«
»

Top

NASH, o malattia del fegato grasso: capire il trattamento

Pubblicata il 24 gen 2020 • Da Camille Dauvergne

Di fronte alla diagnosi della steatosi epatica non alcolica o NASH (steatoepatite non alcolica, una complicazione della steatosi), i pazienti sono spesso impotenti: questa "malattia della soda" o "malattia del fegato grasso" non avrebbe alcuna cura! Se non ci sono farmaci dedicati, la gestione dei pazienti è molto reale. Leggete le nostre spiegazioni per capire meglio questa malattia e i suoi obiettivi.

NASH, o malattia del fegato grasso: capire il trattamento

Capire la steatoepatite non alcolica, una malattia complessa

La steatoepatite non alcolica, detta anche NASH (il suo acronimo in inglese), è una malattia causata da diversi fattori e che presenta diverse caratteristiche, come la resistenza all'insulina, l'infiammazione, lo stress ossidativo, l'aumento del grasso a livello del fegato o ancora la dislipidemia (concentrazione troppo elevata di lipidi nel sangue). I pazienti hanno molto spesso comorbilità come l'obesità, il diabete di tipo 2, l'iperglicemia, alti livelli di trigliceridi, alti livelli di LDL-C (il colesterolo "cattivo") e bassi livelli di HDL-C (il colesterolo "buono"), che aumentano significativamente il rischio cardiovascolare.

>> La NASH, una complicazione della steatosi epatica non alcolica: leggere la nostra scheda malattia

La gestione della NASH consisterà sia nel trattamento della malattia, ma anche e soprattutto nella riduzione del rischio di sviluppare malattie cardiovascolari in questi pazienti.

I trattamenti della NASH

Benché i fattori di rischio di sviluppare la NASH e i componenti di questa malattia siano ben identificati, attualmente non esistono farmaci con autorizzazione all'immissione in commercio per questa indicazione; quindi non sono indicati farmaci specifici per questa malattia.  Tuttavia, le soluzioni esistono: il trattamento consiste principalmente nella modificazione dello stile di vita (dieta, attività fisica). Per quanto riguarda i farmaci che possono essere prescritti, sono soprattutto trattamenti che curano i sintomi della NASH e non la NASH stessa: mirano all'obesità, al diabete, all'ipertensione o alla dislipidemia.

Cambiare la sua dieta

La modificazione della dieta alimentare è essenziale e consiste in:

. Una restrizione dell'apporto calorico per perdere peso
. Una riduzione del consumo di acidi grassi saturi (carne, burro, latticini...) a favore degli acidi grassi mono e polinsaturi (oli vegetali, pesci grassi, oleaginose...)
. Un aumento del consumo di fibre, in particolare di fibre solubili (frutta e verdura, cereali integrali...)
. Consumo molto limitato o nullo di soda, cibi altamente trasformati, cibi carboidrati-lipidici e alcol (da interrompere in caso di grave fibrosi o cirrosi)
. Il consumo di caffè sembra avere un impatto piuttosto positivo sulla steatosi epatica e non dovrebbe essere limitato (tuttavia si raccomanda di non superare le 6 tazze di caffè al giorno)
. Le diete non personalizzate e i prodotti dimagranti non sono consigliati in quanto hanno un basso rapporto beneficio/rischio e sono accompagnati da un recupero di peso quando il trattamento viene interrotto.

Fare un'attività fisica

Un'attività fisica regolare e adattata è essenziale e complementare alla modificazione della dieta alimentare. I pazienti sono incoraggiati a fare da 2 a 4 ore di esercizio fisico alla settimana, suddivise in 3 a 5 sessioni (camminata veloce, bicicletta, nuoto...). È molto importante praticare un'attività che piace al paziente, per incoraggiare l'adesione al cambiamento.

Adottare un approccio comportamentale

In generale, oltre alle misure e ai trattamenti igienici e dietetici, viene fornita una terapia comportamentale o un sostegno psicologico. Questa combinazione ha dimostrato di migliorare la perdita di peso nei pazienti obesi. Se il paziente soffre di disturbi alimentari (dipendenza da zucchero, sale, bulimia, compensazione per mancanza o stress alimentare...), si deve effettuare una gestione specializzata della dipendenza e/o una terapia comportamentale.

Farmaci per curare i sintomi

Se i cambiamenti nella dieta e nell'attività fisica non sono sufficienti per correggere i fattori metabolici (diabete, iperlipidemia e ipertensione arteriosa), si devono usare farmaci a bassa epatotossicità (basso rischio per il fegato).

L'arsenale terapeutico a disposizione della NASH comprende trattamenti sintomatici come:

. Statine come l'ATORVASTATINA per abbassare il colesterolo e i trigliceridi
. Fibrati come il FENOFIBRATO per abbassare i trigliceridi
. METFORMINA per abbassare la glicemia
. Farmaci antipertensivi come il LOSARTAN
. Gli anti-TNFα per ridurre l'infiammazione
. ADIPONETTINA che ha un'azione anti-lipogenica.

Ci sono anche trattamenti con un obiettivo più preciso come:

. ARAMCHOL (Galmed) o VICTOZA che cmirano la steatosi epatica
. ELAFIBRANOR (Genfit) che è un nuovo trattamento contro l'infiammazione e il "ballooning epatocellulare", che spera di ricevere un'indicazione nella NASH nel 2020.
. GILEAD, TOBIRA, GALECTIN o CONATUS che mirano la fibrosi e la cirrosi avanzate.

La chirurgia bariatrica

La chirurgia bariatrica è considerata il trattamento più radicale ma più efficace per ottenere una perdita di peso significativa e durevole (40 - 71%) nei pazienti con obesità patologica e in quelli con diabete oltre all'obesità. Tuttavia, sebbene sia stato dimostrato il suo effetto sulla perdita di peso, il suo impatto diretto sulla NASH non è ancora provato.

Altri trattamenti

Altre alternative non farmacologiche sono state presentate come utili nella gestione della NASH, come:

- Il Rice Bran Arabinoxylan Compound o RBAC, che si presenta sotto la forma di un integratore alimentare, composto da fibra solubile di riso parzialmente idrolizzata dall'azione di un complesso enzima naturale estratto dal fungo Shiitake. È un'importante fonte di fibra solubile per l'azione lassativa, ipocolesterolemizzante e antiossidante.
- I probiotici potrebbero anche essere utilizzati come integratori di una dieta adattata e controllata nei pazienti affetti da NASH.

Queste sostanze non sostituiscono la dieta alimentare del paziente, ma possono semplicemente integrarla.

L'assistenza della NASH in breve

. Nel caso di una steatosi e quando si sospetta la comparsa della NASH, si iniziano cambiamenti nello stile di vita e un trattamento mirato per ridurre la steatosi.
. Nel caso di NASH lieve o avanzata senza fibrosi o con fibrosi minima, devono essere iniziate misure di salute dietetiche, un trattamento cronico per ridurre o eliminare la NASH e un trattamento mirato per ridurre la steatosi.
. Nel caso di fibrosi avanzata o cirrosi avanzata, è necessario iniziare un trattamento d'emergenza per fermare la fibrosi, un trattamento cronico per ridurre o eliminare la NASH e un trattamento mirato alla steatosi per ridurla, il tutto in parallelo con misure igieniche e dietetiche.

Combattere la NASH è innanzitutto combattere contro le cattive abitudini alimentari, adottate da troppe persone in tutto il mondo, contro gli alimenti altamente trasformati, la sedentarietà e lo stress. Questa lotta implica un approccio globale e individualizzato per corrispondere ad ogni paziente.

Attenzione, questo articolo è generale e non sostituisce in nessun caso una prescrizione medica. Non fa riferimento ad eventuali casi particolari che possono esistere. Ogni paziente è diverso, comunque parlatene con il vostro medico!

avatar Camille Dauvergne

Autore: Camille Dauvergne, Junior Community Manager Francia

Camille Dauvergne è attualmente Community Manager Junior in Carenity. Assiste il Community Manager Francia nell'animazione della piattaforma, facilitando la navigazione dei membri e promuovendo le loro... >> Per saperne di più

1 commento


Marcopp
il 05/04/20

Salve ragazzi , sono un infermiere , e sono affetto da steatosi epatica .

La cura primaria , provata su di me , è l'esercizio fisico, ma non la camminata veloce  .. ma un esercizio aerobico duro, dove si suda tanto , in modo da bruciare ed eliminare tutte le cellule con recettori insulinici .

Non ho mai provato tramite le saune se il risultato sia lo stesso .

Se avessi più tempo mi piacerebbe provarlo e farvi partecipe .

A presto

MArco

Ti piacerà anche

Ho affrontato molti errori di diagnosi prima di scoprire la mia asma cronica e NASH

Malattia epatica grassa non alcolica e NASH

Ho affrontato molti errori di diagnosi prima di scoprire la mia asma cronica e NASH

Vedi la testimonianza
NASH: prima giornata internazionale per la malattia della soda

Malattia epatica grassa non alcolica e NASH

NASH: prima giornata internazionale per la malattia della soda

Leggi l’articolo

Malattia epatica grassa non alcolica e NASH

"Fegato grasso" pericolo per un italiano su quattro

Leggi l’articolo
Esami del sangue: sapere leggere e comprendere i risultati di un test di funzionalità epatica

Malattia epatica grassa non alcolica e NASH

Esami del sangue: sapere leggere e comprendere i risultati di un test di funzionalità epatica

Leggi l’articolo

Schede malattie