«
»

Top

Tumore dell'ovaio: quali sono i trattamenti?

05 feb 2020 • 6 commenti

Anche se la chirurgia è il trattamento standard per il tumore dell'ovaio, non è sempre possibile o desiderato dalle pazienti. Quali sono le altre opzioni? Come scegliere? Leggete la nostra guida per capire meglio i suggerimenti del vostro medico.

Tumore dell'ovaio: quali sono i trattamenti?

Il tumore dell'ovaio colpisce 1 donna su 70 e rappresenta più di 3.000 decessi all'anno in Francia. La sua letalità può essere spiegata, tra l'altro, dal fatto che spesso viene diagnosticato in uno stadio avanzato del cancro (stadio III o IV). Il trattamento di riferimento è basato sulla chirurgia, ma spesso è accompagnato da chemioterapia o anche da terapie innovative mirate.


1. La chirurgia

Si tratta del trattamento standard per il tumore dell'ovaio. La procedura chirurgica è diversa a seconda dello stadio del cancro, ma l'obiettivo rimane lo stesso: rimuovere tutte le lesioni cancerose visibili. Si esegue per laparotomia (apertura dell'addome) nella maggior parte dei casi o per laparoscopia (piccole incisioni) se il cancro è molto localizzato. Prima dell'intervento è quindi necessario determinare lo stadio del cancro e fissare un appuntamento con il chirurgo e l'anestesista.

Per chi?

Per le pazienti con cancro in stadio precoce (I) o avanzato (IIIC).

A che punto del percorso sanitario?

La chirurgia viene proposta molto spesso non appena viene fatta la diagnosi e dopo la valutazione dello stadio del tumore.

Come si svolge?

>> In caso di stadio precoce

Si tratta di rimuovere le ovaie, le tube di Falloppio e l'utero. Se la paziente desidera avere figli e il cancro è in uno stadio molto precoce (una sola ovaia colpita), può essere possibile eseguire un intervento chirurgico conservativo: solo l'ovaia colpita e la tuba di Falloppio associata vengono rimosse.

>> In caso di cancro avanzato

Il chirurgo di solito rimuove le ovaie, l'utero, le tube di Falloppio, l'omento, i linfonodi pelvici e aortici, l'appendice e altre aree addominali colpite dal cancro, se presenti (peritoneo, segmenti di intestino, colon o retto...).

Quali sono i vantaggi?

Si rimuove la quasi totalità anzi la totalità del tumore.

Quali sono i limiti?

L'unico caso in cui la chirurgia non è sistematica è quando la paziente presenta metastasi che vanno oltre il peritoneo (fegato, polmoni), in questo caso viene discussa caso per caso. La chirurgia rende impossibile qualsiasi gravidanza futura (a meno che sia possibile un intervento chirurgico conservativo). Inoltre, sono importanti gli effetti collaterali intestinali, urinari e sessuali.


2. La chemioterapia

Di solito combina due tipi di farmaci: un sale di platino (come il CARBOPLATINO) e un taxano (come il PACLITAXEL). I farmaci utilizzati, le dosi somministrate e la durata del trattamento variano da una paziente all'altra, in funzione delle caratteristiche del cancro e della tolleranza del trattamento.

Per chi?

Per le pazienti con tumore di stadio IA e IB di grado 3 (limitato alle ovaie ma aggressivo) fino allo stadio IIIC (esteso o metastatico).

Come viene somministrata?

Attraverso una camera impiantabile (piccola scatola posta sotto la pelle e collegata al catetere che viene posto in una vena), direttamente nell'addome con l'aiuto di un catetere o durante l'intervento chirurgico, al termine dell'operazione, per circa dieci minuti.

A che punto del percorso sanitario?

La chirurgia può essere coadiuvante, cioè preceda l'intervento chirurgico per ridurre le dimensioni del tumore, e/o adiuvante, cioè dopo l'intervento chirurgico per rimuovere le cellule tumorali rimanenti e ridurre il rischio di recidiva. Può anche essere l'unico trattamento che viene iniziato all'inizio nei casi di metastasi che si estendono oltre il peritoneo.

Quali sono i vantaggi?

Ridurre le dimensioni del tumore per facilitare l'intervento, uccidere le cellule tumorali rimanenti dopo l'intervento o ridurre il rischio di recidive.

Quali sono i limiti?

Ci sono molti effetti collaterali, difficili da tollerare per le pazienti, come nausea e vomito, diarrea, perdita di capelli o ancora stanchezza...


3. Le terapie mirate

Si tratta di terapie che mirano una componente specifica del tumore, a differenza della chemioterapia, che mira sia le cellule tumorali che quelle sane. Il primo rappresentante di questa nuova classe di farmaci è LYNPARZA.

Per chi?

Per le pazienti il cui tumore ovarico è caratterizzato dalla sola mutazione del gene BRCA1 o 2. Per scoprire se il tumore presenta tali mutazioni, è necessario fare uno screening genetico di un campione del tumore.

A che punto del percorso sanitario?

In caso di cancro avanzato e recidivato, dopo la chemioterapia.

Quali sono i vantaggi?

La terapia mirata presenta buoni risultati clinici nei pazienti interessati e permette di limitare la recidiva del loro cancro.

Quali sono i limiti?

Non è indicata in tutte le pazienti affette da tumore dell'ovaio.

Attenzione, questo articolo è generale e non sostituisce in nessun caso una prescrizione medica. Non fa riferimento ad eventuali casi particolari che possono esistere. Ogni paziente è diverso, comunque parlatene con il vostro medico!

avatar Camille Dauvergne

Autore: Camille Dauvergne, Junior Community Manager Francia

Camille Dauvergne è attualmente Community Manager Junior in Carenity. Assiste il Community Manager Francia nell'animazione della piattaforma, facilitando la navigazione dei membri e promuovendo le loro interazioni. Camille partecipa alla redazione di articoli scientifici disponibili nella Rivista Salute, e partecipa anche all'aggiornamento delle schede malattie e farmaci.

>> Per saperne di più

Commenti

il 12/02/20

e chi non ha modificazioni del BRCA. non ha terapie alternative?

il 13/02/20

Io non ho mutazione genetica ma vogliono effettuare ulteriore esame somatico... Ho moltissimi casi di tumore lato materno... Ora dopo laparotomia a febbraio 2019 e linfonodoctomia dicembre 2019 (perché il tumore si era nascosto nei linfonodi aortici) ho iniziato altro ciclo di chemio 6 più terapia biologica con bevacizumab per un anno. Io sono assistita a Caserta ma ho chiesto un consulto all'istituto Pascale a Napoli . Sono andata da Sandro Pignata. A Roma c'è Scambia e a Milano l'oncologo Colombo. Questi sono gli oncologi specializzati per il nostro tumore infame. Io chiederei un parere a loro. Solo per essere certa... I protocolli quelli sono ma una chemio in più può fare la differenza. Pignata mi ha detto che 2 chemio facevano ben poco. Il mio oncologo a Caserta ha seguito il consiglio di Pignata che è appunto specializzato in questo tipo di tumori. In bocca al lupo e chiedi un altro parere. Un abbraccio 

il 13/02/20

Perché due interventi ?

di solito si fa il  debulking , cioè si toglie tutto ciò che può fare recidivare 

a me hanno tolto tutto , micro metastasi  con iniziale infiltrazione  negli organi del peritoneo , utero , colon , vescica ecc puliti e solo 3 linfonodi positivi , stadiazione 3A1

il chirurgo che mi ha operato ha eseguito il debulking come da protocollo . 
ho finito di fare chemio con la remissione totale della malattia

a breve dovrò fare Tac ed esami di fine chemio e visita agli inizi di Marzo con la d.saa Colombo

nel mio stadio non c’è terapia di mantenimento , sebbene si sia dimostrato l’efficacia con i parp inibitori anche nel mio stadio , ma attualmente il servizio sanitario non li passa 

spero mi vada bene , anche perché dicono che la prognosi solo con interessamento linfonodale sia buona 

il 13/02/20

 2 interventi perché a febbraio i linfonodi erano puliti...non si evinse dalla tac... Ero pulita poi al secondo follow up era superiore al centimetro. Stai con oncologa Colombo... Sono il top dell'eccellenza italiana. Lei Scambia e Pignata. 

il 15/02/20

Il chirurgo oncologo che mi ha operata ha tolto già in prima battuta tutti i linfonodi aortici e para Vortici

C’è’ da dire che già con l’intervento il dott si è accorto che erano gonfi e li ha tolti . Sono risultata positiva a 3 linfonodi sul lato dx dove era la massa ovarica  , indenne sul lato sx malgrado ci fosse malattia anche all’ovaio sx . 

 La tac  prima dell’intervento , ha evidenziato solo la massa pelvica malgrado ci fossero micro metastasi e linfonodi coinvolti .

E’ un tumore subdolo , un anno prima l’eco non aveva rilevato nulla di anomalo .  Secondo il parere del medico che mi ha operato , la malattia per lo stadio che era non aveva più di 6 mesi . Altri 6 mesi e sarei stata spacciata .

Ti piacerà anche

La diagnosi del morbo di Crohn raccontata dai membri Carenity

Morbo di Crohn

La diagnosi del morbo di Crohn raccontata dai membri Carenity

Leggi l’articolo
La diagnosi del cancro raccontata dai membri Carenity

Adamantinoma
Astrocitoma
Carcinoma basocellulare
Carcinoma epidermoide della testa e del collo
Condrosarcoma mixoide extrascheletrico
Cordoma
Coriocarcinoma
Dermatofibrosarcoma di Darier-Ferrand
Feocromocitoma
Glioblastoma
Leucemia linfatica acuta
Leucemia linfatica cronica
Leucemia mieloide acuta
Leucemia mieloide cronica
Linfoma di Hodgkin
Linfoma non-Hodgkin
Macroglobulinemia di Waldenstrom
Mesiotelioma
Mielofibrosi
Mieloma multiplo
Nefroblastoma
Neoplasia endocrina multipla
Neuroblastoma
Retinoblastoma
Sarcoma di Ewing
Sarcoma di Kaposi
Sindrome di Sézary
Sindromi mielodisplastiche
Tumore al cervello
Tumore al timo
Tumore del collo dell'utero
Tumore del colon-retto
Tumore del fegato
Tumore del nasofaringe
Tumore del palato
Tumore del pancreas
Tumore del polmone
Tumore del rene
Tumore del seno
Tumore del testicolo
Tumore dell'ano
Tumore dell'endometrio
Tumore dell'esofago
Tumore dell'ovaio
Tumore della bocca
Tumore della gola
Tumore della laringe
Tumore della lingua
Tumore della parotide
Tumore della pelle
Tumore della pleura
Tumore della prostata
Tumore della tiroide
Tumore della vagina
Tumore della vescica
Tumore della vulva
Tumore delle vie biliari
Tumore dello stomaco
Tumore di Merkel
Tumore endocrino entero-pancreatico
Tumore gliale
Tumore maligno delle tube
Tumore neuroendocrino
Tumore osseo
Tumore peritoneale primario
Tumore rabdoide
Tumore stromale gastrointestinale
Tumore tonsillare

La diagnosi del cancro raccontata dai membri Carenity

Leggi l’articolo
La nostra guida per una visita medica di successo

La nostra guida per una visita medica di successo

Leggi l’articolo
Disturbi del sonno: quando e come possono essere curati?

Disturbi del sonno: quando e come possono essere curati?

Leggi l’articolo