«
»

Top

Mieloma multiplo: quale follow-up dopo il trattamento?

Pubblicata il 13 dic 2021 • Da Claudia Lima

Il mieloma multiplo, noto anche come malattia di Kahler, è un cancro che si sviluppa nel midollo osseo. Di causa sconosciuta, il mieloma multiplo è più frequentemente visto negli anziani. I trattamenti attuali non forniscono una cura. Come si vive con il mieloma multiplo? Come viene monitorata la malattia? 

Se volete delle risposte, leggete il nostro articolo! 

Mieloma multiplo: quale follow-up dopo il trattamento?

In Francia, nel 2018, il numero stimato di nuovi casi di mieloma multiplo era di circa 5.400. Questo rappresenta il 10-12% dei tumori del sangue. Questo cancro è caratterizzato dalla moltiplicazione anormale di plasmacellule (globuli bianchi) nel midollo osseo. L'eccesso di plasmacellule altera l'equilibrio del rinnovamento osseo, rendendo l'osso fragile e portando a fratture. 

>> Per saperne di più sul mieloma multiplo, i suoi sintomi, la diagnosi e il trattamento, leggete il nostro articolo qui << 

Come viene trattato il mieloma multiplo?  

Alcuni pazienti asintomatici non hanno bisogno di trattamento ma solo di supervisione medica. Non dovrebbero essere trattati. 

D'altra parte, se i sintomi sono presenti, il trattamento include la chemioterapia, eventualmente integrata o combinata con un trapianto autologo di cellule staminali. Questi trapianti sono possibili per i pazienti di età inferiore ai 65 anni. 

Per alleviare i sintomi e le frequenti complicazioni, alcune delle quali richiedono un trattamento urgente, viene prescritto un trattamento farmacologico con analgesici, antibiotici, bifosfonati ma anche trasfusioni e/o radioterapia. L'obiettivo è quello di alleviare il dolore, prevenire le infezioni, trattare o prevenire l'anemia e proteggere l'osso. 

L'approccio terapeutico è multidisciplinare, la cura del paziente è personalizzata e concordata. A volte viene proposta la partecipazione a uno studio clinico

Nel corso del trattamento, il paziente è sostenuto nell'acquisizione di abilità di autocura, nella prevenzione di complicazioni evitabili e nel miglioramento o mantenimento del suo stato di salute, così come della sua qualità di vita e di quella della sua famiglia. Questa è l'ETP, o educazione terapeutica del paziente

Numerosi consigli sono dati dai medici, come: bere regolarmente per evitare la disidratazione, segnalare la propria malattia prima di ogni test di imaging che richiede l'iniezione di prodotti di contrasto iodati, evitare di consultare osteopati o chiropratici senza il parere del medico, evitare sport rischiosi, evitare di portare carichi pesanti, adattare la propria dieta se si assume cortisone, indossare calze di sostegno, avere una buona igiene orale, non assumere FANS, ecc. 

Ad oggi, anche se i trattamenti possono rallentare la progressione della malattia e alleviare i sintomi, il mieloma multiplo rimane una malattia incurabile. Infatti, con ritardi variabili a seconda del paziente, il cancro alla fine riappare, richiedendo l'introduzione di un nuovo trattamento. 

Ma come si può prevenire una ricaduta della malattia? 

Quale follow-up è necessario dopo il trattamento del mieloma multiplo? 

Il mieloma multiplo è una malattia che tende a diventare cronica, con ricadute regolari. Ogni ricaduta richiede un trattamento nuovo e appropriato. Ecco perché questa malattia richiede uno stretto monitoraggio medico che dura tutta la vita

Gli obiettivi del follow-up della malattia sono di rilevare gli effetti indesiderati legati al trattamento, di organizzare le cure di sostegno necessarie, di rilevare le recidive del cancro, di assicurare la qualità della vita e di facilitare la reintegrazione professionale dei pazienti in attività. 

Consultazioni di follow-up per il mieloma multiplo

I pazienti con mieloma multiplo che hanno già ricevuto il trattamento e sono in remissione sono invitati a regolari visite di controllo. La frequenza varia a seconda dello stadio della malattia, con visite frequenti all'inizio e poi ogni 3-6 mesi. 

Queste consultazioni si basano su un esame clinico e su esami complementari che consistono in un esame del sangue (emogramma, calcemia, funzione renale, ecc....), un esame delle urine e un controllo delle radiografie scheletriche recenti. Le vaccinazioni contro l'influenza e lo pneumococco devono essere aggiornate. 

Per un paziente asintomatico, si tratta di sorveglianza e non di follow-up dopo il trattamento.  

Prevenzione e screening per un secondo cancro

Dopo il mieloma multiplo, c'è un piccolo ma significativo rischio di sviluppare altri tumori come la leucemia acuta o il cancro della pelle. 

Pertanto, come parte del programma nazionale di screening organizzato del cancro, si raccomanda ai pazienti di età compresa tra 50 e 74 anni di sottoporsi allo screening del cancro del colon ogni 2 anni. Le donne di 50-74 anni dovrebbero anche fare una mammografia di controllo ogni 2 anni. 

Assistenza medica completa

Il mieloma multiplo, poiché colpisce diversi organi, genera complicazioni come dolore, insufficienza renale, disturbi ematologici ed eventi trombo-embolici, che possono interagire con le comorbidità esistenti del paziente. Inoltre, i trattamenti portano a effetti collaterali, specialmente la somministrazione di Thalidomide® con rischi di trombosi, neuropatia, reazioni cutanee, bradicardia e sincope tra gli altri. 

Sostegno psicologico

Lo stato emotivo del paziente e della sua famiglia è fortemente influenzato dall'annuncio di un cancro. Nel caso del mieloma multiplo, il paziente asintomatico può essere soggetto ad ansia a causa dell'intervallo più lungo tra le visite di follow-up. Per i pazienti che sono già stati trattati, una delle più grandi paure è la ricaduta, che è una vera paura e angoscia per loro. Per questo, il supporto psicologico è inestimabile. 

Monitoraggio igienico e dietetico

Per aiutare a superare gli effetti collaterali tardivi del trattamento e l'impatto psicologico della malattia, ai pazienti può essere prescritto un programma specifico chiamato APA (attività fisica adattata). Permette loro di migliorare l'efficacia della terapia, ridurre la fatica e i disturbi del sonno, aumentare la concentrazione e anche mantenere il peso e la massa muscolare per rispondere meglio al trattamento. 

Segni di ricaduta del mieloma multiplo 

Il minimo segno di complicazioni legate a una ripresa o a un effetto collaterale del trattamento deve essere rilevato. La ripresa della malattia viene evocata se : 

1/ C'è un aumento o una ricomparsa di un picco monoclonale, cioè la presenza di una cosiddetta immunoglobulina monoclonale nel siero, che può suggerire una proliferazione maligna delle plasmacellule e/o 

2/ C'è una ricomparsa di sintomi biologici (criteri CRAB) e clinici. I sintomi di avvertimento clinico più comuni sono:

  • Dolore alle ossa o alla schiena, 
  • Perdita di sensibilità nei piedi o nelle mani, 
  • Problemi di mobilità, 
  • Picchi inspiegabili di febbre, 
  • Nausea o vomito, 
  • Emissione di urina anormalmente bassa o alta, 
  • Affaticamento e/o mancanza di respiro, 
  • Lividi o emorragie. 

I pazienti interessati devono consultare senza indugio e saranno indirizzati a un team specializzato. 

Il mieloma multiplo è una malattia che può essere trattata più volte

In Francia è stato creato un sistema per i malati di cancro. Si tratta del Personalised Care Programme, che è progettato per sostenere lo sviluppo di un percorso personalizzato del paziente durante e dopo la fase acuta della malattia. Al fine di fornire il miglior supporto possibile ai pazienti affetti da mieloma multiplo, a ciascuno di essi viene consegnata una guida: la gestione del mieloma multiplo; per aiutarli a comprendere la loro malattia, il loro trattamento e per facilitare il dialogo con il team medico.

Vi è piaciuto questo articolo?  

Cliccate su "mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto! 

Forza a tutte e tutti!


3
avatar Claudia Lima

Autore: Claudia Lima, Redattrice di Salute

Claudia Lima è una creatrice di contenuti presso Carenity, specializzata nella redazione di articoli sulla salute.

Claudia ha un MBA in Direzione Commerciale e Marketing e sta continuando a svilupparsi nel... >> Per saperne di più

Chi ha riveduto: Charlotte Avril, Farmacista, Data Scientist

Charlotte è Dottore in Farmacia e laureata del Master specializzato in Gestione Farmaceutica e Biotecnologica dell'ESCP. Ha un forte interesse per l'e-health, la tecnologia sanitaria, le malattie rare e le... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Giornata mondiale contro il cancro: tutti interessati!

Mieloma multiplo

Giornata mondiale contro il cancro: tutti interessati!

Leggi l’articolo
Stanchezza e dolore, problemi persistenti dopo la fine del cancro

Mieloma multiplo

Stanchezza e dolore, problemi persistenti dopo la fine del cancro

Leggi l’articolo
Mieloma multiplo: capire tutto!

Mieloma multiplo

Mieloma multiplo: capire tutto!

Leggi l’articolo
Il premio Nobel per la medicina giapponese vuole continuare la ricerca per « salvare maggiori pazienti »

Mieloma multiplo

Il premio Nobel per la medicina giapponese vuole continuare la ricerca per « salvare maggiori pazienti »

Leggi l’articolo

Discussioni più commentate