«
»

Top

Diabete di tipo 2: il pesce tetra messicano è la chiave per la cura definitiva?

Pubblicata il 24 mag 2018

Diabete di tipo 2: il pesce tetra messicano è la chiave per la cura definitiva?

Nella ricerca per la cura definitiva al diabete di tipo 2, spunta un insolito protagonista, il pesce tetra

Una ricerca recente, i cui esiti sono stati dettagliatamente pubblicati su Nature, apre nuovi scenari sulla lotta al diabete di tipo 2, lasciando uno spiraglio di speranza a chi attende una cura definitiva che possa permettere di vivere una vita dignitosa e in salute. Il diabete di tipo 2, condizione clinica che si verifica quando il corpo sviluppa una specifica resistenza all'insulina, è infatti tristemente noto per tutta una lista nera di problematiche e complicanze, fra cui nefropatie, maculopatie e neuropatie, senza contare lo stress a cui gli sbalzi glicemici sottopongono l'intero sistema cardiovascolare.

Posto che una dieta povera di carboidrati, perdita di peso e un'attività fisica regolare, uniti ad una terapia ipoglicemizzante adeguata, possono aiutare moltissimo a rendere la vita più che vivibile, chi soffre di questa patologia, aspetta con ansia una cura che dia effetti a lungo raggio e libertà dai farmaci.

Ebbene, questa speranza potrebbe essere molto vicina al diventare una certezza, in quanto uno studio fatto sui pesci tetra messicani, lascerebbe credere che proprio questi animaletti siano la chiave della svolta. L'Astyanax mexicanus è infatti un pesce che convive in maniera eccellente e perenne col diabete di tipo 2, senza manifestare sintomi avversi, ma anzi, usando la sua insulino-resistenza a vantaggio della salute.

Madre natura ha lavorato di fino in questo caso e le capacità evolutive di questo pesce sono decisamente strabilianti. Il tetra vive infatti lunghi periodi di privazioni alimentari, dovute alla scarsità di cibo del suo habitat naturale. Tuttavia, durante le inondazioni, riesce a fare scorta di nutrienti senza percepire il senso di sazietà e questo lo porta inevitabilmente a iperglicemie fisiologiche.

Il tetra messicano è infatti un pesce completamente cieco che popola le grotte e conta una mutazione nel recettore dell'insulina, che lo porta all'iperglicemia e al naturale aumento del peso corporeo. Condizione praticamente vitale per fronteggiare le carestie di cibo delle zone rupestri.

Se negli esseri umani, questa stessa mutazione porta a una forma grave di insulino-resistenza e minore aspettativa di vita, per i tetra messicani è invece garanzia di una durata simile a quella dei cugini di superficie. Ma ciò che è davvero importante, questi pesci non accumulano gli scarti di glicazione nel sangue, associati alla progressione delle patologie legate al diabete.

Se gli studi sull'Astyanax mexicanus procederanno come sembra, potrebbe diventare possibile convertire il diabete di tipo 2 da malattia a condizione fisica normale, priva quindi di effetti dannosi per l'organismo. Fantascienza? Il tempo darà ragione ai rcercatori più temerari.

Scienza e salute

4 commenti


MarioPizzorno
il 29/05/18

Speriamo. Mario Pizzorno.


EUREKA
il 07/06/18

Ottimo articolo mah.....  rimane il fatto che il pesce Tetra ed essere umani sono decisamente diversi sia nel metabolismo , sia Dna, apparati digerenti , Pancreas, ecc.ecc. Poi secondo me ovvio che facendo lunghi digiuni o quasi non avrà il Diabete e da non paragonare al cibo spazzature degli esseri umani . i pesci non mangiano fritture, pasta, Pane , Patate, Riso, Affettati , Formaggi, Ceriali , Carni rosse ecc..ecc..  Se pesce Mangia Pesce non avrà mai il diabete, mangiando Planton come fà ad avere il diabete e se x caso lo ha  sarà diverso dal nostro .  ok era solo una piccola parentesi di puntualizzazione di un mio ragionamento magari stupido heheheheh 

Se mangi qualsiasi pesce "azzurro ", non avrai mai il diabete 

By Eureka!


giupipino
il 08/06/18

Questa volta mi tocca proprio dare ragione ad Eureka: 
Nei media vengono sempre più spesso evocate nuove "miracolose" cure per il diabete T2 come se questa fosse una malattia di difficilissima comprensione e di altrettanto difficile cura.

Poveri noi come siamo lontani dal comprendere una semplicissima verità: la nostra società, in tutti i suoi aspetti, è dominata da un unico grande comune denominatore: il vile, schifosissimo DANARO, per procurarsi il quale molti sono disposti a uccidere, rubare, truffare...


Attorno al diabete  si è sviluppato un grandissimo BUSINESS.
Tale business esiste non solo sul diabete ma su moltissimi aspetti collegati direttamente o indirettamente alla SALUTE.


Basta pensare al fiorire incontrollato di DIETE STRAMPALATE.
Ho sentito in questi giorni un NOTO TRUFFATORE (che andrebbe immediatamente rinchiuso in galera) il quale, NON ESSENDO MEDICO, NE' NUTRIZIONISTA, ovvero non avendo alcun titolo va conciando in decine di TV private che ognuno di noi ha bisogno GIORNALMENTE di ben 8 (otto!) grammi di vitamina C.

Lo stesso criminale teleimbonitore faceva notare che per raggiungere tale quantità occorrerebbe mangiare 50 kg di frutta e verdura!

Tutto ciò AL FINE DI CONVINCERE L'INGENUO TELESPETTATORE CHE L'UNICA SOLUZIONE ERA comprare IL SUO FAVOLOSO INTEGRATORE!!!!

Adesso credo che non ci sia bisogno di un genio per capire che la natura (che fa le cose per bene, grazie a MILIONI di anni di evoluzione) non ci avrebbe mai fatti in modo che per stare bene dovessimo ogni giorno mangiare 50 kg di frutta e verdura! 

Altre cose che fanno letteralmente inorridire sono quelle persone che per dimagrire si sottopongono a LIPOSUZIONE oppure, ancora peggio, a BENDAGGIO GASTRICO.
E questa volta ci sono dei medici criminali che per vil danaro praticano tali oscene pratiche che MUTILERANNO per sempre i pazienti con conseguenze GRAVISSIME per la loro salute.


Allora, cari amici, ci tocca accettare l'amarissima verità che viviamo in un mondo di LADRI, in cui non frega niente a nessuno della nostra salute e del nostro benessere. Quasi tutti sono interessati solo a ingrossare lo spessore del loro portafoglio. Che non si ingrosserebbe affatto se avessero l'onestà di dire le semplicissime verità che l'OBESITA' e il DIABETE T2 NON SONO MALATTIE ma semplici CONSEGUENZE di un  MODO ERRATO di vivere. 
L'obesità non è una cosa misteriosa, ma nasce dall'IGNORANZA delle sue cause.
L'obesità NON SI CURA CON MEDICINE, ORMONI o INTRUGLI vari.
Si cura con un modo di NUTRIRSI SANO. Ovvero non basato su cibi spazzatura, su snack e merendine, su carne rossa, latte e formaggi grassi. Su quantità industriali di pane, pasta e pizza di grano raffinato
Basta conoscere la principale legge della fisica: nulla si crea e nulla si distrugge.
Se ingeriamo chili e chili di grassi  e carboidrati e non facciamo il necessario movimento per bruciarli,  tali grassi ce li ritroveremo attorno al GIROVITA. Produrranno perciò INSULINO-RESISTENZA e ci ritroveremo oltre che con l'obesità anche col DIABETE e la trigliceridemia, la colesterolemia, la gotta, l'ipertensione, e con tutte le altre malattie legate alla infiammazione e alla diminuzione delle DIFESE IMMUNITARIE che tale stato infiammatorio comporta.
Un caro saluto e un abbraccio a tutti.


 


EUREKA
il 08/06/18

Leggo con piacere e mi associo, menomale che qualcuno inizia a vedere e capire le cose nel loro vero senso. Siamo tutte cavie e come dico sempre io  ....La natura ha previsto tutto , siamo noi che dobbiamo limitare anzi ...Eliminare il cibo spazzatura, solo cosi facendo eviteremo parecchie Patologie. 

By Eureka!

Ti piacerà anche

La diagnosi del diabete tipo 2 raccontata dai membri Carenity

Diabete tipo 2

La diagnosi del diabete tipo 2 raccontata dai membri Carenity

Leggi l’articolo
Diabete: sapere leggere le sue analisi del sangue

Diabete tipo 2

Diabete: sapere leggere le sue analisi del sangue

Leggi l’articolo
Diabete di tipo 2: conoscere meglio la Metformina

Diabete tipo 2

Diabete di tipo 2: conoscere meglio la Metformina

Leggi l’articolo
Vedi la testimonianza

Scheda malattia