«
»

Top

Quali farmaci disturbano la glicemia?

Pubblicata il 10 nov 2020 • Aggiornato il 11 nov 2020 • Da Doriany Samair

La glicemia è sottoposta a un sistema di regolazione fisiologica che può essere interrotto da alcuni farmaci.

Quali farmaci causano iperglicemia o ipoglicemia? È transitorio o permanente? Possono sbilanciare un diabete controllato? O causare il diabete?

Vi raccontiamo tutto nel nostro articolo!

Quali farmaci disturbano la glicemia?

Alcuni richiami sulla glicemia e i suoi meccanismi di variazione

Il glucosio (zucchero) è una fonte di energia essenziale per il corretto funzionamento delle nostre cellule e degli organi vitali. I muscoli, ad esempio, sono grandi consumatori di glucosio e sono in grado di costituire riserve (sotto forma di glicogeno) che possono essere mobilitate durante uno sforzo. Al contrario, il cervello deve essere rifornito di energia continuamente perché non è in grado di accumulare scorte.

La glicemia è il livello di glucosio nel sangue. Il livello di glicemia (valori normali [0,7-1,1 g/L o 3,9-5,5 mmol/L]) è regolato principalmente dal sistema ormonale. Mantenere una glicemia "normale" dipende in gran parte dall'equilibrio tra due ormoni sintetizzati dal pancreas: l'insulina e il glucagone.

L'insulina è responsabile dell'ingresso del glucosio nelle cellule, induce una diminuzione della glicemia: ad esempio, dopo un pasto, la secrezione di insulina viene stimolata ad utilizzare e conservare il glucosio fornito dall'alimentazione. Di conseguenza, il livello di glucosio nel sangue diminuisce.

Il glucagone, d'altra parte, è responsabile di un aumento della glicemia per compensare un eccessivo calo dei livelli di glucosio nel sangue. La sua azione si oppone a quella dell'insulina, ad esempio, nei diabetici, in caso di ipoglicemia grave con perdita di coscienza, il glucagone viene iniettato d'emergenza.

Altri fattori intervengono, come l'ormone della crescita o l'adrenalina che sono secreti in situazioni che richiedono energia e quindi aumentano la glicemia. Gli ormoni "adattano" i livelli di zucchero nel sangue alle esigenze del corpo e questo spiega le variazioni dei livelli di zucchero nel sangue. In un individuo sano, queste variazioni sono controllate e si verificano in modo transitorio.

Ipoglicemia, iperglicemia: cause e segni clinici

L'ipoglicemia è definita da un livello di glucosio nel sangue inferiore a 0,7 g/L. In un individuo sano, questi episodi ipoglicemici si risolvono rapidamente. Ad esempio, l'attività fisica, il semplice sforzo o il digiuno aiutano a consumare il glucosio, e così abbassando i livelli di glucosio della glicemia.

L'ipoglicemia si manifesta con segni clinici tipici: nausea e tremore, disturbi visivi, palpitazioni, tachicardia, sudorazione, mal di testa, fame, disturbi comportamentali (irritazione), pallore e confusione. La priorità in questa situazione è il riassorbimento immediato: si raccomanda quindi di ingerire circa 15g di carboidrati, che corrispondono a 2 o 3 pezzi di zucchero bianco o di canna (preferibilmente diluito in acqua), 15 cL di succo di frutta o soda o 1 cucchiaio di marmellata o miele. Se la glicemia è ancora troppo bassa 15 minuti dopo, si può ripetere l'operazione. Basta fare attenzione a non mangiare troppo in una volta per non cadere nel caso opposto: iperglicemia. .

L'iperglicemia è definita da un livello di glucosio nel sangue superiore a 1,1 g/L. Ci sono una moltitudine di situazioni fisiologiche momentanee in cui il livello di glucosio nel sangue (mobilizzabile) aumenta improvvisamente. Situazioni come infezioni, stress o semplicemente mangiare causano episodi iperglicemici. D'altra parte, se l'iperglicemia diventa cronica, si parlerà di diabete. Si manifesta con una sindrome poliuro-polidipsia (sete intensa e stanchezza, stimolo costante e frequente a urinare).

Quali farmaci richiedono misure precauzionali per un diabetico?

Il monitoraggio regolare della glicemia è raccomandato per i diabetici di tipo 1 (a volte di tipo 2).

Tanto più che i trattamenti ipoglicemici antidiabetici come l'insulina, le sulfoniluree (o sulfonamidi) mettono a confronto i pazienti con effetti collaterali come gli episodi ipoglicemici. L'ipoglicemia è una situazione di emergenza in cui un diabetico deve essere autonomo.

Nei diabetici, una glicemia controllata è essenziale per un trattamento efficace, quindi l'automedicazione concomitante deve essere usata con cautela. In effetti, le interazioni tra i farmaci non sono rare e a volte causano effetti negativi o possono modificare il trattamento in corso.

Ad esempio, uno sciroppo per la tosse contenente zucchero o alcol può aumentare i livelli di zucchero nel sangue. Per la maggior parte di queste specialità sono disponibili versioni senza zucchero, quindi non esitate a dirlo al vostro farmacista se avete dimenticato. L'iperglicemia è stata segnalata con i contraccettivi orali (soprattutto estrogeno-progestogeni), il diabete deve essere preso in considerazione nella scelta della pillola.

Al contrario, l'aspirina o i FANS (ibuprofene) in dosi elevate possono causare ipoglicemia, questo fatto deve essere preso in considerazione. Si raccomanda la vigilanza con beta-bloccanti (e alcol) i cui effetti possono mascherare i segni clinici dell'ipoglicemia.

Inoltre, l'assunzione di paracetamolo, aspirina e vitamina C può interferire con i risultati di alcuni sensori di glicemia. Si consiglia di misurare il livello di zucchero nel sangue a distanza da qualsiasi farmaco.

Quali sono i farmaci che possono causare il diabete?

Alcuni farmaci causano quello che viene chiamato "diabete indotto", cioè il diabete indotto da farmaci. Infatti, l'attuazione di un trattamento a lungo termine per alcune patologie croniche richiede una valutazione preterapeutica e talvolta una valutazione durante il periodo di introduzione. Ciò vale in particolare per la terapia con corticosteroidi (uso di steroidi), che richiede un controllo preterapeutico: è necessario un controllo del peso e della pressione sanguigna; si deve verificare la presenza di siti infettivi (eliminare la tubercolosi e l'anguillulosio); si deve effettuare un esame del sangue completo (emogramma e ionogramma del sangue), un esame della glicemia e dei lipidi (glicemia a digiuno, test dei lipidi: LDL, HDL, trigliceridi), così come test renali, epatici e cardiaci (CRP, urea e creatinina). 

Tutte queste precauzioni sono essenziali perché i corticosteroidi agiscono su diversi metabolismi e possono disturbare l'omeostasi (processo fisiologico di autoregolazione) del corpo. Ad esempio, durante la terapia con corticosteroidi a lungo termine, si raccomanda una dieta povera di sale e zuccheri veloci. La terapia con corticosteroidi influisce sul metabolismo dei carboidrati e può portare al diabete a lungo termine.

Sintesi dei farmaci che disturbano la glicemia

Molti farmaci possono causare variazioni nei livelli di zucchero nel sangue. Mentre le variazioni sono minime per la maggior parte della popolazione generale, le persone con diabete devono essere particolarmente vigili sull'assunzione dei farmaci elencati di seguito.

editor_meta_bo_img_0a875f781eaf25d015976ee4034d7495.png

editor_meta_bo_img_11acaafb14d6b42d29cfd83dbbe84bc7.png

Fonte: i farmaci che disturbano la glicemia

Se si riscontrano segni clinici insoliti a seguito di un cambiamento del trattamento o del dosaggio, parlate con un operatore sanitario, ma non interrompete mai il trattamento senza il parere del medico. Sono prescritti test di monitoraggio trimestrali o annuali per prevenire questo tipo di effetti negativi e per garantire l'efficacia dei trattamenti.

Questo articolo vi è stato utile?

Condividete la vostra opinione e le vostre domande nei commenti qui di seguito!

Forza a tutte e tutti!


avatar Doriany Samair

Autore: Doriany Samair, Assistente di Marketing Digitale

All'interno del team di Marketing Digitale, Doriany si occupa di scrivere schede malattie e articoli scientifici. Si occupa anche della moderazione e dell'animazione della comunità sul forum, al fine di consentire... >> Per saperne di più

Chi ha riveduto: Charlotte Avril, Farmacista, Data Scientist

Charlotte è Dottore in Farmacia e laureata del Master specializzato in Gestione Farmaceutica e Biotecnologica dell'ESCP. Ha un forte interesse per l'e-health, la tecnologia sanitaria, le malattie rare e le... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Farmaci antinfiammatori steroidei e non steroidei: vi diciamo tutto!

Farmaci antinfiammatori steroidei e non steroidei: vi diciamo tutto!

Leggi l’articolo
Covid-19: quali sono gli effetti collaterali dell'indossare una mascherina?

Covid-19: quali sono gli effetti collaterali dell'indossare una mascherina?

Leggi l’articolo
Quali sono i benefici psicologici dell'interazione con una comunità di pazienti?

Quali sono i benefici psicologici dell'interazione con una comunità di pazienti?

Leggi l’articolo
Disturbi del sonno: quando e come possono essere curati?

Disturbi del sonno: quando e come possono essere curati?

Leggi l’articolo