«
»

Top

Come progredisce la poliartrite reumatoide e quali sono i suoi trattamenti?

Pubblicata il 8 giu 2021 • Da Candice Salomé

Secondo l'ISS, la poliartrite reumatoide colpisce circa 400 000 individui, cioè l'1% della popolazione italiana. La poliartrite reumatoide è una grave malattia infiammatoria cronica che colpisce le articolazioni. Le articolazioni vengono gradualmente distrutte, portando alla disabilità a lungo termine. I trattamenti possono ridurre la progressione della malattia riducendo notevolmente i sintomi.

Ma quali sono i sintomi della poliartrite reumatoide? Come progredisce la malattia? Quali sono i trattamenti per la poliartrite reumatoide e come funzionano? Qual è lo stato della ricerca?

Vi diciamo tutto nel nostro articolo!

Come progredisce la poliartrite reumatoide e quali sono i suoi trattamenti?

Quali sono i primi sintomi della poliartrite reumatoide?

La poliartrite reumatoide inizia spesso con rigidità delle articolazioni (polsi, mani, dita). I pazienti si svegliano alla fine della notte con dolore alle articolazioni e, quando si svegliano, sentono intorpidimento e rigidità in queste articolazioni per diverse decine di minuti.

Le seguenti condizioni devono essere soddisfatte affinché la poliartrite reumatoide sia considerata una malattia:

  • I sintomi descritti sopra sono durati per almeno 6 settimane,
  • Ci sono almeno 3 articolazioni dolorose nei polsi, nelle mani e nelle dita,
  • Le articolazioni dolorose sono simmetriche, cioè il dolore si sente nella stessa articolazione a destra e a sinistra,
  • La pressione delle articolazioni dell'avampiede è dolorosa.

Se tutte queste condizioni sono soddisfatte, si può sospettare una poliartrite reumatoide. È quindi necessario consultare rapidamente il medico per poter fare la diagnosi.

Come progredisce la poliartrite reumatoide?

La poliartrite reumatoide progredisce sotto forma di flare-up alternati a periodi di remissione. Ogni fare-up è accompagnato da una grave stanchezza. Durante i periodi di remissione, il dolore si riduce e può anche scomparire.

Se non trattata, la poliartrite reumatoide si diffonde progressivamente ad altre articolazioni: spalla, ginocchio, anca, gomito, colonna vertebrale nel collo, ecc.

Con il progredire della malattia, le articolazioni si deformano:

  • Le dita tendono a deviare di lato e a ripiegarsi su se stesse.
  • Nella maggior parte dei casi (90%), i piedi sono colpiti e la deambulazione è compromessa.
  • I gomiti rimangono piegati.

Dopo diversi anni, lo sviluppo della poliartrite reumatoide non trattata può anche portare alla distruzione dei tendini. La chirurgia ortopedica diventa necessaria per riparare e spesso sostituire un'articolazione con una protesi.

Come viene diagnosticata la poliartrite reumatoide?

La diagnosi precoce della poliartrite reumatoide permette ai trattamenti di essere più efficaci. Pertanto, non appena appare il dolore o il gonfiore alle articolazioni, è essenziale consultare rapidamente un medico. Il medico cercherà altri disturbi alle articolazioni, problemi alla colonna vertebrale, disturbi alla pelle (come la psoriasi), disturbi alle mucose o disturbi agli organi interni come l'apparato digerente.

La diagnosi si basa su :

  • Un interrogatorio e un esame clinico.
  • Esami di imaging medico come le radiografie della mano e dei piedi, delle articolazioni dolorose e anche della colonna vertebrale. Può anche essere eseguita una risonanza magnetica o un'ecografia.
  • Test biologici: misurazione dei marcatori di infiammazione - VES e CRP - e la presenza di autoanticorpi ACPA, così come un altro marcatore autoimmune chiamato fattori reumatoidi.

Come si cura la poliartrite reumatoide?

Ci sono tre punti essenziali nel trattamento della poliartrite reumatoide:

  • Trattamento del dolore,
  • Trattamento dell'infiammazione,
  • e il trattamento del disordine immunitario.

Trattamento del dolore (trattamento della crisi)

È essenziale trattare il dolore, che è uno dei sintomi principali della poliartrite reumatoide. L'antidolorifico più comunemente prescritto è il paracetamolo. I FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei) come ketoprofene, ibuprofene o diclofenac possono essere usati in alternativa.

Alcuni antidolorifici più forti possono essere prescritti ma, poiché questi hanno alcuni effetti collaterali, è importante valutare gli svantaggi prima di prescriverli.

Il dialogo paziente-medico è essenziale per identificare la soglia accettabile del dolore residuo.

Trattamento dell'infiammazione (trattamento delle crisi)

I corticosteroidi (della famiglia dei cortisoni) sono spesso prescritti per ridurre l'infiammazione. In basse dosi, sono prescritti nei primi mesi della malattia per alleviare i sintomi rapidamente ed efficacemente (più efficacemente dei FANS). Possono anche rallentare la progressione della malattia. Per i trattamenti con corticosteroidi che durano più di tre mesi, c'è un rischio maggiore di sviluppare l'osteoporosi. La densità ossea viene monitorata e, se necessario, viene prescritto un trattamento specifico con bifosfonati, calcio e vitamina D.

Trattamento del disordine immunitario (trattamento di fondo)

La somministrazione di un immunosoppressore è necessaria, in prima istanza, per ridurre la progressione della poliartrite reumatoide. Questo è il metotrexato, preso settimanalmente in assenza di controindicazioni come la gravidanza. La risposta massima si ottiene di solito entro i primi sei mesi, con un miglioramento dei sintomi, della mobilità articolare e della qualità della vita.

Una volta iniziato il trattamento, viene istituito un monitoraggio per garantire che i vari trattamenti siano ben tollerati ed efficaci.

Per valutare l'efficacia dei trattamenti, si utilizza un criterio numerico: il DAS28.

>> Per calcolare il vostro punteggio DAS28, potete andare qui <<

Il DAS28 è un indice composito dell'attività della poliartrite reumatoide che combina più parametri (numero di articolazioni dolorose, numero di articolazioni gonfie, valutazione numerica del dolore, ecc) in una singola misura con interpretazione standardizzata.

Trattamenti mirati

Quando la poliartrite reumatoide è attiva e la distruzione articolare sta progredendo, e se gli effetti desiderati non sono raggiunti con il metotrexato, devono essere prescritte terapie mirate. Questi trattamenti mirano ciascuno a un attore specifico del processo infiammatorio. Sono usati in aggiunta al metotrexato.

In ¾ dei casi, portano a una risposta favorevole e a una remissione prolungata in ¼ dei casi.

>> Per saperne di più sui trattamenti della poliartrite reumatoide, cliccate qui <<

Dov'è sta la ricerca?

La ricerca per sviluppare un nuovo trattamento per la PR è molto attiva con l'identificazione di molti potenziali obiettivi. 

Per saperne di più, guardate questo breve video (in francese):



Questo articolo vi è stato utile?

Non esitate a condividere la vostra opinione e le vostre domande nei commenti qui di seguito!

Forza a tutte e tutti!

avatar Candice Salomé

Autore: Candice Salomé, Redattrice di Salute

Creatrice di contenuti presso Carenity, Candice è specializzata nella scrittura di articoli sulla salute. Ha un interesse particolare nei campi della psicologia, del benessere e dello sport. 

Candice ha... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Vedi la testimonianza
Poliartrite reumatoide e coronavirus

Poliartrite reumatoide

Poliartrite reumatoide e coronavirus

Leggi l’articolo
Plaquenil come trattamento per il COVID-19: Quali sono le conseguenze per i pazienti cronici?

Poliartrite reumatoide

Plaquenil come trattamento per il COVID-19: Quali sono le conseguenze per i pazienti cronici?

Leggi l’articolo
Testimonianza foto: continuare a sperare nonostante la poliartrite reumatoide deformante

Poliartrite reumatoide

Testimonianza foto: continuare a sperare nonostante la poliartrite reumatoide deformante

Leggi l’articolo

Scheda malattia