guidarmi, ho nuovi progetti come testimoniare che sia possibile vivere con il cancro e possibile non essere presi nelle grinfie della paura. Ci sono modi per raggiungere la pace interiore, la disciplina, così come c'è un percorso di guarigione. Guarire è curare un tutto, un essere, uno stato d'animo. 

Sei affetta da altre patologie? 

I tumori del fegato, così come la carcinosi peritoneale e il tumore epiploide sono in realtà una sola e stessa patologia dovuta a disturbi metabolici, non posso dissociare le diverse parti malate del mio corpo.

Sei sostenuta dalla tua famiglia e dai tuoi amici?

Ho la fortuna di avere, attraverso le mie attività collaterali, una grande rete di amici e conoscenti premurosi e cordiali. Ho cercato regolarmente il supporto mentale di questa rete per facilitare il mio rapporto con la chemioterapia. I miei figli sono vicini e la mia famiglia e il mio coniuge sono stati un grande aiuto fisico nella gestione della casa quando ero al mio peggio tra novembre e dicembre 2019. 

Bisogna imparare ad amare se stessi, e sentire l'amore degli altri promuove questa auto-accettazione. Sentirsi amati e apprezzati dà forza e motivazione a vivere!

C'è stato, naturalmente, un passaggio un po' difficile durante il quale ho dubitato della mia capacità di superare tutte queste prove. E poi, finalmente, la fede, la vita e la mia curiosità mi hanno rimessa in piedi. Tutto questo non è un caso e qualcosa ne uscirà, ne sono convinta.

Parli molto della malattia?

Ne parliamo. Rispondo alle loro domande per chiarezza e per rassicurarli. Dico loro i risultati degli esami. Mostriamo affetto l'uno per l'altro e poi andiamo avanti. È importante che la vita non ruoti intorno alla malattia, anche se ci limita un po', non ci definisce. 

Pensi che lo screening regolare per il tumore dell'ovaio debba essere pianificato allo stesso modo del tumore del seno?

Lo screening è un punto importante. Sarebbe anche interessante comunicare i segnali di allarme precoce dei tumori più comuni. Per aver lavorato con le associazioni di prevenzione del cancro (ADECASO), spesso si parla di cancro al seno e al colon, gli altri sono più trascurati.

Infine, cosa vorresti consigliare ai membri affetti da tumore dell'ovaio?

La prima cosa che direi loro è: "Non abbiate paura!". La malattia non è qui per uccidervi. È, al contrario, un invito ad essere curati. È una profonda richiesta di aiuto da parte del vostro organismo, dal vostro ESSERE, un invito a rivedere il vostro modo di vivere o di vivere male. È un invito a prendere il controllo di se stessi. Dovete imparare a diventare la vostra PRIORITÀ!

Non siate imbarazzati all'idea di chiedere aiuto. Il giorno in cui siete nati, una levatrice era lì per aiutarvi a venire al mondo. Bene ora, guardatevi intorno per trovare persone che vi aiuteranno a rinascere questa volta con fiducia e dolcezza.                                                        

Inoltre, se non andate d'accordo con il vostro oncologo, cambiatelo, è importante! La vostra guarigione dipende dalla vostra collaborazione. È importante camminare mano nella mano, e poi si ha il diritto di prendere iniziative per se stessi, ci sono terapie complementari.  Questa è un'opportunità per aprirsi a ciò che è nuovo e che parlerà alla propria intuizione. Abbiate fiducia in voi stessi. Amatevi voi stessi. e sii l'amante migliore per te stesso!                                                    

Grazie Mille a Nadine per aver accettato di testimoniare su Carenity.
E voi, qual è il vostro atteggiamento nei confronti della malattia?

Non esitate a parlarne nei commenti, siamo qui per sostenerci!

Forza a tutte e tutti!

avatar Candice Salomé

Autore: Candice Salomé, Community Manager Francia

Candice Salomé è Community Manager Francia di Carenity. Si occupa anche della redazione di articoli per la Rivista Salute. È responsabile del fidanzamento dei membri sulla piattaforma francese di... >> Per saperne di più

Commenti

Sissi8
il 03/08/20

Un bellissimo articolo che dà molta fiducia e speranza mette ottimismo e allegria. Grazie!

Ti piacerà anche

Scoprite come lo yoga può migliorare la vita dei pazienti affetti da malattie croniche

Scoprite come lo yoga può migliorare la vita dei pazienti affetti da malattie croniche

Leggi l’articolo
Cos'è la terapia ormonale?

Cos'è la terapia ormonale?

Leggi l’articolo
Dove buttare via i farmaci scaduti o non utilizzati? E come riciclarli?

Dove buttare via i farmaci scaduti o non utilizzati? E come riciclarli?

Leggi l’articolo