«
»

Top

Polifarmacia: Cos'è e qual è il rischio per la nostra salute?

Pubblicata il 23 gen 2022 • Da Courtney Johnson

Con l'aumento della popolazione adulta anziana e del numero di giovani con condizioni di salute complesse, la polifarmacia è diventata un problema di crescente importanza. 

Ma cos'è la polifarmacia? Quali sono i rischi e come gestirla? 

Rispondiamo a queste domande e ad altre ancora qui sotto! 

Polifarmacia: Cos'è e qual è il rischio per la nostra salute?

Cos'è la polifarmacia?

Con l'avanzare dell'età, il rischio di sviluppare condizioni mediche croniche aumenta. Una delle conseguenze della gestione di più malattie croniche è l'uso quotidiano di più farmaci. Oggi, molti pazienti vedono più medici o specialisti, che prescrivono nuovi farmaci o cambiano i dosaggi, il che può complicare ulteriormente una situazione già difficile per i pazienti. 

Anche se la sua definizione è ancora dibattuta, la comunità medica è arrivata a definire generalmente la polifarmacia come l'uso di cinque o più farmaci su base giornaliera da parte di un individuo. 

La prevalenza della politerapia dipende da molteplici fattori (tra cui la definizione precisa di polifarmacia, il gruppo di età e la posizione geografica studiati), ma si stima che sia generalmente in aumento

Molti paesi stanno vedendo una rapida crescita della popolazione anziana di 65 anni e più, poiché la generazione dei baby-boomer invecchia e l'aspettativa di vita migliora, il che può contribuire all'aumento dei casi di polifarmacia. 

Quando la polifarmacia è benefica? 

La polifarmacia può essere usata sia in modo appropriato che inappropriato. Mentre la polifarmacia è spesso guardata attraverso una lente negativa, la prescrizione di più farmaci può essere accettabile e persino terapeuticamente benefica in molti casi.

"Polifarmacia appropriata" è un termine usato per descrivere la prescrizione di più di un farmaco per condizioni di salute multiple o complesse in modo che solo i farmaci necessari siano usati secondo le migliori prove per preservare la sicurezza e il benessere del paziente

Questo tipo di polifarmacia è clinicamente indicato per alcune condizioni. Spesso, alcuni farmaci possono avere interazioni positive specifiche e previste l'uno con l'altro quando vengono prescritti contemporaneamente, ottenendo un effetto maggiore di qualsiasi singolo farmaco da solo. Questo è particolarmente vero nelle aree della gestione del dolore e dell'anestesia, dove gli analgesici tipici come i FANS, gli inibitori delle prostaglandine, gli oppioidi e altri sono combinati con farmaci atipici come i rilassanti muscolari, gli antiepilettici, gli antidepressivi, gli antagonisti NMDA o altri agenti. 

Per esempio, nel primo anno dopo un infarto del miocardio (attacco cardiaco), un tipico regime di trattamento comprende: un beta-bloccante, una statina, un ACE-inibitore, un'aspirina e un agente antipiastrinico

In tutti i casi la polifarmacia dovrebbe essere interrotta quando è chiaro che il beneficio dei farmaci prescritti non supera più il potenziale di danno alla salute del paziente. 

Quando la polifarmacia mette a rischio la nostra salute?

Anche se la polifarmacia è spesso clinicamente necessaria, soprattutto quando si gestiscono diverse condizioni croniche, comporta comunque diversi rischi.

Cattiva gestione dei farmaci

L'assunzione di molti farmaci diversi allo stesso tempo può causare problemi sia per i pazienti che per i medici. 

Per i pazienti, la gestione, l'organizzazione e l'assunzione di più farmaci può essere difficile da gestire e può portare a errori nella conservazione o nell'assunzione corretta. I pazienti che assumono diversi farmaci possono dimenticare di prenderli, prenderli al momento sbagliato, o prenderli troppo frequentemente. Di conseguenza, il trattamento può fallire, la condizione può peggiorare, possono verificarsi reazioni ai farmaci e il paziente può finire in ospedale - tutte situazioni che possono essere potenzialmente pericolose per la vita

Per i medici, può essere difficile sapere o tenere traccia delle medicine che il paziente sta già prendendo, portando a errori di prescrizione o a una delle situazioni descritte sopra. 

Reazioni avverse ai farmaci e interazioni 

Un'altra preoccupazione quando si tratta di polifarmacia sono le reazioni avverse. Fa parte del territorio - più farmaci, più alto è il rischio di interazioni o reazioni.

In primo luogo, alcuni farmaci perdono efficacia se usati con altri farmaci che interferiscono con la loro azione. Questo è noto come un'interazione farmaco-farmaco

Inoltre, un farmaco usato per una condizione o sintomo può avere un effetto negativo su un'altra condizione di salute o sintomo. Questo fenomeno è noto come interazione farmaco-malattia. Per esempio, alcuni farmaci antinfiammatori che sono spesso usati come antidolorifici possono aumentare la pressione sanguigna e avere un impatto sulla funzione renale, quindi non dovrebbero essere prescritti a persone che hanno la pressione alta o condizioni renali. 

Come gestire la polifarmacia? 

Prendere più prescrizioni e farmaci da banco può essere travolgente. Per aiutare a gestire la polifarmacia, ecco alcuni consigli utili: 

  • Tieni una lista accurata e aggiornata di tutti i farmaci che stai prendendo. Questo dovrebbe includere farmaci prescritti, farmaci da banco, rimedi erboristici e integratori, così come le loro dosi. Assicurati di aggiornarla ogni volta che le tue prescrizioni cambiano. 
  • Assicurati che tutti i tuoi medici e/o specialisti siano a conoscenza delle medicine che stai prendendo, compresi e soprattutto i farmaci da banco, i rimedi naturali o gli integratori. 
  • Capire perché stai prendendo ciascuno dei tuoi farmaci. Capire a cosa serve ogni farmaco può aiutarti a prendere parte attiva nel tuo trattamento e a gestirlo meglio. Non esitare a discutere con il tuo medico degli effetti collaterali a cui prestare attenzione o a chiedere se qualche sintomo che stai sperimentando potrebbe essere legato a un effetto collaterale dei farmaci. 
  • Di tanto in tanto, discuti i tuoi regimi farmacologici con il tuo medico. Alcune condizioni o sintomi possono influenzare negativamente la tua salute e la qualità della vita, quindi gestirli con trattamenti appropriati è fondamentale. Ma altre condizioni o sintomi possono avere un impatto minore sulla tua salute o sulla qualità della vita, quindi potresti essere in grado di fare a meno di ulteriori farmaci. Chiedi al tuo medico se ci sono farmaci che non sono più necessari o se i cambiamenti nello stile di vita (ad esempio dieta, esercizio fisico, perdita di peso, ecc.) possono aiutarti a sospenderli. 
  • Adottare ausili o strumenti che ti aiutino ad assumere correttamente i tuoi farmaci. Se hai problemi a prendere i tuoi farmaci correttamente (cioè, al momento giusto, ecc.) parla con il tuo medico per semplificare il tuo regime di trattamento o passare a farmaci che possono essere presi meno volte al giorno. Per aiutarti, sono disponibili una serie di strumenti virtuali o fisici (applicazioni di promemoria dei farmaci su smartphone, organizzatori di pillole giornaliere o settimanali, ecc), e il tuo medico può aiutarti a identificare le opzioni migliori per te.


Avete trovato utile questo articolo? 

Cliccate su "mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto!  

Forza a tutte e tutti! 


8
avatar Courtney Johnson

Autore: Courtney Johnson, Redattrice di Salute

Courtney è una creatrice di contenuti presso Carenity e si concentra sulla scrittura di articoli sulla salute. Ha una particolare predilezione per i temi della nutrizione, del benessere e della... >> Per saperne di più

Chi ha riveduto: Antoine Seignez, Farmacista capo progetto in data science

Antoine ha un dottorato in farmacia e un dottorato in scienze della vita, specializzato in immunologia. Ha studiato all'Università di Borgogna. Molti dei suoi lavori sono stati pubblicati in riviste... >> Per saperne di più

1 commento


Jethro
il 29/01/22

Non conoscevo il termine "polifarmacia", e con un lieve brivido ho notato che è qualcosa con cui convivo indirettamente da venti anni ormai. Grazie a questo articolo ho imparato qualcosa di nuovo.

Convivo con il mio partner, lui ha vent'anni più di me, ed è una delle prime persone a essere stata diagnosticata positiva al virus HIV in Italia nei primi anni '80, si era infettato prima ancora di conoscere l'esistenza del virus, e ha dovuto prendere enormi quantità di medicine che lo hanno profondamente segnato fisicamente. Uno di quei farmaci (Crixivan) gli ha causato lipodistrofia, distribuzione anomala del grasso nel corpo, cosa per cui lui soffre ancora molto.

Ora he ha 65 anni, otre ai farmaci per l'HIV ha dovuto aggiungere quelli per il cuore, per la tiroide, la pressione e il diabete, ovvero oltre dieci pastiglie al giorno.

Per fortuna riusciamo a gestire i farmaci in casa, un po' più difficile è fare in modo che i vari dottori che lo visitano riescano a farsi un'idea di quale sia la terapia migliore da seguire di volta in volta.

Quello che noi vorremmo, dopo anni di cinema americano, sarebbe qualcosa di più pratico dei blister per le pillole, in TV si vedono sempre persone che prendono i loro farmaci da dei pratici barattolini richiudibili. Questo ci farebbe risparmiare tempo e renderebbe meno stressante la preparazione della terapia: noi prepariamo ogni domenica dei portapillole con le medicine per tutta la settimana

Ti piacerà anche

Farmaci antinfiammatori steroidei e non steroidei: vi diciamo tutto!

Farmaci antinfiammatori steroidei e non steroidei: vi diciamo tutto!

Leggi l’articolo
Covid-19: quali sono gli effetti collaterali dell'indossare una mascherina?

Covid-19: quali sono gli effetti collaterali dell'indossare una mascherina?

Leggi l’articolo
Quali sono i benefici psicologici dell'interazione con una comunità di pazienti?

Quali sono i benefici psicologici dell'interazione con una comunità di pazienti?

Leggi l’articolo
Disturbi del sonno: quando e come possono essere curati?

Disturbi del sonno: quando e come possono essere curati?

Leggi l’articolo

Discussioni più commentate