«
»

Top

La malattia celiaca e dieta senza glutine

Pubblicata il 9 nov 2020 • Aggiornato il 10 nov 2020 • Da Doriany Samair

La malattia celiaca ha una varietà di sintomi che non sono solo digestivi e possono avere gravi conseguenze se non vengono diagnosticati in tempo.

Cos'è la celiachia? Come si manifesta? Come viene diagnosticata? 

Oggi non esiste una soluzione terapeutica alla malattia celiaca se non l'eliminazione totale e definitiva del glutine: la dieta senza glutine! Cosa dobbiamo pensare di questa tendenza "senza glutine"?

Vi raccontiamo tutto nel nostro articolo!


La malattia celiaca e dieta senza glutine

La malattia celiaca: indicazione principale della dieta senza glutine

Si ritiene che la malattia celiaca colpisca fino al 2% della popolazione (Europa, India, Medio Oriente, Nord Africa e Stati Uniti). È più rara in Asia e nell'Africa subsahariana, probabilmente a causa di una dieta diversa. Questa condizione (per lo più femminile) è probabilmente sottovalutata, a causa della diversità dei sintomi e delle numerose forme asintomatiche. Indicazione principale della dieta senza glutine (insieme all'allergia al glutine/grano), la malattia celiaca che porta ad una vera e propria atrofia dei villi porta a fenomeni di carenza e di malassorbimento che non possono essere ignorati.

È una malattia genetica?

Predisposizioni genetiche sono state identificate nella maggior parte dei casi di celiachia (95%): in particolare, i pazienti sono portatori di specifici geni (HLA-DQ2 e/o HLA-DQ8). Ad esempio, far parte di una famiglia stretta (padre, madre, fratelli e sorelle e figli) espone un individuo ad un rischio del 10% di sviluppare la malattia. Tuttavia, essere un "portatore" non significa necessariamente essere intolleranti al glutine: il 20% dei portatori di questi geni non ha sintomi di malattia celiaca. Le cause e le origini di questa malattia rimangono difficili da identificare perché il coinvolgimento di fattori esterni non genetici non è trascurabile nell'evoluzione della malattia.

Come viene fatta la diagnosi della malattia celiaca?

La diagnosi della malattia celiaca (spesso basata su risultati clinici suggestivi) si basa sul dosaggio degli anticorpi (anticorpi antitransglutaminasi) ed è confermata dalla biopsia intestinale. Tuttavia, i test degli anticorpi possono essere negativi, nonostante i sintomi clinici "evidenti". In questo caso è possibile effettuare una ricerca genetica (con i geni HLA-DQ2 e/o HLA-DQ8) e confermare la diagnosi mediante biopsia intestinale. D'altra parte, una biopsia intestinale non può essere conclusiva se il paziente ha già iniziato una dieta "senza glutine". Le lesioni caratteristiche della mucosa intestinale si attenuano in assenza di contatto con il glutine, rendendo difficile la diagnosi istologica.

In effetti, dopo un anno di dieta senza glutine, i dosaggi di anticorpi negativi e la completa scomparsa dei sintomi confermeranno la diagnosi.

Come si manifesta la malattia celiaca?

La malattia celiaca si manifesta quindi in questo modello di malassorbimento (perdita di peso significativa) con diarrea cronica, dolore addominale e gonfiore. La forma classica inizia nei neonati già a partire dai 6 mesi di età, quando l'Ig materno scompare e vengono introdotti nella dieta alimenti contenenti glutine. Il bambino è spesso stanco, apatico, triste. Una rottura nella curva della crescita del neonato (altezza e peso) è significativa alla luce del suggestivo quadro clinico.

Tuttavia, la maggior parte dei soggetti colpiti dichiara pochi sintomi o presenta sintomi atipici extra digestivi (crampi muscolari, stomatite aftosa, irregolarità mestruali o anche aborti spontanei ripetuti). Il numero e l'intensità dei sintomi varia da persona a persona. Così, la maggior parte di questi casi atipici o silenziosi non viene diagnosticata, il che spiega perché la prevalenza (numero di casi) della celiachia è abbastanza variabile in tutto il mondo (dallo 0,7 al 2% della popolazione in Europa, Stati Uniti, India, Medio Oriente e Nord Africa). Si può notare che la malattia celiaca colpisce tre donne per ogni uomo.

Come curare la malattia celiaca?

Al momento non sono disponibili altri trattamenti oltre alla rigorosa dieta senza glutine che dura tutta la vita. Infatti, solo la totale assenza di questa sostanza è imperativamente indicata in caso di diagnosi di malattia celiaca. Questa dieta deve essere seguita per tutta la vita per garantire che gli anticorpi rimangano negativi e per prevenire la comparsa di complicazioni (osteoporosi, anemia, malnutrizione). Per le forme silenziose (in caso di screening accidentale), l'introduzione di questa rigorosa dieta senza glutine è discutibile: senza indizi o segni clinici minimi che indichino la malattia, si può prendere in considerazione un regolare monitoraggio clinico e biologico.

La dieta senza glutine: soluzione terapeutica o dieta alla moda?

Perché il glutine ha una reputazione così cattiva?

Oggi è spesso identificato come un nemico per motivi puramente medici e talvolta nutrizionali.

Con la comparsa e la distribuzione in tutto il mondo di prodotti contenenti glutine, sono stati segnalati molti casi con sintomi digestivi. Va notato che le malattie legate al glutine sono sempre esistite, ma è dall'inondazione del mercato agroalimentare con questi prodotti che queste malattie si sono diffuse.

Infatti, tra il XIX e il XX secolo, molti medici (in particolare il Dottore Willem Karel Dicke) notarono che disturbi digestivi simili nei loro pazienti potevano essere alleviati dall'esclusione del grano. Questa teoria è supportata e provata da pubblicazioni scientifiche che classificano questi disturbi in tre tipi di disturbi: Glutine: allergia, intolleranza o sensibilità al glutine?. Come trattamento, l'esclusione del glutine è stato l'unico trattamento di comprovata efficacia

Per chi è consigliata la dieta senza glutine?

I principali soggetti per i quali la dieta senza glutine è ufficialmente raccomandata sono i pazienti celiaci o allergici al glutine. Più controversa è anche la questione dei soggetti con sensibilità "non celiaci" al glutine. Tuttavia, va notato che, nonostante i numerosi studi a favore dell'estensione delle raccomandazioni di una dieta senza glutine a questi pazienti o a certe patologie psichiatriche o endocrinologiche, allo stato attuale delle conoscenze, è impossibile correlare i benefici di una dieta senza glutine con una riduzione dei sintomi.

Negli ultimi anni, la dieta senza glutine è stata ampiamente coperta dai media e ripresa dall'industria alimentare, ma è ancora oggetto di dibattito pubblico. È “LA” dieta più seguita negli Stati Uniti, davanti a quella senza grassi e senza zuccheri.

Il libro “Wheat Belly” (“Perché il grano fa male alla vostra salute”) del Dottore William Davis, per esempio, è stato molto coinvolto nella diffusione di questa tendenza nutrizionale. Il cardiologo ripercorre la sua indagine per identificare il veleno responsabile dei disturbi che lui e molti dei suoi pazienti sperimentano. Denuncia gli effetti dannosi del grano (non solo del glutine) sul corpo, in particolare sostenendo una dieta "senza cereali" che permetterebbe ai suoi pazienti affetti da obesità o diabete di perdere decine di chili. Di fronte all'esplosione di casi di obesità e sovrappeso, soprattutto negli Stati Uniti, l'efficacia di questa dieta è diventata più popolare.

Per questo motivo, nonostante questo, dobbiamo rimanere vigili perché questa dieta non è raccomandata a tutti e il glutine si è rivelato tossico nella maggior parte delle persone geneticamente predisposte. Si tratta di una dieta restrittiva che cambierà in modo permanente lo stile di vita delle persone malate.

Prima di essere una tendenza, la dieta senza glutine è una vera e propria soluzione terapeutica che migliora notevolmente la qualità della vita dei pazienti.


Questo articolo vi è stato utile?

Condividete la vostra opinione e le vostre domande nei commenti qui di seguito!

Forza a tutte e tutti!

Commenti

Ti piacerà anche

Vivere giorno dopo giorno in modo sempre nuovo con la fibromialgia

Malattia celiaca

Vivere giorno dopo giorno in modo sempre nuovo con la fibromialgia

Vedi la testimonianza
Farmaci antinfiammatori steroidei e non steroidei: vi diciamo tutto!

Farmaci antinfiammatori steroidei e non steroidei: vi diciamo tutto!

Leggi l’articolo
Covid-19: quali sono gli effetti collaterali dell'indossare una mascherina?

Covid-19: quali sono gli effetti collaterali dell'indossare una mascherina?

Leggi l’articolo
Quali sono i benefici psicologici dell'interazione con una comunità di pazienti?

Quali sono i benefici psicologici dell'interazione con una comunità di pazienti?

Leggi l’articolo

Scheda malattia