«
»

Top

Quali malattie e quali farmaci sono incompatibili con il paracetamolo?

21 giu 2019 • 21 commenti

Il paracetamolo è un farmaco molto diffuso. Utilizzato in condizioni normali, è sicuro e efficace, ma conoscete le interazioni farmacologiche e le malattie per le quali questo farmaco è controindicato? Leggete la nostra guida per saperne di più.

Quali malattie e quali farmaci sono incompatibili con il paracetamolo?

Cos’è il paracetamolo?

Il paracetamolo è il farmaco più venduto in Italia. Il paracetamolo è la sostanza attiva di un certo numero di farmaci analgesici, vale a dire che allevia i dolori lievi a moderati. Può anche essere usato in caso di febbre. Il paracetamolo è un farmaco sicuro e efficace quando viene utilizzato in condizioni normali. Può quindi essere utilizzato nei bambini e donne incinte o che allattano.

Quando e come prendere paracetamolo?

Per un adulto di peso > 50kg, la dose massima raccomandata di paracetamolo è di 3 grammi al giorno. Ciò corrisponde a 3 compresse di 1g al giorno al massimo, sapendo che 1g = 1000 mg. In caso di dolori più forti e con il consiglio di un medico, la dose massima può essere di 4 grammi al giorni durante un breve periodo.

In queste due casi, l’assunzione di paracetamolo deve essere spaziata di almeno 4 ore, il meglio è di aspettare 6 ore tra due assunzioni.

Attenzione! In alcuni casi, la dose massima e la durata tra le assunzioni possono cambiare. Questi casi sono spiegati più basso nell’articolo.

La dose più efficace di paracetamolo rimane, come in molti farmaci, la dose più lieve durante il periodo più breve.

In caso di uso di paracetamolo per un dolore acuto, se questo persiste dopo 5 giorni di trattamento, si raccomanda di chiedere un consiglio medico. In caso di febbre, se dopo 3 giorni di trattamento con paracetamolo non c’è un miglioramento, oppure un peggioramento, si deve consultare un medico.

Quali sono i farmaci che contengono paracetamolo?

Esistono numerose specialità che contengono paracetamolo. In alcuni casi, è combinato con altre molecole.

Si raccomanda di evitare l’associazione di due farmaci che contengono paracetamolo e se non è possibile, di non superare la dose massima di 3 grammi al giorni. Ecco una lista di farmaci principali che contengono paracetamolo:

Paracetamolo solo

· Dafalgan®

· Efferalgan®

. Tachipirina®

Farmaci con o senza prescrizione medica che contengono, tra l’altro, paracetamolo (paracetamolo in associazione)

· Dafalgan Codeina®

. Codamol®

· Actifed®

. Nirolex febbre e dolore®

. Perfalgan®

Quali patologie possono essere incompatibili con il paracetamolo?

Insufficienza renale

Nel caso di insufficienza renale, si raccomanda di lasciare un intervallo di 8 ore tra due assunzioni di paracetamolo e di non superare 3g al giorno.

Insufficienza epatica

Un’insufficienza epatica grave è una controindicazione assoluta all’uso di paracetamolo. In effetti, la sua eliminazione dipende dal fegato quindi quando questo non funziona bene, il paracetamolo non potrà essere eliminato in modo giusto.

In caso di insufficienza epatica lieve o moderata, si raccomanda di limitare il suo consumo di paracetamolo a 2 a 3 grammi al giorno e di usarlo soltanto durante brevi periodi restando sempre attento. Consultare il vostro medico per qualsiasi dubbio!

>> Leggete il nostro articolo sui vantaggi della telemedicina

Quali farmaci possono essere incompatibili con il paracetamolo?

Anti vitamina K: AVK (Coumadin®, Previscan®, Warfarin)

Durante l’assunzione di paracetamolo contemporaneamente ad un AVK, bisogna stare attento. In effetti, durante l’assunzione di 4g di paracetamolo al giorno durante almeno 4 giorni, c’è un rischio di aumento dell’effetto degli AVK e quindi un aumento del rischio emorragico.

In questo caso, un controllo biologico con la misura dell’INR deve essere fatto durante e alla fine del trattamento con paracetamolo.

Le resine sequestranti degli acidi biliari: Questran®

Il Questran® può provocare uno scarso assorbimento intestinale del paracetamolo, si raccomanda di spaziare le assunzioni dei due farmaci di almeno 2 ore.

La tossicità per il fegato

Durante l’eliminazione del paracetamolo dal fegato, una piccola parte si trasforma in un prodotto tossico per questo. In caso di sovradosaggio in paracetamolo, c’è un aumento importante del metabolito tossico. Si parla di sovradosaggio in paracetamolo quando si prende più di 6 grammi di paracetamolo al giorno.

Un sovradosaggio può quindi provocare una tossicità grave del fegato ed epatiti acute.

Questa tossicità può anche essere aumentata durante l’assunzione di alcuni farmaci contemporaneamente al paracetamolo.

Ecco alcuni farmaci che rischiano di aumentare la tossicità del fegato:

Alcuni farmaci antiepilettici

· Fenobarbital (Alepsal®, Gardenal®)

· Fenitoina (Di-Hydan®, Diphantoine®)

· Carbamazepina (Tegretol®)

· opiramate (Epitomax®)

L’antibiotico Rifampicina (Rifadine®, Rifater®, Rifinah®, Rimactan®)

Se prendete regolarmente del paracetamolo senza prescrizione per alleviare i dolori, non esitate a parlarne con il vostro medico, potrà forse proporvi altre soluzioni più adeguate per alleviare questi dolori.

E voi, usate spesso paracetamolo? Conoscete queste controindicazioni?

 

 

Fonte: AIFA

avatar Louise Bollecker

Autore: Louise Bollecker, Content Manager & Community Manager France

Community manager di Carenity in Francia, Louise è anche Content Manager per proporre ai membri degli articoli, video e testimonianze. Il suo obiettivo è di portare la voce dei pazienti per far capire... >> Per saperne di più

Commenti

giovanna59
il 26/06/19

Purtroppo nn posso farne a meno

Mi dà sollievo dai dolori

il 26/06/19

Grazie per questo articolo, molto interessante. Su di me non ha nessun beneficio. Solo la morfina mi dava sollievo per qualche ora. Il paracetamolo è come una caramella per me. Ora per fortuna, dopo un anno di farmaci al reparto di terapia del dolore ho smesso con molta fatica con tutto. Se non ci sono benefici non ha senso drogarsi di quella roba. Ma se un minimo di sollievo lo da, io sono favorevole. 

maryterry52
il 02/07/19

Faccio uso di paracetamolo almeno tre volte a settimana, soffro di artrite psoriasica e non tollero i farmaci biologici...provati quasi tutti, per esperienza posso dire che i farmaci biologi mi hanno creato grossi problemi.

Ciuppy81
il 03/07/19

Grazie mille x l’ar Interessante!!! Io sono allergica ai farmaci F.A.N.S. e l’unico farmaco che posso usare è la Tachipirina! Non conoscevo queste controindicazioni...adesso che ho letto l’articolo farò +attenzione! Cmq cerco di prenderla con moderazione!

silvia60
il 05/07/19

Articolo interessante, prendo spesso la Tachipirina, fortunatamente non soffro di problemi renali ne di fegato e non assumo nessuno dei farmaci che avete elencato pertanto è già buono poiché non conoscevo tutte queste cose e di farmaci ne assumo parecchi

Ti piacerà anche

Intervista di esperto: Scoprire la neuropsicologia (2/3)

Malattia di Alzheimer

Intervista di esperto: Scoprire la neuropsicologia (2/3)

Leggi l’articolo
La diagnosi della NASH raccontata dai membri Carenity

Cirrosi epatica
Epatite A
Epatite B
Epatite D
Epatite dell'infanzia
Epatite E
Epatite H
Epatiti autoimmuni
Insufficienza epatica
Malattia epatica grassa non alcolica e NASH
Malattia veno-occlusiva epatica
Sindrome epatorenale
Tumori benigni del fegato

La diagnosi della NASH raccontata dai membri Carenity

Leggi l’articolo
Intervista di esperto: Scoprire la neuropsicologia (1/3)

Intervista di esperto: Scoprire la neuropsicologia (1/3)

Leggi l’articolo
La diagnosi del morbo di Crohn raccontata dai membri Carenity

Morbo di Crohn

La diagnosi del morbo di Crohn raccontata dai membri Carenity

Leggi l’articolo