«
»

Top

I cibi ricchi di omega-3 allontanano l'ipertensione

21 nov 2016 • 3 commenti

I cibi ricchi di omega-3 allontanano l'ipertensione

Una dieta ricca di cibi che contengono omega-3, come il pesce o gli spinaci, aiuta a prevenire l'ipertensione. Lo conferma uno studio svizzero.

Nelle persone che soffrono di pressione alta, la dieta, come l'attività fisica aerobica sono un importante supporto per tenere a bada i valori. Uno studio dell'Università di Zurigo, presentato nel corso del meeting annuale dell'American Heart Association ha evidenziato i benefici di una dieta ricca di omega-3 sulla pressione del sangue nelle arterie. Verdure, oli vegetali e pesce emergono come pilastri di una dieta utile a tenere lontana l'ipertensione.

LO STUDIO
La ricerca ha preso in considerazione circa 2000 soggetti con un età compresa tra i 25 e i 41 anni. Tutti i partecipanti, all'inizio dell'esperimento, avevano condizioni di salute ottimali e un indice di massa corporea di 35 kgm2. Gli studiosi hanno deciso di suddividere le persone in 4 gruppi, a seconda della quantità di omega-3 circolante nel loro organismo.

ADDIO IPERTENSIONE
Nei soggetti con i valori più elevati di questi acidi grassi essenziali, secondo i risultati, sono stati evidenziati dei netti miglioramenti nella pressione sistolica (4 mmhg in meno) e nella pressione diastolica (2 mmhg). Questo significa, secondo gli studiosi, che una dieta ricca di cibi con omega-3 aiuta a diminuire la pressione del sangue nelle arterie, allontanando così l'ipertensione.

Quotidiano.net

Commenti

jojojo
il 21/11/16

D'accordo, l'alimentazione corretta è sempre raccomandabile. Però 4 mm di mercurio (Hg maiuscolo!) per la pressione sistolica e 2 mm Hg per la diastolica sono valori molto piccoli e dell'ordine probabilmente della deviazione standard della misura campionaria.

Misure igieniche forse più significative sono l'attività fisica (in particolare camminare nei boschi e in montagna), la riduzione del peso in caso di obesità e la drastica riduzione del cloruro di sodio.

Per l'abbassamento e il controllo della pressione arteriosa è però fondamentale (e purtroppo quasi sempre necessaria) la cura farmacologica.

giupipino
il 21/11/16

La ricerca conferma cose sacrosante, che vengono taciute al grande pubblico per non compromettere gli affari che le case farmaceutiche fanno con i numerosi farmaci contro l'ipertensione, l'ipertrigliceredemia, l'ipercolesterolemia, la gotta e il DIABETE. Una dieta con elevate quantità di OMEGA 3, come quella che si ottiene con abbondante utilizzo di PESCE, OLIO DI OLIVA, OLIO DI LINO, e NOCI, infatti non solo fa diminuire la pressione (ben oltre i 4 punti indicati dalla ricerca) ma abbassa DRASTICAMENTE i trigliceridi, il colesterolo e la GLICEMIA. Oltre a contribuire ad un abbassamento consistente del peso corporeo.

Il valore dei miei trigliceridi lo scorso anno era 450, mentre il colesterolo totale era 220.
La mia pressione massima era 160. Ero costretto a prendere Ramipril per la pressione in dosi crescenti (da 2.5 a 7.5) per tenerla a bada. Avevo capogiri. La mia memoria era molto scarsa e l'umore era a terra (avevo la paura che fossero i primi sintomi di Altzheimer). 

Adesso, dopo un anno di dieta modificata (nuova dieta basata su frutta, verdure e ortaggi. Proteine solo dal pesce e dal pollame biologico). Movimento di un'ora al giorno. Eliminazione di latte, formaggi e alcool. Assunzione giornaliera di tre grammi  di OLIO DI PESCE, la mia pressione si è normalizzata SENZA BISOGNO DI FARMACI. I miei trigliceridi adesso valgono 160 e il colesterolo totale vale 150. La gotta è sparita e il peso si è ridotto di 10 chili.

Oltre naturalmente ad avere valori del tutto normali di glicemia (<110) e glicata (5.7)

La mia memoria è tornata quella di una volta. Ho voglia di uscire con gli amici, di divertirmi e di far l'amore.

Chi sa se qualche ricerca ci dirà mai tutto ciò (ne dubito molto)...

Bernard
il 21/11/16

Si è letto in alcune notizie a riguardo e dice che bisogna non superare le dosi da consumare ,altrimenti gli effetti benefici, nel caso di diabete,si possono capovolgere notevolmente,ed è per questo preferibile utilizzare le pillole rosse di omega-3.

Ti piacerà anche

Intervista di esperto: Scoprire la neuropsicologia (3/3)

Malattia di Alzheimer

Intervista di esperto: Scoprire la neuropsicologia (3/3)

Leggi l’articolo
Malattia di Castleman: tutto quello che dovete sapere!

Malattia di Castleman

Malattia di Castleman: tutto quello che dovete sapere!

Leggi l’articolo
Melanoma: come sapere se un neo è pericoloso?

Melanoma: come sapere se un neo è pericoloso?

Leggi l’articolo
Incontro con Marie-Gabrielle, la nostra Product & Engagement Manager

Incontro con Marie-Gabrielle, la nostra Product & Engagement Manager

Leggi l’articolo