«
»

Top

Coronavirus e malattie croniche

19 mar 2020 • 5 commenti

Di fronte all'attuale epidemia di SARS-Cov2 (coronavirus) è importante ricordare che i pazienti affetti da malattie croniche o tumori e le persone di età superiore ai 70 anni sono maggiormente a rischio di sviluppare una forma grave di infezione. L'Istituto Superiore di Sanità (ISS) ha emesso raccomandazioni specifiche per questi pazienti.

Coronavirus e malattie croniche

Quali sono le malattie croniche più a rischio?

Secondo l'ISS, il rischio di sviluppare una forma grave di infezione da SARS-Cov2 è maggiore se:

- Avete precedenti cardiovascolari come ipertensione arteriosa complicata, una storia di ictus o di malattia coronarica, chirurgia cardiaca, o ancora insufficienza cardiaca stadio NYHA III o IV.   
- Avete un diabete sbilanciato insulino-dipendente o complicazioni del diabete. L'aumento incontrollato della glicemia a causa del diabete può danneggiare il sistema immunitario, che avrà difficoltà a difendere il vostro corpo contro le malattie infettive e le loro complicazioni. Le infezioni possono anche causare l'alterazione della vostra glicemia e/o causare alcune delle complicazioni del diabete, che avete già.
- Soffrite di una condizione respiratoria cronica come la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) o l'asma. Un'infezione virale come COVID-19 può causare lo scompenso di malattie respiratorie esistenti.  Infatti, l'asma come la BPCO colpiscono le vie polmonari, che sono quindi più vulnerabili di fronte a un virus che causa complicazioni respiratorie.
- Avete un'insufficienza renale cronica e siete in dialisi. Il rischio può essere spiegato, come per tutte le patologie croniche, dalla fragilità e dall'indebolimento del sistema immunitario.
- Avete un cancro e siete in cura. Molti trattamenti antitumorali possono abbassare le vostre difese immunitarie e renderbi più vulnerabili di fronte alle infezioni.
- Siete affetti/e da una malattia autoimmune o autoinfiammatoria, come la sclerosi multipla, l'artrite reumatoide, il lupus eritematoso sistemico, la vasculite o le miopatie infiammatorie. Il rischio principale di complicazioni deriva dalla possibile alterazione del sistema immunitario, dovuta alle complicazioni della patologia o ai trattamenti immunosoppressivi e corticosteroidi. Tuttavia, è molto importante seguire le raccomandazioni relative alle vostre terapie, non interromperle volontariamente e parlare prima con il vostro medico (vedere le raccomandazioni qui sotto).
- Soffrite di cirrosi allo stadio B o C della classificazione di Child-Pugh.
- Siete morbosamente obesi (IMC > 40 kg/m²). Il rischio è stato considerato sulla base dell'analisi dei dati disponibili per altre infezioni respiratorie come l'influenza A(H1N1)09.

Quali altre persone sono fragili?

  • I pazienti di età superiore ai 70 anni. Con l'aumentare dell'età, il sistema immunitario si indebolisce e non è in grado di combattere adeguatamente un'infezione come il COVID-19.
  • I pazienti fragili e immunodepreessi. Che si tratta di immunodepressione congenita o acquisita, è necessario prestare attenzione ai sintomi.
  1. Immunodepressione congenita (carenza di elementi della risposta immunitaria presente fin dalla nascita)
  2. Immunodepressione acquisita, cioè secondaria a:
    - farmaci: chemioterapie oncologiche, farmaci immunosoppressivi, bioterapie, terapia corticosteroide immunosoppressiva
    - un'infezione da HIV incontrollata o con un livello di linfociti T CD4 < 200/mm3
    - un trapianto di organi solidi o di cellule staminali ematopoietiche. Per informazione in Francia), i responsabili delle squadre francesi di trapianto e dell'Agenzia di biomedicina hanno deciso, lunedì 16 marzo, di sospendere le attività di raccolta e trapianto di organi a causa della crisi del coronavirus. Il rischio per il ricevente è infatti molto elevato se il donatore è contaminato dall SARS-Cov2. Inoltre, l'attuale sovraccarico dei reparti di terapia intensiva non consente una gestione ottimale dei donatori deceduti e dei pazienti trapiantati. 
    - un'emopatia maligna durante il trattamento
  • Le donne incinte a partire dal terzo trimestre. Per maggiori informazioni, vi invitiamo a consultare le raccomandazioni del Ministero della Salute (FAQ Gravidanza) e il sito dell'ISS.

Il vostro medico vi ha prescritto degli antinfiammatori non steroidei (FANS): cosa si deve fare?

Il trattamento della febbre mal tollerata o del dolore nel contesto del COVID-19 si basa sul paracetamolo (Doliprane, Efferalgan...), senza superare la dose di 3 g/giorno. I FANS (ibuprofene, Voltarene, Bi-profenid, ketoprofene, Profenid...) disponibili a libero servizio, senza prescrizione medica, dovrebbero essere vietati per alleviare i sintomi di COVID-19.
Tuttavia, se il medico vi ha prescritto dei FANS per la sua condizione cronica, dovete continuare il trattamento. Se riscontrate sintomi di infezione, dovete contattare il medico per telefono o per tele-consultazione prima di cambiare il trattamento.

Siete sotto trattamento immunosoppressivo, bioterapia o corticosteroidi: qual è la procedura da seguire in caso di sintomi?

- Se siete affetti da una malattia autoimmune o autoinfiammatoria sotto trattamento immunosoppressivo, bioterapia o terapia corticosteroide, il canale specializzato FAI²R raccomanda alcune misure specifiche oltre alle raccomandazioni generali come:

  • Non interrompere sistematicamente i trattamenti immunosoppressivi e le bioterapie, tranne in caso di segni di infezione (febbre, tosse, difficoltà respiratorie, dolori, ecc.) e solo su consiglio del medico di riferimento che vi segue per la vostra patologia o del vostro medico di famiglia;
  • Non interrompere la sua terapia di corticosteroidi senza il parere del medico.

- Se avete sviluppato un cancro, la Lega contro il Cancro raccomanda di:

  • di non interrompere il trattamento senza il consiglio del medico, di continuare la cura a domicilio limitando le uscite e le visite, o di continuare il trattamento presso il centro di cura sulla base delle raccomandazioni del team medico.
  • se seguite cure post-cancro, dovete seguire scrupolosamente le raccomandazioni generali e contattare il vostro medico se avete domande sui vostri trattamenti.
  • se seguite cure di supporto post-cancro, soprattutto nei centri, è preferibile un'interruzione temporanea nei focolai epidemici attivi, e se riscontrate sintomi di infezione, non visitate i locali, ma dovete contattare il proprio medico.

Come potete verificare se i vostri trattamenti possono comportare un potenziale rischio di peggioramento dei vostri sintomi?

Se avete domande sul vostro trattamento per il COVID-19, potete saperne di più utilizzando il seguente sito: https://www.epicentro.iss.it/coronavirus/

Il mio medico mi ha vaccinato contro l'influenza, il pneumococco, ecc. Sono protetto/a?

I vaccini influenzali e i vaccini pneumococcici, così come altri vaccini specifici, non proteggono dall'infezione da coronavirus. Attualmente non esiste un vaccino per la protezione contro il SARS-Cov2 (coronavirus).

Quando e come contattare il suo medico?

Secondo il Ministero della salute, la linea di condotta appropriata è la seguente : 

  • Se presentate febbre, tosse o difficoltà respiratorie e sospettate di essere stati in stretto contatto con una persona affetta da malattia respiratoria Covid-19: Rimanete in casa, non recarvi al pronto soccorso o presso gli studi medici ma chiamate al telefono il vostro medico di famiglia, il vostro pediatra o la guardia medica.

  • Oppure chiamate il numero verde regionale. Utilizzate i numeri di emergenza 112/118 soltanto se strettamente necessario.

Come rinnovare la prescrizione medica?

Sul territorio sono disponibili:

  • Il servizio di consegna dei farmaci a domicilio: potete contattare il numero verde 800 06 55 10 (attivo h24, 7 giorni su 7), che a sua volta contatta il comitato della Croce rossa più vicino. I volontari, riconoscibili in uniforme, ritirano la ricetta presso lo studio medico o acquisiscono il numero NRE e il codice fiscale del destinatario e si recano in farmacia. I medicinali vengono poi consegnati in busta chiusa all’utente, che provvede a corrispondere l’eventuale costo del medicinale anticipato al farmacista dai volontari. Il servizio è completamente gratuito. Attraverso la consegna a domicilio è inoltre possibile richiedere lo scontrino fiscale da utilizzare per le detrazioni fiscali.
  • Il servizio di spesa a domicilio: a favore degli anziani soli e delle persone immunodepresse. È sufficiente anche in questo caso contattare il numero verde 800 06 55 10.
  • Gli operatori rispondono anche per informazioni sui comportamenti corretti da rispettare e l’iter da seguire in caso di contatto stretto con soggetti positivi. Le richieste prevedono l’intervento dei medici per una prima assistenza telefonica e per l’attivazione delle strutture ospedaliere. È disponibile un servizio di supporto psicologico per affrontare le emozioni durante il momento difficile di questa emergenza.

Numero di pubblica utilità 1500 - Rispondono dirigenti sanitari e mediatori culturali H 24 dalla Sala operativa del Ministero della Salute.

 

avatar Camille Dauvergne

Autore: Camille Dauvergne, Junior Community Manager Francia

Camille Dauvergne è attualmente Community Manager Junior in Carenity. Assiste il Community Manager Francia nell'animazione della piattaforma, facilitando la navigazione dei membri e promuovendo le loro... >> Per saperne di più

Commenti

il 20/03/20

Grazie per le informazioni che ci date,anche se ormai siamo aggiornati dai media,qui ho trovato degli approfondimenti molto utili!

il 21/03/20

Prego @pseudonimo nascosto‍! Grazie per il tuo contributo molto gentile. Siamo qui per aiutare i nostri membri 

il 23/03/20

vorrei sapere quali sono gli aggiornamenti sui farmaci utili a combattere la malattia usati in Cina e Giappone

il 26/03/20

Quindi una ipertensione controllata normalmente dai farmaci (140-85) e un diabete non insulinodipendente ma curato con una sola pastiglia di metformina 850 al dì non costituiscono di per sè fattori di rischio grave? (età 66)

il 07/04/20

Vorrei sottoporre un problema...se una persona con sm si trova in una casa di riposo (ha però 47anni) e deve fare la terapia di Tysabry , possono i proprietari della struttura rifiutarsi di accompagnarlo all' ospedale dove deve farlo? Ci sono alternative? La persona è ora scoperta con il farmaco....grazie

Ti piacerà anche

Coronavirus e ipertensione arteriosa

Ipertensione arteriosa

Coronavirus e ipertensione arteriosa

Leggi l’articolo
Coronavirus e cancro

Coronavirus e cancro

Leggi l’articolo
Coronavirus e gesti barriera: quali precauzioni devono essere prese?

Coronavirus e gesti barriera: quali precauzioni devono essere prese?

Leggi l’articolo
Il distanziamento sociale: come funziona?

Il distanziamento sociale: come funziona?

Leggi l’articolo