«
»

Top

NASH, o malattia del fegato grasso: capire il trattamento

24 gen 2020

Di fronte alla diagnosi della steatosi epatica non alcolica o NASH (steatoepatite non alcolica, una complicazione della steatosi), i pazienti sono spesso impotenti: questa "malattia della soda" o "malattia del fegato grasso" non avrebbe alcuna cura! Se non ci sono farmaci dedicati, la gestione dei pazienti è molto reale. Leggete le nostre spiegazioni per capire meglio questa malattia e i suoi obiettivi.

NASH, o malattia del fegato grasso: capire il trattamento

Capire la steatoepatite non alcolica, una malattia complessa

La steatoepatite non alcolica, detta anche NASH (il suo acronimo in inglese), è una malattia causata da diversi fattori e che presenta diverse caratteristiche, come la resistenza all'insulina, l'infiammazione, lo stress ossidativo, l'aumento del grasso a livello del fegato o ancora la dislipidemia (concentrazione troppo elevata di lipidi nel sangue). I pazienti hanno molto spesso comorbilità come l'obesità, il diabete di tipo 2, l'iperglicemia, alti livelli di trigliceridi, alti livelli di LDL-C (il colesterolo "cattivo") e bassi livelli di HDL-C (il colesterolo "buono"), che aumentano significativamente il rischio cardiovascolare.

>> La NASH, una complicazione della steatosi epatica non alcolica: leggere la nostra scheda malattia

La gestione della NASH consisterà sia nel trattamento della malattia, ma anche e soprattutto nella riduzione del rischio di sviluppare malattie cardiovascolari in questi pazienti.

I trattamenti della NASH

Benché i fattori di rischio di sviluppare la NASH e i componenti di questa malattia siano ben identificati, attualmente non esistono farmaci con autorizzazione all'immissione in commercio per questa indicazione; quindi non sono indicati farmaci specifici per questa malattia.  Tuttavia, le soluzioni esistono: il trattamento consiste principalmente nella modificazione dello stile di vita (dieta, attività fisica). Per quanto riguarda i farmaci che possono essere prescritti, sono soprattutto trattamenti che curano i sintomi della NASH e non la NASH stessa: mirano all'obesità, al diabete, all'ipertensione o alla dislipidemia.

Cambiare la sua dieta

La modificazione della dieta alimentare è essenziale e consiste in:

. Una restrizione dell'apporto calorico per perdere peso
. Una riduzione del consumo di acidi grassi saturi (carne, burro, latticini...) a favore degli acidi grassi mono e polinsaturi (oli vegetali, pesci grassi, oleaginose...)
. Un aumento del consumo di fibre, in particolare di fibre solubili (frutta e verdura, cereali integrali...)
. Consumo molto limitato o nullo di soda, cibi altamente trasformati, cibi carboidrati-lipidici e alcol (da interrompere in caso di grave fibrosi o cirrosi)
. Il consumo di caffè sembra avere un impatto piuttosto positivo sulla steatosi epatica e non dovrebbe essere limitato (tuttavia si raccomanda di non superare le 6 tazze di caffè al giorno)
. Le diete non personalizzate e i prodotti dimagranti non sono consigliati in quanto hanno un basso rapporto beneficio/rischio e sono accompagnati da un recupero di peso quando il trattamento viene interrotto.

Fare un'attività fisica

Un'attività fisica regolare e adattata è essenziale e complementare alla modificazione della dieta alimentare. I pazienti sono incoraggiati a fare da 2 a 4 ore di esercizio fisico alla settimana, suddivise in 3 a 5 sessioni (camminata veloce, bicicletta, nuoto...). È molto importante praticare un'attività che piace al paziente, per incoraggiare l'adesione al cambiamento.

Adottare un approccio comportamentale

In generale, oltre alle misure e ai trattamenti igienici e dietetici, viene fornita una terapia comportamentale o un sostegno psicologico. Questa combinazione ha dimostrato di migliorare la perdita di peso nei pazienti obesi. Se il paziente soffre di disturbi alimentari (dipendenza da zucchero, sale, bulimia, compensazione per mancanza o stress alimentare...), si deve effettuare una gestione specializzata della dipendenza e/o una terapia comportamentale.

Farmaci per curare i sintomi

Se i cambiamenti nella dieta e nell'attività fisica non sono sufficienti per correggere i fattori metabolici (diabete, iperlipidemia e ipertensione arteriosa), si devono usare farmaci a bassa epatotossicità (basso rischio per il fegato).

L'arsenale terapeutico a disposizione della NASH comprende trattamenti sintomatici come:

. Statine come l'ATORVASTATINA per abbassare il colesterolo e i trigliceridi
. Fibrati come il FENOFIBRATO per abbassare i trigliceridi
. METFORMINA per abbassare la glicemia
. Farmaci antipertensivi come il LOSARTAN
. Gli anti-TNFα per ridurre l'infiammazione
. ADIPONETTINA che ha un'azione anti-lipogenica.

Ci sono anche trattamenti con un obiettivo più preciso come:

. ARAMCHOL (Galmed) o VICTOZA che cmirano la steatosi epatica
. ELAFIBRANOR (Genfit) che è un nuovo trattamento contro l'infiammazione e il "ballooning epatocellulare", che spera di ricevere un'indicazione nella NASH nel 2020.
. GILEAD, TOBIRA, GALECTIN o CONATUS che mirano la fibrosi e la cirrosi avanzate.

La chirurgia bariatrica

La chirurgia bariatrica è considerata il trattamento più radicale ma più efficace per ottenere una perdita di peso significativa e durevole (40 - 71%) nei pazienti con obesità patologica e in quelli con diabete oltre all'obesità. Tuttavia, sebbene sia stato dimostrato il suo effetto sulla perdita di peso, il suo impatto diretto sulla NASH non è ancora provato.

Altri trattamenti

Altre alternative non farmacologiche sono state presentate come utili nella gestione della NASH, come:

- Il Rice Bran Arabinoxylan Compound o RBAC, che si presenta sotto la forma di un integratore alimentare, composto da fibra solubile di riso parzialmente idrolizzata dall'azione di un complesso enzima naturale estratto dal fungo Shiitake. È un'importante fonte di fibra solubile per l'azione lassativa, ipocolesterolemizzante e antiossidante.
- I probiotici potrebbero anche essere utilizzati come integratori di una dieta adattata e controllata nei pazienti affetti da NASH.

Queste sostanze non sostituiscono la dieta alimentare del paziente, ma possono semplicemente integrarla.

L'assistenza della NASH in breve

. Nel caso di una steatosi e quando si sospetta la comparsa della NASH, si iniziano cambiamenti nello stile di vita e un trattamento mirato per ridurre la steatosi.
. Nel caso di NASH lieve o avanzata senza fibrosi o con fibrosi minima, devono essere iniziate misure di salute dietetiche, un trattamento cronico per ridurre o eliminare la NASH e un trattamento mirato per ridurre la steatosi.
. Nel caso di fibrosi avanzata o cirrosi avanzata, è necessario iniziare un trattamento d'emergenza per fermare la fibrosi, un trattamento cronico per ridurre o eliminare la NASH e un trattamento mirato alla steatosi per ridurla, il tutto in parallelo con misure igieniche e dietetiche.

Combattere la NASH è innanzitutto combattere contro le cattive abitudini alimentari, adottate da troppe persone in tutto il mondo, contro gli alimenti altamente trasformati, la sedentarietà e lo stress. Questa lotta implica un approccio globale e individualizzato per corrispondere ad ogni paziente.

Attenzione, questo articolo è generale e non sostituisce in nessun caso una prescrizione medica. Non fa riferimento ad eventuali casi particolari che possono esistere. Ogni paziente è diverso, comunque parlatene con il vostro medico!

avatar Camille Dauvergne

Autore: Camille Dauvergne, Junior Community Manager Francia

Camille Dauvergne è attualmente Community Manager Junior in Carenity. Assiste il Community Manager Francia nell'animazione della piattaforma, facilitando la navigazione dei membri e promuovendo le loro interazioni. Camille partecipa alla redazione di articoli scientifici disponibili nella Rivista Salute, e partecipa anche all'aggiornamento delle schede malattie e farmaci.

>> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Chi dorme troppo o poco rischia l'obesità

Obesità

Chi dorme troppo o poco rischia l'obesità

Leggi l’articolo
Obesità infantile: il decalogo dei pediatri italiani per prevenirla

Obesità

Obesità infantile: il decalogo dei pediatri italiani per prevenirla

Leggi l’articolo
La diagnosi del morbo di Crohn raccontata dai membri Carenity

Morbo di Crohn

La diagnosi del morbo di Crohn raccontata dai membri Carenity

Leggi l’articolo
La diagnosi del cancro raccontata dai membri Carenity

Adamantinoma
Astrocitoma
Carcinoma basocellulare
Carcinoma epidermoide della testa e del collo
Condrosarcoma mixoide extrascheletrico
Cordoma
Coriocarcinoma
Dermatofibrosarcoma di Darier-Ferrand
Feocromocitoma
Glioblastoma
Leucemia linfatica acuta
Leucemia linfatica cronica
Leucemia mieloide acuta
Leucemia mieloide cronica
Linfoma di Hodgkin
Linfoma non-Hodgkin
Macroglobulinemia di Waldenstrom
Mesiotelioma
Mielofibrosi
Mieloma multiplo
Nefroblastoma
Neoplasia endocrina multipla
Neuroblastoma
Retinoblastoma
Sarcoma di Ewing
Sarcoma di Kaposi
Sindrome di Sézary
Sindromi mielodisplastiche
Tumore al cervello
Tumore al timo
Tumore del collo dell'utero
Tumore del colon-retto
Tumore del fegato
Tumore del nasofaringe
Tumore del palato
Tumore del pancreas
Tumore del polmone
Tumore del rene
Tumore del seno
Tumore del testicolo
Tumore dell'ano
Tumore dell'endometrio
Tumore dell'esofago
Tumore dell'ovaio
Tumore della bocca
Tumore della gola
Tumore della laringe
Tumore della lingua
Tumore della parotide
Tumore della pelle
Tumore della pleura
Tumore della prostata
Tumore della tiroide
Tumore della vagina
Tumore della vescica
Tumore della vulva
Tumore delle vie biliari
Tumore dello stomaco
Tumore di Merkel
Tumore endocrino entero-pancreatico
Tumore gliale
Tumore maligno delle tube
Tumore neuroendocrino
Tumore osseo
Tumore peritoneale primario
Tumore rabdoide
Tumore stromale gastrointestinale
Tumore tonsillare

La diagnosi del cancro raccontata dai membri Carenity

Leggi l’articolo