«
»

Top

Bari: un gruppo di ricerca scopre una nuova terapia per il diabete

Pubblicata il 19 giu 2018

Bari: un gruppo di ricerca scopre una nuova terapia per il diabete

Un nuovo farmaco per la terapia del diabete mellito di tipo 2 potrebbe essere disponibile grazie al Brevetto concesso all’Università degli Studi di Bari Aldo Moroper “l’impiego farmacologico di una miochina capace di preservare la funzione e la massa delle cellule pancreatiche in condizioni dismetaboliche”.

Il Gruppo di ricerca di Endocrinologia del Dipartimento dell’Emergenza e dei Trapianti di Organi, coordinato dal Prof. Francesco Giorgino, grazie agli esperimenti effettuati dalla prof.ssa Annalisa Natalicchioe dal dottor Nicola Marrano, ha brevettato l’impiego dell’irisina, un ormone rilasciato dal muscolo, per migliorare la funzione e la vitalità delle cellule beta-pancreatiche, il cui cattivo funzionamento è causa del diabete mellito.

Il Gruppo barese ha dimostrato per la prima volta che l’irisina ha la capacità di proteggere le cellule beta dai danni causati da un eccesso di grassi e di stimolare la produzione e la secrezione di insulina, ormone prezioso per controllare i livelli di glucosio nel sangue. La somministrazione di irisina nei topi ha inoltre determinato un aumento del numero delle cellule beta e un miglioramento della loro funzione.

In Italia 4 milioni di persone sono affette da diabete, e queste cifre sono destinate a crescere. In questo scenario, la scoperta di una nuova terapia farmacologica è di estrema importanza, soprattutto perché, proteggendo le cellule beta-pancreatiche, potrebbe rallentare la progressione della malattia nel tempo. Prossimo obiettivo del Gruppo di ricerca del prof. Giorgino è trasferire gli studi sull’uomo. A sostegno di queste ricerche, è previsto anche un finanziamento da parte della Regione Puglia, che ha seguito con grande attenzione il Progetto.

13 commenti


augusto.sabatini
il 06/08/18

Vorrei sapere se l'Irisina è utile nei soggetti affetti da iperfunzione delle Paratiroidi.


Baptiste • Animatore della community
il 07/08/18

Grazie della domanda @augusto.sabatini‍. Qualcuno può aiutare il nostro membro? Grazie in anticipo 


EUREKA • Membro Ambasciatore
il 11/08/18

ciao @augusto.sabatini‍ , non penso anche perchè è in fase di sperimentazione e ci varranno anni  come di consueto, la medicina ha tempi lunghissimi .Per il tuo caso fanno la  scintigrafia delle paratiroidi , sono  più rilevazioni nel corso di una mattinata.   Al paziente viene somministrato per via endovenosa un radiofarmaco che in Teoria cercano o vedono sè c'è un eventuale adenoma paratiroideo. Ora non sò s è il tuo caso ,dipende a che stadio sei.  è il classico Esame per Paratiroidi.

By Eureka!


augusto.sabatini
il 11/08/18

Ho fatto due scintigrafie a distanza di circa un anno l'una dall'altra,ma le Paratiroidi non captano.Dovrò fare la PET,se l'ospedale verrà rifornito del mezzo di contrasto.Comunque tra il sole d'estate e l'aggiunta di vitD,i valori del PTH ,del calcio e del fosforo si sono normalizzati.


EUREKA • Membro Ambasciatore
il 12/08/18

@augusto.sabatini‍ , ok sento dalla tua che è già un buon inizio,  Tu pensa che c'è chi dice che il sole fa' male , certo devono vendere i prodotti di protezione altrimenti non ci sarebbe il business!  

Grazie ...tienici informati, così facendo altri potranno beneficiare delle tue info! 

By Eureka!

Ti piacerà anche

Diabete di tipo 2: conoscere meglio la Metformina

Diabete tipo 2

Diabete di tipo 2: conoscere meglio la Metformina

Leggi l’articolo
Diabete: Discriminazione, vita professionale, dispositivi...cosa vogliono veramente i pazienti?

Diabete tipo 2

Diabete: Discriminazione, vita professionale, dispositivi...cosa vogliono veramente i pazienti?

Leggi l’articolo
Diabete di tipo 2, efficacia della terapia combinata exenatide più dapagliflozin si mantiene anche nel lungo periodo

Diabete tipo 2

Diabete di tipo 2, efficacia della terapia combinata exenatide più dapagliflozin si mantiene anche nel lungo periodo

Leggi l’articolo
Diabete tipo 2, resistenza all'insulina marcatore di risposta agli inibitori della DPP-4

Diabete tipo 2

Diabete tipo 2, resistenza all'insulina marcatore di risposta agli inibitori della DPP-4

Leggi l’articolo

Discussioni più commentate

Scheda malattia