/static/themes-v3/default/images/default/home/bg-generic.jpg?1516194360

Pazienti Malattia celiaca

2 risposte

41 visualizzazioni

Tema della discussione

1

Membro Carenity • Animatore della community
Pubblicato il

Quali sono i sintomi della celiachia da riconoscere?

La malattia celiaca è una reazione immunitaria al glutine, una proteina che troviamo in alcuni cereali, come il grano, l’orzo e la segale. La presenza di glutine scatena una risposta immunitaria nell’intestino dei celiaci. La reazione provoca un’infiammazione che danneggia il rivestimento dell’intestino stesso e ostacola l’assorbimento di alcuni nutrienti essenziali per l’organismo. Non sono note con precisione le cause della celiachia. Per procedere ad una corretta diagnosi della patologia, potrebbero essere necessari gli esami del sangue e l’endoscopia. Fra i rimedi, quello che si rivela fondamentale è la dieta priva di glutine. Scopriamone di più su quali sono i sintomi della celiachia.

Sintomi della celiachia negli adulti

Molte persone affette da celiachia presentano i sintomi fin dall’infanzia, ma non è raro che si manifestino solo nell’età adulta. A volte, però, può accadere che, a causa dell’assenza di una diagnosi precisa, la malattia non venga scoperta e che passino anche molti anni prima di cominciare a trattarne i sintomi. Generalmente, la celiachia negli adulti manifesta dei sintomi che riguardano la sfera gastro-intestinale e quella cutanea. Tra questi vi sono:

1. Dolore addominale
La sintomatologia tipica della celiachia provoca alcuni problemi tipicamente intestinali, come il gonfiore e il dolore addominale. Quest’ultimo può essere di tipo colico, con ondate dolorose acute, oppure continuo.

2. Dissenteria
La reazione immunitaria al glutine da parte dell’organismo può provocare anche diarrea e, nei casi più gravi, una vera e propria dissenteria, con la liquefazione delle feci.

3. Vomito
Fra gli altri sintomi della celiachia, il soggetto che manifesta la reazione al glutine può manifestare anche il vomito.

4. Astenia
Chi soffre di celiachia, in caso di reazione avversa, può mostrare un senso di stanchezza, di debolezza o di mancanza di energia. Tutto ciò comporta la diminuzione delle capacità fisiche e mentali, un facile affaticamento e una ridotta resistenza allo sforzo.

5. Crampi addominali
Nei casi di reazione al glutine, il soggetto celiaco può essere affetto da spasmi dolorosi dei muscoli a carico della regione addominale.

6. Anemi
Un altro sintomo caratteristico è il calo della quantità di emoglobina presente nel sangue. Il soggetto celiaco può soffrire di vari tipi di anemia, come quella sideropenica, quella da carenza di folati, l’anemia perniciosa o quella megaloblastica.

7. Iponutrizione
La celiachia influenza anche l’assorbimento di alcune sostanze nutritive importanti, per cui può subentrare l’iponutrizione, uno stato fisico che caratterizza l’organismo quando, per lunghi periodi, l’apporto di nutrienti risulta insufficiente a soddisfare il fabbisogno quotidiano del corpo.

8. Pallore
La condizione celiaca comporta anche la perdita del normale colorito della pelle, che si manifesta di solito gradualmente, in forma anche generalizzata.

9. Perdita di peso
Un altro dei sintomi caratteristici della celiachia è la riduzione della massa corporea, accompagnata da variazioni nell’appetito. Non è raro che alcune persone presentino i sintomi dell’anoressia.

10. Ritardo nella crescita
Specialmente nei bambini, la celiachia comporta un ritardo nella crescita, con un peso costantemente basso in relazione all’età. Tutto ciò è causato dal mancato assorbimento dei nutrienti fondamentali per l’organismo.

11. Flatulenza
La reazione celiaca comporta anche l’eccessiva presenza di gas a livello dello stomaco e dell’intestino, con emissione degli stessi gas dal retto, accompagnata spesso a dolori.

12. Osteopenia
I soggetti celiaci possono soffrire a volte anche di osteopenia, la riduzione della massa ossea, con ossa più sottili e deboli e dolori articolari. Tutto ciò può portare ad essere più soggetti all’osteoporosi.

13. Dermatiti erpetiformi
A causa delle carenze nutrizionali causate dalla celiachia, è possibile notare nel soggetto affetto da questa malattia delle escoriazioni della pelle, come vesciche e lesioni, spesso accompagnate da prurito e dolore.

Sintomi della celiachia nei bambini
Nei bambini, la celiachia risulta essere una delle malattie croniche a maggiore frequenza. La diagnosi precoce è cruciale per accertarne la presenza e per anticipare possibili complicazioni, o vere e proprie patologie future. Anche nei neonati l’intolleranza al glutine può fare la sua comparsa; infatti, per scongiurare qualsiasi problema, l’inizio dello svezzamento non prevede cibi a base di glutine. Tuttavia, è possibile notare alcuni segnali cruciali nell’identificazione della celiachia silente o atipica infantile:

  • alterazioni dell’umore
  • irritabilità
  • apatia
  • diarrea
  • vomito
  • continui mal di pancia
  • stati anemici
  • bassa statura
  • dermatite erpetiforme
  • scarsa massa muscolare ed eccessiva magrezza
  • difficoltà a muovere gli arti
  • essere distaccati dall’ambiente circostante

Come capire se si è celiaci
Le persone intolleranti al glutine potrebbero non accorgersi del loro problema perchè alcuni sintomi, quali mal di testa o dolori addominali, potrebbero essere fraintesi con altre patologie. Tuttavia, vari segnali potrebbero essere utili per capire se si è effettivamente affetti dall’intolleranza oppure no:

  • Stanchezza dopo aver mangiato cibi con glutine
  • Nervosismo dopo i pasti
  • Formicolii gli arti
  • Problemi di digestione
  • Variazioni rapide di peso
  • Manifestazioni cutanee

Inizio della discussione - 25/07/17

I sintomi della celiachia da riconoscere
2

Membro Carenity
Pubblicato il

A completamento di quanto scritto sopra, allego le indicazioni su sintomatologia e terapia della CELIACHIA. 

Spesso si pensa alla sintomatologia gastrointestinale, in realtá il problema riguarda molte altre sfere, dalla sterilità ai problemi osteoarticolari.

IMPORTANTE: per una corretta diagnosi NON astenersi dall'assunzione del glutine, anzi a volte puó esser utile aumentare l'apporto di glutine prima degli esami del sangue e della gastroscopia con relativa biopsia. 

Cos'è la celiachia?

La celiachia è una alterazione del piccolo intestino che interferisce con l'assorbimento dei diversi nutrienti.
Le persone affette da celiachia risultano intolleranti al glutine, proteina che si trova in frumento, segale e orzo e in tutti i loro derivati. Perché il glutine, una volta ingerito, danneggi attraverso una meccanismo immunologico la mucosa intestinale, occorre però che il soggetto sia predisposto geneticamente. Fattori genetici quindi e fattori ambientali concorrono nel determinare tale situazione patologica.

Quali sono i sintomi della celiachia?

La celiachia può manifestarsi in modo assai differente. I sintomi possono essere relativi al tratto gastroenterico o a qualsiasi altro apparato:
dolore e gonfiore addominale
diarrea cronica
stipsi
pallore, alito cattivo, stanchezza
perdita di peso o arresto della crescita nei bambini
anemia
fratture ossee ricorrenti, scoliosi, rachitismo, osteoporosi
alterazioni dell'umore
sensazione di intorpidimento delle gambe
crampi muscolari
infertilità, frequenti aborti, menopausa precoce, assenza del ciclo mestruale
afte ricorrenti
lesioni cutanee tipo papule rosse e pruriginose, soprattutto localizzate a gomiti, ginocchia, dorso (dermatite erpetiforme)

Come è diagnosticata la patologia celiaca?

Poiché i sintomi sono vari e non specifici, riconoscere un celiaco può talora essere difficile.
Attualmente di fronte a un sospetto clinico, abbiamo a disposizione esami del sangue quali gli anticorpi anti-transglutaminasi tissutale (tTGA IgA e IgG) e anti-endomisio (EmA), la cui presenza suggerisce una possibile celiachia.
L'esame considerato fondamentale per una diagnosi corretta è la biopsia intestinale, cioè l'esame di piccoli frammenti di mucosa duodenale. Tali campioni vengono prelevati durante una normale endoscopia del tratto gastroenterico superiore (gastroscopia o EGDS) e visionati al microscopio. Sia gli esami del sangue che la biopsia devono essere eseguiti a dieta libera, cioè contenente glutine.

Qual è la terapia?

L'unico trattamento ad oggi è l'eliminazione del glutine dalla dieta: la dieta priva di glutine dovrà essere seguita attentamente per tutta la vita.
I celiaci potranno pertanto alimentarsi con alimenti naturalmente privi glutine (carne, pesce, uova, riso, mais, legumi, latte e latticini) e con alimenti dietoterapici nei quali non sia presente glutine (reperibili nelle farmacie o nella grande distribuzione con il marchio spiga sbarrata); dovranno peraltro fare molta attenzione a tutti quei prodotti del commercio nei quali il glutine potrebbe essere utilizzato nel corso della preparazione (minestre pronte, alcuni surgelati, purè istantanei, frutta candita, salse e sughi pronti).
Un controllo medico regolare permette di verificare sia la correttezza della dieta che l'eventuale insorgenza di problemi di salute.


Quali sono le complicanze della celiachia?

Il danno al piccolo intestino e i problemi correlati di malassorbimento mettono il paziente a rischio di malnutrizione, anemia e carenza di vitamine.
Particolarmente frequente può essere l'osteoporosi, condizione in cui le ossa diventano fragili e a rischio rottura per il mancato assorbimento di calcio e vitamina D.
Per fortuna rari e presenti solo nei soggetti più anziani o che non hanno seguito la dieta, alcuni tumori intestinali quali i linfomi.

Dermatite erpetiforme

La dermatite erpetiforme è considerata essere il sintomo cutaneo della celiachia.
Non tutte le persone affette da celiachia sviluppano la dermatite erpetiforme e solo il 20% di persone affette da dermatite erpetiforme manifestano anche i sintomi intestinali tipici della malattia celiaca, anche se circa l'80% di esse presenta le alterazioni dei villi intestinali.
Per diagnosticare la dermatite erpetiforme oltre a verificare la presenza degli anticorpi specifici per la celiachia si preleverà una biopsia a livello della pelle (biopsia cutanea).
Sia i problemi della pelle che quelli intestinali regrediranno dopo dieta priva di glutine.
Talora per la dermatite erpetiforme è suggerito anche il dapsone: tale farmaco agisce sul prurito e sulle lesioni della pelle ma non è in grado di normalizzare la mucosa intestinale.
Associazione Italiana Celiachia

Segreteria Regionale Lombardia
Piazza Erculea, 11 - 20122 Milano
Tel/ Fax 02.867820
E-mail: aiclomba@tin.it
Sito internet: www.aiclombardia.it
La quota di iscrizione annuale è di 35 Euro.
Per il versamento:
Conto Corrente Postale n. 26577205
intestato a AIC REGIONALE LOMBARDIA ONLUS
Piazza Erculea, 11 - 20122 Milano
Indicando come causale: iscrizione 201...
Indicare anche nome e cognome, data di nascita, possibilmente numero telefonico raggiungibile in ore di ufficio.
Contatti

Centro per la Prevenzione e Diagnosi della Malattia Celiaca
Fondazione IRCCS Ca' Granda, Ospedale Maggiore Policlinico
Padiglione Granelli III piano
Via Francesco Sforza, 35
20122 Milano (MI)
Tel.: +39 02 5503 3384 (studio)
Tel.: +39 02 5503 3326 (segreteria)
Fax: +39 02 5503 3644
E-mail: centro.celiachia@policlinico.mi.it

http://www.policlinico.mi.it/malattiaceliaca/celiachia.html

I sintomi della celiachia da riconoscere
Membro Carenity • Animatore della community
Pubblicato il

Grazie del tuo contributo e per queste indicazioni precise wink.png